EVOLUZIONE UMANA di Antonino5.rm

   

Amici del Bosco, ho fatto una ricerca sulla evoluzione dell’Uomo dalla Preistoria fino al 500 A.C., non solo per cultura personale ma nella speranza che possa essere utile per i nonni e nonne che hanno nipoti in età scolastica.

Un cordiale saluto per tutte/i con un sincero grazie per la vostra cortese attenzione.

 

   

EVOLUZIONE UMANA

DALLA PREISTORIA AL 500 A. C.

   

Posizione eretta su due piedi (4 milioni di anni a.C.)

Mani prensili e pollici opponibili (2,5÷1,5 milioni di anni a. C.)

Pietre scheggiate: primi utensili (2 milioni di anni a. C.)

Sempre più rifiniti (1 milione di anni  a. C. )

Prime armi: clava e lancia (2÷1,6 milioni di anni a.C.)

Scoperta del fuoco (1,5 milioni di anni a. C. )

 

 

Cottura del cibo (80.000  a. C. )

Linguaggio vocale (30.000  a. c.)

Arco, corda di fibre vegetali intrecciate, frecce (46.000 – 20.000 a.C. ) 

Corda in strisce di pelle (3ooo a.C.)

Amo in osso (25.000 a.C.); sua diffusione (6000 a. C.);

Torcia, lumi ad olio (20.000- 12.000 a. C.);

Addomesticazione degli animali (12.000 a. C. );

Ceramica (10.000 a. C.);

Agricoltura (12.000 ÷ 7.500 a. C. );

Vanga e zappa (8.000 ÷ 7.000 a. C. );

Costruzioni di abitazioni, capanne (10.000 a.C);

   

Preparazione e cottura del pane (8.000 ÷ 7.500 a.C.)

Colori (21.000 a. C.); Telaio e tessuti ( 6.000 a. c. );

Tinture (porpora di tiro 1.200 a.C.);

Numeri e calcolo (8.000 ÷ 7.500 a.C.);

Fasi lunari e conteggio dei giorni (8.ooo a.C.);

Architrave (7.500 a.C.)

Birra (8.000 ÷ 6.000 a. C.)  (Mesopotamia);

Passaggio da vite selvatica a vite europea (8.000 ÷ 7.000 a.C.);

Vino 6.000 a. C.);

Barca (7.500 a. C.)  (piroga);

Falce (6.000 a.C.);

   

Chiodo in legno (6.ooo a. C.); in metallo (3.ooo a. C.);

Vite (6.ooo a. C.)  colla (6.ooo a. C.);

Zattera (6.ooo a. C. ) canali per irrigazione (5.ooo a. C. (in Iran e in Egitto);

Conservazione del cibo; essiccazione, affumicatura, salatura (5.ooo a. C.);

Bilancia (5.ooo a. C .),   abaco(5.ooo a. C .) (Assiri);

Lavorazione dei metalli (4.ooo a. C.), coltello e cucchiaio (3.6oo a . C.);

Meridiane e misurazione del tempo (4,ooo  a. C.),  ruota, carro, tornio (4.ooo ÷ 3.5oo  a. C.) (Sumeri);

   

Navigazione a vela (3.6oo  a. C.) (In egitto); navigazione a remi (1.1oo  a. C .);

Numerazione scritta  (3.5oo a. C.)  (Sumeri );

Aratro  IV millennio  a. C.);

Geroglifici, scrittura cuneiforme  (3.5oo÷3ooo a. C.) (Sumeri);

Cartografia (3.ooo  a. C. Egitto), (1.ooo  a. C. Mesopotamia),  (547  a. C. Anassimandro), (560÷490 a . C . Ecateo  di Mileto) ;

   

Volta e arco (IV÷III millennio  a. C.) (Primi esempi presso  Sumeri ed  Egizi);

Astronomia ( 3.5oo÷3.ooo a. C.) (Sumeri);

Medicina (3.000  a.  C.) (Egitto);

Torchio  primitivo (3.000 a. C.); Torchio a vite (500  a. C.);

Candela, diga, sedia , sega (3.000 a. C .);

Prime unità di misura di lunghezza e peso) (2.900 a. C.);

Calendario solare (2.800 a. C.) (Mesopotamia);

Bottone (2.800-2.600 a.  C.);

Olio di oliva (2.500  a. C.) (Creta);

   

Vetro  ( 2.5oo  a. C.  in  Egitto e Mesopotamia per monili), per piccole bottiglie  (1.400  a. C.);

Bitume  (2.500  a. C.  in Pakistan per sigillare i muri  e in Mesopotamia  per pavimentare le strade);

Galleria  (2.500  a. C. in  Mesopotamia. Celebre quella di Samo: Eupalino  498  a. C.);

Papiro  ( 2.400  a. C. )  Balestra ( 2000  a. C.)    Alfabeto di  Ugarit ,  fonogrammi ( 1.650 a. C.);

Compasso  (1.500  a. C . :  Euclide  367- 283  a. c. );

Mantice ( II millennio  a.  C. in  Egitto);

Armatura  (900  a. C. : lamine metalliche  su vestiario e cuoio);

Acqedotti  (VII sec . a . c .  a Ninive  sotto il regno di Sennacherib )

Monete  ( VII  sec.  a.C.) Fenici

Biremi  (700  a.C.), triremi (600  a. C.);

Ancora  (700  a.C.)  Grecia secondo la tradizione  attribuita  a  Eupalamo.).

