Archive for settembre 15th, 2017

AUTUNNO o INVERNO? di Gabriella.bz

 

AUTUNNO o INVERNOE’ IN ARRIVO L’AUTUNNO O L’INVERNO?

Dopo un’estate eccezionalmente calda, oggi il cielo si è aperto per riversare sulla terra un forte acquazzone ed il vento, che sembrava fosse lì in attesa che il cielo desse il via, ha cominciato a soffiare in un turbine da far paura. L’ombrello lo si poteva tenere solo stretto al tuo fianco per evitare che ti scappasse, non potevi certo aprirlo con il rischio che la furia del vento lo trascinasse via insieme a te. Se non avevi fatto la doccia il cielo ha pensato che era il caso di farla, anche molto abbondante con l’acqua piovana e con tutta la violenza possibile. In quel momento ero casualmente lungo una strada, erano tanti anni che un acquazzone tanto forte non me lo prendevo addosso. Con l’acqua è arrivato anche un freddo intenso e persistente, che nessuno, forse, si aspettava malgrado gli avvisi meteo già diffusi da una settimana.

1601061_445936192260077_9138603152348749770_n

Dopo essere arrivata a casa, dalle mie finestre, vedo le montagne belle bianche in cima, osservo meglio e noto che già sotto i 2000 m. c’è la neve. Certo ieri eravamo a 30 gradi e oggi, se non eri coperta da maglie e impermeabile, era impossibile uscire anche nel pomeriggio.

Con la mente sono ritornata a quando ero ragazzina, dall’Estate si passava all’Autunno, ora sembra quasi di essere passati improvvisamente all’Inverno. Forse domani sarà nuovamente caldo, non lo so, ma certamente, la neve tanto bassa nei primi giorni di settembre non è da stagione autunnale.

Ho dovuto chiudere il P.C., sono arrivati alcuni amici e con loro in casa non posso stare a scrivere al computer. In giorni del genere. una partitina a carte e un ottimo caffè sono d’obbligo e gli amici si accettano volentieri, anche se il campanello che suona è sempre il mio, ma viva l’amicizia!

FG-caffe (5)Poi a pensarci bene, meglio il mio caffè, detto tra noi, mi piace di più. Non mi piace perdere, neppure al gioco delle carte, mi rallegro nel vincere anche se non si guadagna niente e non si ricevono doni.

Come potete immaginare è l’indomani che scrivo ed è un freddo da non sottovalutare e dal quale è necessario proteggersi. Penso alla mia amata vallata, prima la ghiacciata durante la fioritura, poi la grande siccità, in terzo la grandine in più riprese, ed ora che è stato dato il via alla raccolta ecco che arriva il freddo. Mele che ne sarà di voi e dei contadini che si vedono portare via il raccolto e buona parte dei loro ricavi, solo perché il tempo non è stato clemente?

 

19275077_1331607756952211_3651585219549544624_n

Anche se ora la Provincia elargisce un contributo come aiuto ma non è mai quanto il danno subìto. Contributi che tra l’altro arrivano in ritardo e sebbene utili, smorzano l’orgoglio di vivere con il frutto del proprio lavoro, andato perduto. Ai tempi della mia infanzia se grandinava i contadini erano abbattuti, il pensiero che la loro frutta non fosse di prima qualità era per loro un dolore perché con il ricavo di quello che era cresciuto dovevano vivere tutto l’anno.

 

900px-Val_di_non - Confluenza del Noce nell'AgideVal di Non

   

Alle volte ci si chiede, perché il tempo cambia con una velocità tanto repentina e non rispetta più il clima delle stagioni? Mi guardo attorno e vedo tante cose strane che una volta non c’erano: è la natura o forse è colpa dei missili, dei satelliti artificiali e degli esperimenti nucleari che vanno a stravolgere e rovinare quello che il Signore ci aveva donato? Non sarò certo io a dare una risposta, ma queste non sono più le stagioni di una volta. Ed io ho parlato solo delle mele, perché nata in Val di Non, ma ci pensate a tutti gli altri frutti, cominciando da quelli che si coltivano intorno a Merano? Uva, mele, castagne e noci che sono cadute troppo presto.

La vite con i suoi preziosi grappoli

Frutteti di mele 1

noci

     

Castagne_o

 

   

 

 

Forse mi direte che parlo da esagerata, ma i fiori dove li mettiamo? Con il vento di ieri alcuni giardini colmi di rose, tulipani e tanti altri fiori che abbellivano le aiuole, oggi non ci sono più: spazzati via dal temporale. Gli arbusti delle rose, dei lillà, dei glicini, sono spezzati da far pena… e sono solo fiori.

  Veduta-fiorita-ai-Giardini-di-Sissi  

Autunno e Inverno sono le mie stagioni preferite…

...quando non rovinano tutto.

Un saluto per voi, Amici.

  Gabriella_63450   fiori_stw-326   fiori