PALCOSCENICO parte seconda

   

Dopo la prima rappresentazione sul palco del Piccolo Auditorium ero contento, non chiedevo altro, ero soddisfatto del successo ottenuto e mi bastava.

Ma l’estroso Gianni continuava a spingermi, “Devi cogliere l’attimo”, diceva e si sa che l’appetito vien mangiando per cui, dopo l’esordio, sempre sotto la guida dell’amico Gianni, ci preparammo per altre rappresentazioni, le occasioni non mancavano.

Altro pezzo forte, recitato sempre in dialetto campidanese è stata la commedia:

 

"SU MALADIU E SU DOTTORI"

.

(L’ammalato e il dottore)

 

Scenetta che si svolge un sabato sera in un Pronto Soccorso con quattro personaggi:

-      la donna delle pulizie;

-      l’infermiera;

-      un dottore neo laureato;

-      nonché il malato.

 

Il mio ruolo è stato quello del malato, più che altro immaginario e la parte era abbastanza impegnativa ma devo dire che sotto la regia del bravo Gianni, anche quella volta è andata bene.

  Sarebbe troppo lungo descrivere tutta la commedia, tra l’altro in dialetto, per cui cercherò di fare una sintesi, con la traduzione in italiano.

Lascio il resto alla vostra immaginazione.

  

 Scena prima.

 Monologo della donna delle pulizie:

Che disastro questa stanza, sempre lurida e sporca,

ogni giorno è il mio tormento dover far le pulizie.

I dottori e le infermiere, tutti in candida vestaglia,

anziché curare i mali, leggono e lavorano a maglia.

Io, povera meschina, è inutile che protesti

Con secchio e varecchina, devo sempre faticare.

 

Infermiera:

In questo ambulatorio, oggi non c’è niente d fare

Se nessuno chiama aiuto, io mi metto a spolverare.

Tanto c’è il dottore e anche l’altra infermiera,

se arriva qualcuno con il male,

non lo farà soffrire tanto.

 

Il dottore:

Strano che stanotte non si vede neanche un cane

Oggi non è giorno di festa per andare a caccia di volpi.

 

Infermiera:

Stia sereno dottore, vedrà che qualcuno

prima o poi arriva, se non viene per i dolori

verrà a farsi fare una ricetta.

Ecco, cosa dicevo, sta arrivando un ometto,

zoppiccante e sgangherato, magrolino e palliduccio.

 

Il dottore:

Mi porti il foglio rosa che lo mando all’ospedale,

gli troviamo qualche cosa anche se non ha nessun male.

 

L’infermiera, rivolta al malato:

Venga, venga, cosa c’è?

Il dottore è sempre pronto

Anche se hai la peste ti guarisce in un momento.

 

   

Il malato:

Buona sera dottore, vengo qui per farmi curare,

io ho un grosso malanno e lei mi deve aiutare.

Sento un forte dolore allo stomaco e alla pancia,

alla milza e al fegato, ai molari e persino ad un dente

 

Mi è scesa la pressione e m’è venuta l’anemia,

Sto perdendo la ragione con questa glicemia.

Questi giorni, m’è arrivata quasi a duecento

persino la transaminasi e mi ha messo proprio in crisi.

 

                                  Dottori, aggiurimì! (Dottore mi aiuti!)

 

Sto morendo per l’artrosi

e i dolori dell’artrite,

dopo la silicosi

m’è venuta una pleurite.

Ho la tubercolosi,

una cistite e la gastrite,

la mielite, la nevrosi

e una brutta miocardite.

 

                                  Dottori, aggiurimì!

 

Oggi non posso camminare

per la grande debolezza.

Per la sciatica devo stare

un poco a letto e un poco steso.

Questa grande acidità

quando devo digerire,

per dirle la verità

non mi lascia mai dormire.

 

                                  Dottori, aggiurimì!

 

Sto perdendo tutti i capelli,

se mi guarda già si vede,

son calato di venti chili

e continuo a dimagrire.

Ho un’unghia incarnita

e mi manca anche la vista,

una paralisi alla spalla

e sto perdendo la memoria.

 

                                  Dottori, aggiurimì!

 

Un forte dolore ai reni

non mi lascia riposare,

mi sta venendo anche un tumore

e non posso camminare.

Ora m’è venuta la colite

E non posso più mangiare

Se mi ritorna la nefrite

Son costretto a stare a letto.

 

                                  Dottori, aggiurimì!

 

Il diabete e anche l’orchite,

non riesco a sopportarle,

mi tormenta anche l’otite

che mi porta alla pazzia.

Dopo quanto ho provato

per ogni malattia,

son venuto in questo studio

dove c’è vossignoria.

 

                                  Dottori, aggiurimì!

 

Faccia uno sforzo,

cerchi di guarirmi,

la prego di ordinarmi

una buona medicina.

Mi hanno detto che un dottore,

laureato in medicina,

per guarire da ogni male

prescrive la penicillina.

Pare sia una medicina

Che guarisce ogni male,

basta una pastiglietta

per non andare all’ospedale.

 

                                  Dottori, aggiurimì!

 

Il dottore:

I tormenti e i dolori,

che lei mi ha raccontato,

non mi sembrano per un dottore

che si è appena laureto.

 

Molte cose io non so,

però non mi spavento,

se aspetta, io le scrivo

l’indirizzo del camposanto.

