ANCORA IL GRANDE OTTORINO

UN AMORE

Semplice - genuino - giovane – sincero

Con questa vecchia poesia ma nuova per noi perché non l'avevamo ancora postata nel nostro blog, vogliamo tener vivo il ricordo del nostro Amico Ottorino, poeta, saggista, giornalista e scrittore, insignito di diversi premi letterari per le sue innumerevoli opere sempre attuali.

 

UN’OTTIMA MEDICINA

 

Ero ventenne,

irrequieto pieno di vita,

acceso d’amore

e di innocente letizia.

 

Un giorno mi ritrovai

con l’animo mesto e gelido

come musica senza note

e amor senza scintille.

“N” che era la gioia più pura

la ragazza più cara,

per sempre era partita

oltre il mare e i monti

con i genitori suoi.

 

Come un soffio di vento

mi ritrovai solo.

Non avevo più lo spazio

profondo delle sue labbra,

del suo pensiero.

Chiesi aiuto e conforto

al medico mio amico.

Ero malato d’amore.

Avevo un nodo al cuore,

ero come il cavallo mio

con capestro e pastoia.

Il dottore consigliò,

senza lasciarmi ricetta,

un altro amore.

E un giorno,

per completare la cura,

mi presentò una dolce ragazza

con un sorriso di festa.

 

La portai a caccia di selvaggina,

tra lentischi e mirti.

 

         

           

             

                         

 

Quel giorno campestre

le mie mani nelle sue,

ritrovai la medicina

al mio cuore

mentre le nobili pernici

che cacciare volevamo,

volarono in alto

oltre i campi,

felici della loro libertà.

     

 

Mi sembra che sia proprio il caso di dire:

“Chiodo scaccia chiodo”.

Buona Giornata per tutte/i.

     


COMMENTI

  1. il 10 marzo, 2018 lorenzo12.rm dice:

    E bravo il costro Ottorino, che ha trovato il modo di indicarci la non tanto nobile arte del “rimpiazzo”. Ho detto sgradevole? Non per lui, naturalmente. E neppure per la nuova, bella ragazza. Ma che vale sottilizzare? Viva sempre l’amore. Lo era? Che importa? Grazie sempre ad Ottorino . E a Giuseppe.

  2. il 10 marzo, 2018 giuseppe3ca dice:

    Ottorino non aveva colpe, la sua ragazza era emigrata con la famiglia in cerca di lavoro e il cuore innamorato di Ottorino si trovò solo. Poiché non si vive senza amore, è stato il medico a prescrivere la terapia e il giovane Ottorino fu ben felice di seguire la cura. Grazie Lorenzo, un saluto sincero, ciao.

  3. il 10 marzo, 2018 gianna dice:

    Sono bellisssime le poesie del Nostro Poeta. Ottorino, ma nuove per chi non le aveva ancora postate, nel nostro blog. Vogliono tenere sempre vivo il ricordo del nostro amatissimo poeta le sue poesie spruzzano, amore, e gioia in tutte le sue parole, Un amore semplice giovane ,genuino e sincero. Serviva un’ottima medicina perche’ malato d’amore. Grazie per le sue meravigliose poesie, che nessuno potra’ mai dimenticare. Grazie Ottorino per quella vena nel cuore sempre aperta per non dimenticare mai. che sa parlare solo d’amore a tutti i cuori infranti. Un caro saluto e un grazie di cuore a Ottorino Mastino e Giuseppe. un sincero saluto, ciaoo

  4. il 10 marzo, 2018 carlina dice:

    viva l’amore, il primo pensi sia x sempre, ma spesso così non è, allora ne arriverà un secondo e forse altri ancora. ma che inporta l’importante è che abbiano sempre un nome in come “AMORE” refuso: comune

  5. il 10 marzo, 2018 giuseppe3ca dice:

    Brava Gianna, anche te, con la tua anima poetica hai voluto bene all’amico Ottorino ed hai sempre ammirato il suo pirito poetico. É giusto ricordarlo ancora nel nostro Bosco che era anche suo. Ci ha voluto bene e noi gliene vogliamo ancora e lo ricorderemo sempre. Grazie, sono contento del tuo gradimento, ciao.

