Archive for maggio 12th, 2018

FESTA DELLA MAMMA

 

Il Creatore nella sua infinita saggezza, bontà e infallibilità ha assegnato alla donna il ruolo di madre e il difficile compito di essere Mamma.

 Una parola che contiene tutto l’Universo.

 

Si commemora in Italia nella seconda domenica di maggio. È una festa che viene rievocata ogni anno in tutti i Continenti anche se le date non sono coincidenti in tutti i paesi ma questo non sminuisce l’importanza della ricorrenza e del pensiero che ciascuno di noi rivolge alla propria mamma.

     

“Donna, compagna e mamma”

“Quando sei mamma, poi, c’è la catarsi.

Diventi il centro dell’universo,

l’ombelico del mondo.

Sei tutto, unica per i tuoi figli.

E le tue forze si espandono,

tutto coprendono,

e il mondo e l’intera volta celeste.

Ogni cosa dipende da te,

nel bene e nel male.

Il tuo sguardo è ardito,

il tuo passo sicuro.

Sei quello che vuoi.

Un’isola stupenda per tutti,

anche per il tuo compagno.

Sei mamma, diventi anche la sua.

Piangerà per una qualche sua privazione.

Ma gioirà per l’immenso regalo

che il cielo gli ha donato.”.

 

   

Dedica ad una mamma che non c’è più

 

Da te ho avuto la vita,

dal tuo seno

ho ricevuto nutrimento.

Ciò che mi davi

erano tue privazioni.

Nella mia oscurità

sei stata luce,

nei miei dubbi

sei stata certezza,

nella mia nebbia

sei stata chiarezza,

nelle mie malattie

sei stata toccasana.

Mai nessuna

potrà essere come te.

Ora che non ci sei capisco

che per quanto meritavi

non ti ho dato abbastanza,

 

per quanto mi hai dato

 

dovevo darti di più.

Tutte le mie mancanze

sono, oggi, il mio rimorso.

Ti chiedo perdono

 

ma so che anche da lassù

 

ancora una volta

 

hai  perdonato.

 

Grazie mamma.

   

E dopo queste belle parole dedicate alla mamma, proviamo a leggere questa ode in lingua sarda (con relativa traduzione), dedicata a Maria, la Mamma per eccellenza, Madre del Cristo Gesù e di tutti i credenti.

Testo originale versione in italiano

Deus ti salvet, Maria,

chi ses de gràtzia plena.

De gràtzias ses sa vena

e i sa currente.

Dio ti salvi Maria,

che sei piena di grazia:

di grazie sei insieme fiume

e sorgente.

Su Deus onnipotente

cun tegus est istadu.

Pro chi t'at preservadu

Immaculada.

Il Dio onnipotente,

con te è (sempre) stato;

perciò ti ha preservato

Immacolata.

Beneita e laudada,

subra a totu gloriosa.

Mama, fiza e isposa

de su Segnore.

Benedetta e lodata,

sopra a tutti gloriosa.

Mamma, Figlia e Sposa

del Signore.

Beneitu su fiore

e frutu de su sinu.

Gesus, fiore divinu,

Segnore nostru.

Benedetto il Fiore

che è frutto del tuo seno:

Gesù fiore divino,

Signore nostro.

Pregade a Fizu bostru

pro nois pecadores,

chi totu sos errores

nos perdonet.

Pregate al Figlio vostro

per noi peccatori;

affinché tutti gli errori

a noi perdoni.

E i sa gràtzia nos donet

in vida e in sa morte.

Ei sa dìciosa sorte

in Paradisu.

La sua Grazia ci doni,

in vita e nella morte;

E la felice sorte

in Paradiso.