 

Pare che lì, ci sia un professore

con giardini e orti,

cura tutti con amore

e si chiama “interramortus  (becchino)

 

Il Malato:

Grazie, grazie, dottore,

son guarito d’ ogni male,

non mi serve medicina,

un litro di vino può bastare.

 

 

Scenetta esilarante con applausi finali assicurati.

   


COMMENTI

  1. il 22 luglio, 2018 lorenzo12.rm dice:

    Ma quant’è bella questa scenetta, Giuseppe!
    E gli applausi finali sono ben meritati. Questo Giuseppe, malato “campidanesu”, è una vera rivelazione. Da leggere d’un fiato, con congratulazioni e complimenti vivissimi al malato e agli altri protagonisti. Bravi tutti.

  2. il 22 luglio, 2018 giuseppe3ca dice:

    Si bravi tutti Lorenzo, veramente da complimentare, soprattutto l’amico Gianni che in questa commediola dialettele sarda recita la parte del dottore e cura la regia di tutta la rappresentazione. Son contento che sia piaciuta anche come racconto, grazie. Un saluto d’amico, ciao.

  3. il 22 luglio, 2018 alba morsilli dice:

    Non pensavo entrata in eldy di ridere di vero cuore.
    Magnifica la scenetta, perchè ho immaginato di vederla
    Gianni grande intenditore di malattie le ha fatte elencare quasi tutte dal povero paziente.
    Vero l’unica ricetta per guarire era il becchino, ma li ancora non ci voleva andare.

  4. il 22 luglio, 2018 giuseppe3ca dice:

    Proprio così Alba, l’ultimo viaggio è la ricetta per guarire da tutti i mali ma nessuno vuol fare quel viaggio, meglio curarsi con qualsiasi medicina, magari anche con un buon bicchier di vino, pur di sentirsi vivi. Mi fa piacer sapere che ti sei fatta una risata, ciao Buona Domenica.

  5. il 22 luglio, 2018 sandra.VI dice:

    Una scenetta veramente esilerante, mi son fatta una bella risata, sei stato veramente bravo, tu e il tuo amico GIANNI. quel viagio purtroppo impaurisce tutti, è una medicina portentosa, bella la coreografia, complimenti, con un caro saluto, buona domenica, ciao………..

  6. il 22 luglio, 2018 giuseppe3ca dice:

    Fintanto che ci sono le medicine e possiamo curarci, quel viggio lo rimandiamo il più lontano possibile Sandra e finché possiamo farci qualche sana risata restando in piedi sulle due gambe, ben vengano, ci fa piacere. Grazie Sandra, alla prossima.

  7. il 22 luglio, 2018 giannina dice:

    Bellissime ,Giuseppe ,queste vignette eravate proprio dei bravi attori, ognipersona riusciva fare bene la sua scenetta, direi molto divertente per fortuna qualcuno ci fa’ divertire,Molto bravo il tuo amico Gianni, un grande intenditore, complimeti a tutto il gruppo,belle le vignette,a parte la vignette del malato immaginario aveva tutti i mali di questo mondo, alla fine ha capito con un bicchiere di vino guariva ogni sua malattia e una aspirina,per non essere ricoverato. bravissimo, un bel gruppo una bella commedia,tutti bravi protagonisti, Un saluto e grazie a tutti voi.

  8. il 22 luglio, 2018 giuseppe3ca dice:

    Grazie per i complimenti Gianna, è vero, sotto la guida dell’amico Gianni avevamo creato un bel gruppo, ci divertivamo noi e facevamo divertire gli spettatori. É stato bello. un saluto, cio.

  9. il 23 luglio, 2018 carlina dice:

    il tuo amico Gianni, ti conosce bene, ti fa sempre fare la parte della persona piena di problemi, sperando che un dottore, laureato, riesca a risolverli, in effetti ci riesce benissimo, con un sistema fuori da ogni ottica normale, mettendoti davanti l’ultima persona che vorrebbe vedere facendoci fare delle belle risate e tirandoci su il morale brava tutta la compagnia

  10. il 23 luglio, 2018 giuseppe3ca dice:

    Vero Carlina, sotto la sapiente guida di Gianni tutti riescono a dare il meglio e diventano bravi. Gianni ha dimostrao di essere un vero amico e aveva la passione per lo spettacolo da vero artista. Per la prossima Domenica ci sarà la terza parte e non è da perdere. Grazie per il tuo intervento sempre prezioso, ciao

  11. il 24 luglio, 2018 gabriella2 bz dice:

    Una scenetta davvero esilerante, sei sempre il capo comico e questo dimostra la tua voglia e bravura nel fare l’attore. Mi sono fatta una bella risata. UN saluto ciao

  12. il 24 luglio, 2018 giuseppe3ca dice:

    Un bel complimento Grabriella, ti ringrazio ma devo dire che senza i consigli di Gianni, bravo attore e regista, non avrei saputo fare niente. Si sa che da soli non si va da nessuna parte. Aspettiamo la terza parte e saremo in grado di capire tutto. Un saluto sincero, ciao.


LASCIA UN PENSIERO


Inserite il vostro commento.
I COMMENTI DEVONO ESSERE PERTINENTI ALL ARGOMENTO A CUI SI RIFERISCONO E NON DEVONO ESSERE INSULTANTI PER CHI HA SCRITTO L'ARTICOLO O PER UN ALTRO COMMENTATORE