         


COMMENTI

  1. il 20 giugno, 2018 gianna.vr dice:

    Una ricerca davvero completa ed accurata!! Grazie Antonino, anche per la chiarezza con cui l’hai esposta. Leggendola vien da pensare come con il passare dei secoli e degli anni aumenti in modo esponenziale la velocità delle nuove scoperte..

  2. il 20 giugno, 2018 antonino dice:

    Carissimo Giuseppe che meraviblia di esposizione che hai fatto, come diceva una canzone un plus ultra di armonia con quelle belle coreografie, si vede che sai come impostare ogni casa che viene presentata ai nostri beneamati amici e amiche del bosco con tutte le coreografie attinenti tutto ciò che si vuol far conoscere a tutti fratelli e sorelle del bosco. Non posso che ringraziarti a nome di tutti per l’amore che dedichi a scrivere cio che ti offriamo e anche a nome mio. Antonino 5

  3. il 21 giugno, 2018 lorenzo12.rm dice:

    Grazie Antonino. E grazie Giuseppe. Davvero ne abbiamo fatta di strada. Ed è bello conservare le tappe dei diversi traguardi raggiunti nel tempo. Fossimo anche capaci di eliminare le guerre ed i fuorviamenti del cervello e del cuore!

  4. il 21 giugno, 2018 antonino dice:

    Grazie avoi tutte e tutti immaginavo che l’evoluzione umana sarebbe stata apprezzata anche con la presentazione che ci ha fatto Giuseppe è speciale come sempre con tutto quello di cui gli proponiamo mille ringraziamenti al nostro caro Giuseppe.

  5. il 21 giugno, 2018 franco dice:

    Mi intriga il “fonogramma ” del 1.650 a.c. …… che sarà stato mai ?

  6. il 21 giugno, 2018 tonia.fi dice:

    Come vedi non potevo mancare per te Antonino, amico caro, due righe per il tuo post, molto chiaro nei tempi della storia umana. Vorrei una evoluzione che portasse la pace nel mondo e finisca la cattiveria tra gli uomini, sarà solo una illusione ma io ci spero. Un saluto a Giuseppe, sempre bravo a illustrare i post del bosco. Vi voglio bene amici, alla proxx, grazie, ciao. Antonella

  7. il 21 giugno, 2018 giuseppe3ca dice:

    Grazie Lorenzo, le cose possibili le abbiamo fatte, per quelle impossibili ci stiamo studiando ma i miracoli esulano dalle c.apacità umane: possiamo solo sperare. Ciao

  8. il 21 giugno, 2018 giuseppe3ca dice:

    Antonino la forza sta nel gruppo, se siamo in tanti a collaborare le cose belle o interessanti vengono fuori e tutti siamo contenti. Grazie, un saluto sincero, ciao.

  9. il 21 giugno, 2018 giuseppe3ca dice:

    Incuriosisce anche me Franco, spero che Antonino ce lo voglia spiegare. Ciao.

  10. il 21 giugno, 2018 sandra.VI dice:

    Un vero ringraziamento ANTONINO, ci hai dato un post veramente interessante, sopratutto molto chiaro, preciso, accurato nei dettagli, che denota una lunga notevole ricerca attraverso lo scorrere dei secoli, il tutto racchiuso nella bella coreografia del nostro caro GIUSEPPE, bello anche il video sempre piacevole, un caro saluto

  11. il 22 giugno, 2018 gianna dice:

    ANTONINO, IL TUO POST, E MOLTO COMPLICATO MA INTERESSANTE COME SEMPRE SEI BRAVO,SEI SEMPRE CORAGGIOSO, MOLTO CORAGGIOSO NEI VARI DETTAGLI. RICERCHE NEI SECOLI, MOLTO BELLA LA COREOGRAFIA DI GIUSEPPE,IL VIDEO SEMPRE PIACEVOLE,GRAZIE ANTONINO BUONA FORTUNA PER TE.FELICE SERATA E GRAZIE.

  12. il 23 giugno, 2018 antonino dice:

    Carissimi Antonella, Franco ,LOrenzo Giuseppe, Gianna sono contento che vi è piaciuto il blog vi ringrazio a voi tutti per l’aprezzamento con affetto Antonino5

  13. il 23 giugno, 2018 antonino dice:

    Riguardo all’alfabeto di ugarit del 1650 a.c. sviluppato dagli scribi intorno al xiv secolo a. c. è una delle prime scritture alfabetiche del vicino oriente.Lingua semitica conosciuta attraverso la scrittura:utilizzava un alfabeto sillabico mutuato dal cuneiforme. I Fenici adottarono e utilizzarino tale innovazione. Spero di aver data spigazione bastanza esauriente.

  14. il 23 giugno, 2018 giuseppe3ca dice:

    Grazie Antonino, dovrebbero essere ideogrammi che hanno valore fonetico, non fonogrammi come intendiamo noi oggi. La civiltà avanza sempre, ciao.

  15. il 23 giugno, 2018 giuseppe3ca dice:

    Un ringraziamento per tutti, in particolare per Lorenzo, Antonella, Sandra, Gianna e naturalmente Antonino, per gli elogi alla coreografia. Andiamo avanti così, un saluto sincero per tutti.


LASCIA UN PENSIERO


Inserite il vostro commento.
I COMMENTI DEVONO ESSERE PERTINENTI ALL ARGOMENTO A CUI SI RIFERISCONO E NON DEVONO ESSERE INSULTANTI PER CHI HA SCRITTO L'ARTICOLO O PER UN ALTRO COMMENTATORE