PENSIERO di Antonino5.rm

   

PENSIERO

 

Nel modo che in tutta la nostra Terra si stanno verificando delle eccezioni sulle stagioni, sembra che stia avvenendo proprio una metamorfosi.

Mi è venuto in mente di fare una riflessione sull’esistenza di tutte le cose che esistono sulla Terra, cominciando dagli esseri viventi di tutto il pianeta, e di tutte le cose esistenti sulla Terra e nell’Universo.

   

Nulla esiste che sia sottratto al pericolo della mutazione: non la terra, non il cielo, non l’universo intero sebbene sia mosso dall’opera di DIO. Il mondo e l’universo non manterrà sempre l’ordine attuale; un giorno esso devierà dal presente cammino. Tutte le cose hanno un periodo determinato. Devono nascere crescere ed estinguersi: Tutto ciò che vediamo correre sopra di noi, le terre sulle quali siamo confusamente posti e che ci sembrano tanto solide, tutto questo è sordamente corroso ed avrà un termine. Niente è che non avrà la sua vecchiaia; benché in epoche differenti, ma medesima fine è riservato dalla natura alle cose esistenti. Tutto ciò che è, non sarà: e non perirà, ma si dissolverà.

Per noi la dissoluzione è la morte.

 

Noi consideriamo solo ciò che vediamo da presso: la nostra mente ottusa è fatta schiava dal corpo non vede al di là: altrimenti sopporterebbe con più forza la fine di sé e dei suoi, se fosse persuaso che tutto è un avvicendarsi di vita e di morte, che i corpi composti si dissolvono e dissolti si ricompongono, e che in questo circolo infinito si esercita l’arte eterna del BUON DIO.

Credo che noi umani di età avanzata si debba riflettere e mettersi nelle mani di DIO.

Un saluto Affettuoso.

 

 

Antonino, leggendo questo tuo post qualcuno potrebbe concludere con la parola: Amen, ma sarebbe troppo demoralizzante e allora voglio completare con alcuni altri pensieri:

Il grande Eraclito, vissuto tra il 540 e il 480 a.C. affermò che “tutto scorre”, ovvero: “Niente si crea, niente si distrugge, tutto si trasforma”. Tale principio fu poi confermato da Antoine-Laurent de Lavoisier, chimico, biologo, filosofo ed economista francese (1743÷1794) e mi sembra che fino ad oggi la vita continua a scorrere secondo il pensiero di Eraclito.

Allora perché avvilirci o scoraggiarci?

Proviamo a guardare i lati positivi dell’esistenza umana:

  • La gioia di una bambina felice con la sua compagna di gioco;

  • Il sorriso degli occhi di una donna, mamma, figlia o sposa;

  • La soddisfazione di un genitore che vede il proprio figlio/a realizzarsi nella vita;

  • Il ricordo delle cose belle della propria esistenza perché non è stata inutile, né fine a sé stessa ma dedicata alle persone che abbiamo amato;

  • La nascita di un nipotino/a e il partecipare alla sua crescita;

Ricordiamoci che la vita è bella fino al suo ultimo istante perché:

“Finché c’è vita c’è speranza"

e il rifiorire della Primavera riporta la vita dopo il sonno dell'Inverno.

Quando le forze iniziano a mancarti, penso che esistano altri modi silenziosi, remoti, solitari, distanti dove la vita si mostra in tutta la sua intensità… quindi perché non provare a trasferirci con tutta la forza della fantasia?

Grazie Antonino è stata una bella riflessione sull’esistenza.

         


COMMENTI

  1. il 01 febbraio, 2018 lorenzo12.rm dice:

    Il dialogo Antonino-Giuseppe è bellissimo. Rendiamolo concreto, anzi manteniamolo concreto, in questo blog e negli altri di Eldy. Se tutto muta non tutto si estingue. Così non deve estinguersi la nostra buona volontà ed il nostro amore per la vita. Ma che belle riflessioni, amici miei. Grazie.