  6. il 10 marzo, 2018 giuseppe3ca dice:

    Quant’è bello lu primo amore, il secondo è più bello ancora. Cosi erano le parole di una canzone e così dici anche te Carlina. Forse è vero, non si può vivere senza Amore e allora ben venga un altro quando uno finisce. W l’Amore con la A maiuscola. Brava, la tua è una botta di allegria, ci vuole anche quella. Ciao, alla prossima.

  7. il 10 marzo, 2018 sandra.VI dice:

    CHE bello ritrovare una poesia del nostro ben amato e mai dimenticato OTTORINO. Chi meglio di lui poteva descrivere le pene di questo primo amore, di questo cuore infranto, ecco il secondo “più bello ancora, chiodo scaccia chiodo purchè si tratta sempre di AMORE, amore semplice e dolce come lo vediamo a vent’anni, grazie anche per il video un caro saluto

  8. il 10 marzo, 2018 giuseppe3ca dice:

    Sono felice che ti abbia fatto piacere ritrovare una poesia si Ottorino Sandra. Non possiamo dimenticarlo, ci ha deliziato nel Bosco per tanti anni con le sue soavi poesie e ne abbiamo tante ancora da leggere… torneremo presto con qualche altra. Grazie Sandra un saluto carinissimo, ciao.

  9. il 11 marzo, 2018 edis.maria dice:

    Stupendi versi di Ottorino poeta eccelso!In queste sue righe traspaiono ironia e verità che solo in un ventenne possono essere, con semplicità, consigliate ed efficaci! Anche i poeti, spesso, si dilettano a stupire i lettori con versi che gli toccano il core!

  10. il 11 marzo, 2018 giuseppe3ca dice:

    Concordo cara Edis, sfogliando il libro avuto in omaggio dall’Amico Ottorino, ho letto questi versi che, con parole semplici, riescono ad entrare nel profondo dell’animo ed ho ritenuto giusto non tenerli solo per me ma proporli alla lettura delle Amiche/Amici del Bosco. Il giudizio espresso nei commenti conferma che ho fatto bene, non solo, ma mi stimola a proporre altre poesie perchè non possiamo dimenticare il nostro Amico Ottorino che, per tanti anni, ci ha deliziato con le sue pregiate opere. Alla prossima quindi, grazie Edis, ciao.

  11. il 12 marzo, 2018 gabriella.bz dice:

    La poesia di Ottorino amico del Bosco, ci fa ritornare indietro con gli anni, al nostro primo amore. Sebbene forse noi non abbiamo avuto un dottore che ci ha prescritto una terapia d’urto, è vero che se un’amore se ne è andato lontano, un altro lo abbiamo trovato. Le parole del grande poeta toccano il cuore. Grazie Giuseppe anche per il video con una canzone meravigliosa.

  12. il 12 marzo, 2018 giuseppe3ca dice:

    “Non potho reposare” è una canzone sarda, interpretata in tantissime occasioni dai grandi cantanti italiani e non solo per la sua struggente intensità amorosa che travolge ogni volta che l’ascolti. Quasi un inno all’Amore.
    Grazie Gabriella, è vero… per l’amore non è necessaria la ricetta del medico e quando se ne perde uno se ne trova un altro, anche senza la prescrizione sanitaria. La poesia di Ottorino è veramente bella e gioiosa così. Ciao.


LASCIA UN PENSIERO


Inserite il vostro commento.
I COMMENTI DEVONO ESSERE PERTINENTI ALL ARGOMENTO A CUI SI RIFERISCONO E NON DEVONO ESSERE INSULTANTI PER CHI HA SCRITTO L'ARTICOLO O PER UN ALTRO COMMENTATORE