I RACCONTI DELLA NONNA – 1

   

Un’Amica ha inviato questo delizioso raccontino. Una storiella breve ma ricca di contenuti nei quali noi stessi possiamo identificare episodi del nostro passato.

 

il nostro corale 

La ringraziamo per la scelta, e la invitiamo ad inviarci presto altri suoi lavori, grazie!

Siamo tutti felici di accoglierla.

 

   

LE SCORTE

Le strade, in quei posti lontani da tutto, non erano asfaltate. D'estate la polvere veniva sollevata dai pochi mezzi che le percorrevano; le piogge creavano invece delle grosse pozze di melma, difficili da praticare.

 

Il centro del paese era lontano alcuni chilometri e in esso era presente un solo negozio che vendeva un po' di tutto, dagli alimentari alla merceria.

Ogni 15 giorni passava davanti alle case lontane dal paese un uomo con il suo biroccio, che scatenava la corsa e l'allegria dei bambini e vendeva anche lui ogni genere di prodotti, dalle caramelle alle forbici o il filo per cucire.

Le massaie gestivano l'approvvigionamento della casa facendo scorta di tutto ciò che serviva per la vita della famiglia.

 Nelle cucine di casa erano presenti della grosse madie che contenevano le scorte di sale, zucchero, fagioli. Il grano veniva portato al forno del paese per fare delle grosse pagnotte che duravano parecchi giorni, conservate nelle madie.

 I salumi prodotti dalla macellazione del maiale erano conservati appesi nelle cantine di casa, insieme allo strutto sciolto e messo in grosse bottiglie, le patate al buio con loro.

In angolo della cucina, quando il lavoro dei campi lasciava un po' di tempo libero, la nonna filava la lana prodotta dalla poche pecore che possedeva.

           

Richard Clayderman – Belle  

 


COMMENTI

  1. il 06 ottobre, 2018 gianna.vr dice:

    Sono ricordi che ne fanno affiorare altri, di simili:
    la madia con le provviste, il venditore ambulante che era un vero emporio con un assortimento incredibile di merci, la macellazione del maiale, le strade polverose o fangose a seconda delle stagioni…
    E’ un affresco di vita vivo, uno spaccato sul quotidiano della realtà di un po’ di anni fa. Virgola, benevenuta!

  2. il 07 ottobre, 2018 lorenzo12.rm dice:

    Ricordi lontani, emozioni vicine, vicinissime. Assieme alle emozioni, la constatazione che i ricordi sono incancellabili. Per questo, Virgola, ci rendi più giovani. E ti ringraziamo, assieme al caro Giuseppe.

  3. il 07 ottobre, 2018 giuseppe3ca dice:

    Grazie Virgola, uno spaccato perfetto di come eravamo, e i giorni passavano, la vita continuava, silenziosa, tranquilla, gioiosa, costante e in armonia con tutti. Un saluto sincero e alla prossima.

  4. il 07 ottobre, 2018 franco dice:

    Cara Virgola ( una che ha adottato questo nome è già una persona piacevole e spiritosa , innovativa !) delizioso il racconto quasi antico della realtà contadina . Ora con i frigoriferi i supermercati ubicati nei punti più remoti del paese penso che queste “scorte” non si facciano più. Continua a scrivere , ti leggo volentieri.

  5. il 07 ottobre, 2018 swiffer dice:

    Una piacevolisima lettura, senza fronzoli inutili che consentono alla nostra mente di ritornare, fantasticare, a volte con un pò di nostalgia, ho sentito il profumo del salame….. grazie Virgola

  6. il 07 ottobre, 2018 virgola dice:

    Ringrazio tutti e di cuore per la cortese accoglienza!! Con questi brevi interventi intendevo proprio rendere efficaci i miei ricordi. Felice di essere stata compresa. A presto!

  7. il 07 ottobre, 2018 gabriella2.bz dice:

    Un racconto che mi fa ritornare alla mia infanzia che assomiglia alla tua Virgola, grazie per aver fatto rivivere i fatti successi una volta. I ricordi stringono alle volte il cuore ma sono sempre molto belli.

  8. il 07 ottobre, 2018 Matilde dice:

    Brava Virgola!Un racconto che sembra un affresco della vita quotidiana di un tempo

  9. il 08 ottobre, 2018 elisabetta8.mi dice:

    ho letto il fresco racconto di virgola con vero interesse,,, l’ho trovato veritiero e bello nella sua semplicita’,,, complimenti a virgola per il suo vissuto che ci ha riportati indietro nel tempo con molta semplicita’ continua amica boscaiuola a scrivere,,, ti leggo con gioia ciao a tutti

  10. il 08 ottobre, 2018 nonnabogia dice:

    ciao bosco, prendimi per mano e portami nel tuo mondo fantastico della vera amicizia ,,,

  11. il 08 ottobre, 2018 carlina dice:

    benvenuta virgola, saremmo tutti felici ,olre che leggere i tuoi racconti, anche parlarti, ma x ora va bene così quando sarai pronta, sarai la benvenuta quanto hai raccontato ci ha potato indietro nel tempo, i ricordi si sono ravvivati nella mente e hanno fatto bene al cuore grazie e a presto cara Virgola

  12. il 10 ottobre, 2018 sandra.VI dice:

    Benvenuta “VIRGOLA” dopo giorni di assenza tornare e leggere il tuo simpatico racconto è stato un vero tuffo nel passato ,rivivere quei vecchi tempi così ben dscritti ,è stato un piacevole riafforare di ricordi ,che hanno fatto bene al cuore,un grazie ,ringrazio GIUSEPPE,per la coreografia e per il bel video

  13. il 10 ottobre, 2018 giannina dice:

    Ben tornata Virgola,i tuoi racconti ci fanno sentire il vento della gioventù bellissime storie di un tempo,ma sempre vive nei nostri cuori,grazie infinite ti seguiremo con molto piacere Virgola,grazie a Giuseppe sempre per la sua bella coreografia.e video.Un saluto e lieta serata a tutti.

  14. il 11 ottobre, 2018 virgola dice:

    Grazie ancora a tutti!! I ricordi del tempo passato ci accomunano, ed e’ bello pensare che non sono solo tuoi. Questa e’ condivisione!! grazie

  15. il 11 ottobre, 2018 giuseppe3ca dice:

    Ancora un sincero grazie alla ‘new entry’ Virgola per il suo post che ha destato vero e spontaneo interesse e un saluto di benvenuto alle amiche di Virgola, Swiffer e Matilde, che annoveriamo tra le amicizie del Bosco, un saluto per tutte, grazie.

  16. il 11 ottobre, 2018 giuseppe3ca dice:

    Un sincero grazie a Giannina, Sandra e Lorenzo per le gentili parole di gradimento e ancora grazie a Elisabetta, Gabriella, Gianna vr., Nonnabogia e Franco per la cortese partecipazione. Salutissimi per tutte/i.


LASCIA UN PENSIERO


Inserite il vostro commento.
I COMMENTI DEVONO ESSERE PERTINENTI ALL ARGOMENTO A CUI SI RIFERISCONO E NON DEVONO ESSERE INSULTANTI PER CHI HA SCRITTO L'ARTICOLO O PER UN ALTRO COMMENTATORE