  2. il 01 febbraio, 2018 franco dice:

    Antonino ha una visione cosmica del mondo e ha ragione perchè comunque fra cinque milioni di anni , tratto temporale esiguo confrontato con i tempi dell’universo, il nostro sole morirà e così anche la terra e tutto ciò che ci sta sopra. Giustissima la visione quotidiana e ottimistica di Giuseppe , per sopravvivere non possiamo fare altro. Personalmente sono un pò perplesso sul Buon Dio che è tale quando ci fa vedere un bel tramonto o il sorriso di un bimbo, ma quando lascia morire migliaia di bambini nelle guerre e ora nelle acque dei nostri mari , che lascia che la natura con terremoti ,maremoti uccida centinaia di migliaia di esseri umani , l’aggettivo Buon stride un pò…Lui guarda e basta …almeno credo …se nò!

  3. il 01 febbraio, 2018 Antonino dice:

    Caro Giuseppe ti ringrazio per il post, comunque spero che i nostri amici e amiche non pensino che io non abbia voglia di vivere anche se ho fatto delle riflessioni sulla esistenza, comunque la vita è bella con tutte le sue sfaccettature ed è bella viverla fino quando c’è.
    Grazie Giuseppe per tutti gli altri argomenti che hai illustrato, sono tutte le gioie della vita che non possiamo fare a meno di viverle. Grazie un abbraccio fraterno.

  4. il 01 febbraio, 2018 tonia.fi dice:

    Ciao Antonino ho letto il tuo post e anche la riflessione di giuseppe. La prima molto suggestiva, i nostri pensieri di vita vissuta che scorre veloce molto amareggiata nel bene e nel male, il nostro SIGNORE e stato perfetto ma la risposta di giuseppe e stata positiva cioè che la vita va vissuta e forse bisogna prenderla nei suoi lati più belli che sono tanti, inutile elencarli, dico solo LA VITA E BELLA. ANTONELLA

  5. il 01 febbraio, 2018 lorenzo12.rm dice:

    Un mio amico sapiente mi ha chiarito che Dio ha fatto la terra mentre il mondo è dell’uomo, che l’ha reso lo schifo che è. Quindi per tutte le schifezze non prendiamocela con Lui ma con noi stessi.

  6. il 01 febbraio, 2018 giuseppe3ca dice:

    Sono d’accordo Lorenzo, lo scambio dei pensieri ci porta ad unirci, ad aggregarci e stare insieme giusto per esprimere le nostre riflessioni e nei blog di Eldy abbiamo questa opportunità: non dobbiamo sprecarla. Grazie, un caro saluto.

  7. il 01 febbraio, 2018 franco dice:

    Lorenzo , scusa ma non capisco… la terra (pianeta) l’ha fatta Dio e il mondo (inteso come ?) , penso sempre come pianeta è dell’uomo…”che la reso lo schifo che è” (inquinandolo ecc.).Ma non è anche l’uomo creatura di Dio ? Se un figlio è un delinquente normalmente si pensa che ha ricevuto dal padre una cattiva educazione. Poi a che scopo tutto questo ? Se il Buon Dio è onnisciente (Creatore di tutte le cose) perchè non deve essere responsabile del suo creato e delle sue creature !

  8. il 01 febbraio, 2018 giuseppe3ca dice:

    Concordo sulla visione cosmica dell’universo Franco e lo dimostra la scelta del video (fruibile, purtroppo, solo se si entra in Eldy da google) e con il quale ho voluto fare riferimento proprio per il contenuto di immagini astrali.
    Relativamente al pretendere un mondo perfetto, senza guai e senza sofferenze, per volontà di un Dio Onnipotente, è giusto esprimere le nostre riserve. Non intendo imbarcarmi in un argomento troppo elevato per le mie misere capacità ma provo ad esprimere il mio pensiero terra, terra. Se Dio ha creato l’Uomo a Sua immagine e somiglianza e lo ha lasciato libero delle sue scelte, ognuno deve avere la capacità di assumere le proprie responsabilità. Sulle calamità naturali è evidente che nessuno ha la possibilità di intervenire a priori, neppure il Buon Dio, ma sulle guerre fraticide, persecuzioni razziali, lotte intestine ecc., solo l’uomo potrà e dovrà porre rimedio quando avrà la capacità di raggiungere una consapevole maturità e nella sua coscienza subentrerà il timore della punizione Divina.

