Archive for giugno 6th, 2018

RIFLESSIONI OVER 60 di Gabriella.bz

RIFLESSIONI OVER 60

 

Una volta leggevo tanto e in ogni libro trovavo pensieri che mi stuzzicavano la fantasia o delle frasi romantiche che accarezzavano il mio cuore. Trascrivevo tutti questi aforismi e riempivo i miei libri.

Ora vado avanti con calma, scrivo anche con il PC, ma mi diletto di più a scrivere ancora a mano.

   

Guardo poco la TV e  oggi volevo vedere se vi fosse qualcosa di interessante o bello. Per poco tempo, forse dieci minuti, ho visto la Cristina Parodi sempre bellissima e con una linea da farmi sospirare! Parlava delle Over sessanta e diceva che le prime parole che incontrano queste Over, sono grasso e vecchiaia. Ho poi dovuto chiudere per l’arrivo di amiche e non venivano certo per la Cristina ma per me.

 

Involontariamente, pochi giorni fa, ho provato, come ci si sente nel rompersi un piede. E’ stato molto semplice, svegliatami all’improvviso per il richiamo del campanello, ho fatto un piccolo sobbalzo e messo il piede a terra, questo ha incontrato il tappetto, e plaff!

Il piede ha gridato, o forse sono stata io a gridare, ma quello che conta, poco dopo l’ambulanza della Croce Rossa mi portava in ospedale e un paio d’ore dopo avevo il piede ingessato.

Ho provato a vedere come si cammina con un piede ingessato e le stampelle! Per mia fortuna, prima d'ora non avevo mai vissuto questa esperienza, non ho mai avuto fratture alle gambe o ai piedi.

Dopo le solite chiacchiere e i vari consigli delle amiche per come devo tenere il piede, non troppo alto, ma neppure senza cuscino come avevano visto che lo tenevo, bevuto il caffè, sono rimasta sola ben felice di esserlo.

Non mi piace avere tanta compagnia almeno che non si giochi a carte. Preferisco di gran lunga l'amica, mia coetanea, con la quale son vissuta nel medesimo palazzo per tanti anni. Il mio pensiero era sempre sulle Over, ricordo molto bene che dopo pochi giorni compiuti i sessanta anni, avevo dovuto andare a fare un documento in municipio e mi hanno chiesto l’età,  ho risposto 60, ma hanno voluto la carta d’identità, secondo loro non dicevo la verità perché sembravo molto più giovane. Hanno dovuto credermi ma sono rimasti sbalorditi. Certo ora son passati gli anni ma il viso è sempre quello che dimostra meno anni confronto al corpo.

Non sono bella ma ho la pelle liscia e giovane come l'aveva la mia mamma. Mi ha lasciata che aveva ottantaquattro anni, le era rimasto un viso bello, liscio e senza rughe. Non lo dico perché era la mia amata mamma, ma dico il vero ed è la realtà. E’ difficile che senta la vecchiaia addosso, solo le rotondità mi danno fastidio ed ora che sono quasi ferma per ancora una decina di giorni sento la mancanza delle mie solite passeggiate, del bosco che non posso andare a visitare e del Passirio che di questa stagione comincia ad essere bello pieno per lo sciogliersi della neve sulle cime delle montagne ed il vederlo ti fa venire la voglia di farci un tuffo.

Mi sarebbe piaciuto sapere di più sulle over 60 anche se per me andrebbe bene le over 70. Peccato, per questa stagione la Cristina ha terminato il suo programma in TV.

 Mi piacerebbe che ampliassero l’argomento sul trattamento dell’artrosi e osteoporosi che arriva con l’avanzare degli anni, ma… sorvoliamo.

Voglio parafrasare e farlo mio, un pensiero che, alcuni giorni fa, Giuseppe aveva riportato nella chat del Bosco:

L’EGO DICE: QUANDO IL PIEDE ANDRA’ A POSTO, TROVERO’ LA PACE. LO SPIRITO RISPONDE: ORA CHE SONO SULLA VIA DELLA GUARIGIONE OGNI COSA ANDRA’ A POSTO!

A presto amici un saluto, ciao.