Archive for dicembre 13th, 2017

I TOCCASANA di Franco Muzzioli

 

" I TOCCASANA "

Nella trasmissione "piazza pulita" del 29 novembre hanno parlato dettagliatamente  dell' "omeopatia" la cosa mi ha intrigato, ho approfondito, è ho voluto scriverne in merito.

Parto per chiarezza dicendo che considero questa "scienza medica"  simile a quella di Dulcamara nell'elisir d'amore (gran medico, dottore enciclopedico) e che vendeva "il toccasana"  che in realtà era acqua tinta.

Partiamo dallo scopritore dell'omeopatia  e cioè Samuel Hahnemann, che intorno alla fine del 1700 formulò le sue tesi (tra le tante disse che il caffè era l'origine di tutti i mali !!!), ma soprattutto "che il simile cura il simile" e che "tutte le cose che provocano la malattia poi la guariscono".

Ad esempio la "belladonna" (pianta solanacea) cura le irritazioni e nell'omeopatia si assume dopo l'apposita lavorazione :  1 molecola di belladonna  diluita in molecole 10 alla ventiquattresima di acqua. Secondo una legge di Avogadro (numero di Avogadro), quando un elemento viene diluito  in quelle proporzioni, l'elemento acqua sostituisce completamente la molecola estranea che si disperde, a questo punto il prodotto omeopatico è "acqua pura".

 

Perché in certi casi ha un risultato terapeutico? Per l'effetto placebo!

La scienza dice che anche nella medicina ufficiale il 50% della cura è dovuta alla molecola chimica che agisce sul male , l'altro 50% è la convinzione del paziente che quel medicinale fa bene (effetto placebo).

Faccio un esempio che mi vede coinvolto, prendo da decenni  1mg. di benzodiazepina  prima di coricarmi, il mio medico dice che un dosaggio del genere (molto basso) preso per tanto tempo è come prendere una zolletta di zucchero. Qualche sera fa sono andato a letto  ma non riuscivo a dormire, stavo bene, ma non dormivo. Mi sono ricordato che non avevo presa la

"famosa pillolina" , mi sono alzato ed ho compensato alla dimenticanza , sono tornato a letto e dopo cinque minuti dormivo, la pastiglia in oggetto non si era ancora sciolta nello stomaco e certamente non era andata in circolo, perciò quello era solo un "effetto placebo".

 Il nostro corpo ha risorse biochimiche impensabili, spesso sufficienti ad auto curarci, ne fanno testo  spesso i cosiddetti miracoli, che a volte sono dovuti all'innesco delle nostre difese interne, (ecco perché dicono che l'omeopatia cura anche gli animali , non soggetti all'effetto placebo... sarebbero guariti ugualmente e naturalmente.)

Ben venga quindi l'omeopatia per chi ci crede, come l'imposizione delle mani della santona e come tutte quelle medicine alternative che più costano e più fanno bene, soprattutto normalmente non fanno male, ma è criminale dire che curano gravi affezioni.

L'omeopatia è un businnes, infatti i farmaci costano una pazzia, diciamo che è roba da ricchi e che forse è meglio in alternativa alla  chimica utilizzare la fitoterapia, almeno quando si beve una bella camomilla non  assumiamo solo acqua .