  9. il 01 febbraio, 2018 Giuseppe3.ca dice:

    Non dubitavo sul tuo amora alla vita Antonino, è la cosa più preziosa che abbiamo e dobbiamo viverne tutti i momenti in serenità e gioia. Con il mio inserto ho voluto aggiiungere alcune cose belle della vita. Un saluto sincero e un abbraccio, ciao.

  10. il 01 febbraio, 2018 carlina dice:

    caro Giuseppe hai scritto un post belissimo- volevo solo dirti che appoggio in pieno quanto hai detto

  11. il 02 febbraio, 2018 lorenzo12.rm dice:

    Giuseppe ha risposto serenamente, Franco. Lasciamo a Dio quel che è di Dio e all’uomo quel che è dell’uomo.

  12. il 02 febbraio, 2018 giuseppe3ca dice:

    Ti ringrazio Carlina, sono piccole cose ma concrete e nel mio spirito cerco sempre di guardare le cose per il verso giusto. Ringrazio ancora Antonino per avermene dato la possibilità con le sue riflessioni. Un caro saluto, ciao.

  13. il 02 febbraio, 2018 franco dice:

    Lorenzo…poi mi taccio …mi pare che le cose di Dio e le cose degli uomini dovrebbero essere le stesse.Tre domande :
    1° Dio è il Creatore di tutte le cose quindi anche dell’uomo, al quale ha lasciato il libero arbitrio , ma se è onnisciente dovrebbe conoscere anche i pensieri e le azioni dell’uomo e da buon “padre” quindi aiutarlo ?
    2° Dio condannò un tempo alla distruzione Sodoma e Gomorra, perchè quelle città agivano contro i suoi dettami (qui il libero arbitrio è stato relativo); come mai non ha fatto la stessa cosa con il nazismo e l’olocauso ?
    3° Perchè Dio non ha nessuna possibilità di intervenire sulle “cose naturali ” se queste sono tutte sue creature ? Le cose non hanno libero arbitrio . Dio ha gettato i dadi e poi sta solo a guardare ? (Non lo faceva nella Bibbia).

  14. il 02 febbraio, 2018 Antonino dice:

    Carissimi tutte e tutti vi ringrazio immensamente di tutti i vostri commenti, mi accorgo di aver suscitato un vespaio riguardo a ognuno di voi con i vostri punti di vista, è giusto pensare alle tante catastrofi succedute per la mano dell’uomo, si fa anche riferimento di Sodoma e Gomorra che Dio diede una ponuzione trmenda, ci si domanda, perche non è accaduto durante lo sterminio di tutti quei milioni di ebrei? Forse Dio avrà pensato con questo esempio l’uomo avrà capito come comportersi, ma l’uomo come dicono a Napoli tene a capa tosta. Comunque chi ha fede crede alle parole di DIO IO SONO LA VIA LA RESURREZIONE LA VITA chi vive e crede in me non morirà in eterno. Ringrazio a voi tutte e tutti un abbraccio fraterno e pace e bene per tutti.

  15. il 02 febbraio, 2018 Antonino dice:

    Carissimo Giuseppe il pensiero di ERACLITO lo conoscevo il quale dice: nulla si crea nulla si distrugge e tutto si trasforma (TUTTO VERO) Ma non conoscevo il nome del chimico francese, Antoine Laurent, Comunque noi dobbiamo essere sempre felici perché dissolvendoci a tempo debito ci potremmo poi ricomporre assieme ad altre materie e vivere altra vite.

  16. il 02 febbraio, 2018 sandra.VI dice:

    BELLISSIMO IL TUO POST ANTONINO, DÀ ADITO A MOLTE RIFLESSIONI, IO MI LIMITO A METTERE UNA FRASE DEL GRANDE EINSTEIN “DIO NON CREO’ IL MALE, IL MALE E’ IL RISULTATO DELL’ASSENZA DI DIO NEL CUORE DEGLI UOMINI”, E IL CARTELLO IN ALTO DEL CANCELLO D’ENTRATA DEL CIMITERO NEL VARESOTTO DOVE HO LA TOMBA DEI MIEI DICE “O TU CHE GUARDI IN SU; IO FUI COME SEI TU, TU SARAI COME SON IO, PENSACI E VA CON DIO. PERÒ RIMANIANO POSITIVI, COME DICE GIUSEPPE, LA VITA OFFRE TANTO, BASTA SAPERLA APPREZZARE, COGLIERE I SUOI DONI, CON UN CARO SALUTO

  17. il 02 febbraio, 2018 gianna dice:

    Antonino molto bello il tuo post, giusto ringraziare per i commenti avuti dai tuoi amici, utenti. perche’ pensi di avere aperto un vespaio, ogni persona che commenta deve scrivere quello che gli detta il cuore, siamo in molti e tutti con pareri diversi, come è giusto che sia, i commenti sono belli per questo, godiamoci la vita onestamente con gioie e piaceri ma pochi dolori, la fede avra’ il suo spazio, per i credenti lasciamo la liberta’ di pensiero a tutti. Un saluto

  18. il 02 febbraio, 2018 gianna dice:

    Giuseppe, il mio internet va a rate, chiedo scusa a Giuseppe, sempre con il tuo grande impegno la tua coreografia e meravigliosa, grazie per essere stato di grande sostegno al nostro Antonino. Giuseppe grazie di tutto. “VIVA LA VITA”. Un saluto a Giuseppe e Antonino grazie.

  19. il 02 febbraio, 2018 lorenzo12.rm dice:

    Franco, e poi mi taccio anch’io:
    Dio conosce ma non può seguire con benevolenza le azioni dell’uomo che non segue la Sua volontà, non Lo prega, non si pente e non chiede perdono.
    C’è un’evidente differenza fra il Dio dell’Antico e del Nuovo Testamento. Il nostro Dio è Dio dell’amore, non della vendetta.
    Quanto alle cose naturali, non è detto che, se tutto il creato fosse in procinto di andare in rovina, NON interverrebbe a salvare la natura.
    Quanto all’umanità, decida Lui. Se essa si arroga l’onniscienza e la contrapposizione al Creatore, non potrà salvarsi. Ma Dio tutto può.

  20. il 02 febbraio, 2018 giuseppe3ca dice:

    Anche con internet che va e viene, sei riuscita ad esprimere i tuoi pensieri, grazie Gianna, sempre bravissima. Antonino ha proposto un argomento di grande profondità, lo abbiamo accolto con piacere e ciascuno ha dato la sua risposta secondo il proprio sentimento in piena libertà e serenità. Tutto qui il bello della diretta, un saluto sincero, ciao.

  21. il 02 febbraio, 2018 gabriella.bz dice:

    Antonino, la regola d’oro della condotta è la tolleranza reciproca, dato che non la pensiamo mai allo stesso modo e che vedremo sempre la Verità a frammenti e da differenti angolature. La coscienza non è la stessa per tutti. Anche fra le persone più coscienti, ci sarà abbastanza spazio per le oneste divergenze di opinione. La sola possibile regola di condotta in ogni società civilizzata, è perciò la tolleranza reciproca. Pensiero di Gandhi Un saluto

  22. il 07 febbraio, 2018 aquilafelice44@libero.it dice:

    ciao


LASCIA UN PENSIERO


Inserite il vostro commento.
I COMMENTI DEVONO ESSERE PERTINENTI ALL ARGOMENTO A CUI SI RIFERISCONO E NON DEVONO ESSERE INSULTANTI PER CHI HA SCRITTO L'ARTICOLO O PER UN ALTRO COMMENTATORE