RICORDI DELL’ADOLESCENZA

  RICORDI DELL’ADOLESCENZA  

RICORDI DELL’ADOLESCENZA

 

Carissime Amiche e Amici del Bosco, non sono ancora riuscito a dialogare con tutti, ma nei vari  scambi di opinione che ho avuto finora mi sono trovato molto in sintonia con Giuseppe3 e con Tonia.fi che considero dei veri Amici sinceri e leali.

Cosi pure, leggendo i vostri nomi e i vari messaggi che lasciate nel Bosco, ritengo che possiamo essere tutti in piena sintonia tra noi. Ancora non mi conoscete, io con molta umiltà vorrei parlarvi della mia esperienza vissuta da adolescente, appena undicenne. Ora sono nonno con tanti anni sulle spalle. Forse non a tutti potrebbe interessare ma sono certo che qualcuna o qualcuno potrebbe aver fatto, in parte, le mie stesse esperienze, e potrebbe far piacere ricordare qualche episodio dei tempi andati.

I miei genitori erano ferventi Cristiani. Io ad undici anni mi sono trovato a frequentare una parrocchia gestita dai Frati Francescani i quali avevano organizzato un coro di voci miste formato da adulti e adolescenti.

Il coro comprendeva le voci di tenore, baritono, basso, soprano e contralto. Per via della voce ancora da bambino, a me fu assegnato il posto da soprano. E cosi a quella età adolescenziale feci la mia esperienza cantando in questo coro. Il frate francescano che dirigeva il gruppo si chiamava Padre Lorenzo da Subiaco e ci insegnò tanti canti per il S.Natale e per la S.Pasqua: Ad este Fidelis laete; Triumphantes venite venite adoremus in Betlem; natum videte regem angelorum; venite adoremus Domine.

Per la S.Pasqua ci insegnò Ave verum corpus nato da Maria Virgine. E tanti altri canti, tra cui anche il Nabucco di Verdi: “Va pensiero sull’ali dorate”, lo imparammo tutto. Sono certo che avete avuto tutti la fortuna di averlo ascoltato almeno una volta.

Da un coro completo con tutti gli strumenti e i cantori, io da adolescente mi sono sentito rapito tra le nuvole.

Questa è una esperienza di vita che è rimasta e rimarrà impressa nella mente per sempre. Spero che anche voi, nella vita, avrete avuto esperienze positive che vi saranno rimaste nel cuore e se volete potete scriverle anche voi per il Bosco, mi piacerebbe leggerle.

Grazie e un saluto affettuoso a voi tutte e tutti

 

Antonino5 Blu  

1030note-musicali

Adeste fideles - Venite Adoremus - Pavarotti

 

 fiori

 

Va, pensiero (Gefangenenchor)

Giuseppe Verdi: Nabucco · Kendlinger

 

  fiori    


COMMENTI

Both comments and pings are currently closed.

  1. il 04 maggio, 2017 lorenzo12.rm dice:

    Grazie, Antonino, di averci fatto partecipi delle tue esperienze. E grazie a Giuseppe che ti ha scovato. Gli scambi di esperienze sono importantissimi: il nostro mondo si allarga, così come le nostre amicizie.

  2. il 04 maggio, 2017 gianna.vr dice:

    Antonino, cantare nel coro è davvero bello! Io ho provato questa esperienza solo per un breve periodo, non durante l’adolescenza ma la giovinezza. Quando sarò in pensione, ed avrò più tempo, è una delle cose che mi son ripromessa di fare…

  3. il 04 maggio, 2017 franco dice:

    Caro Antonino , mi è parso ravvisare in te questo animo sensibile anche nelle poesie , uno che si lascia prendere dalla sindrome di Stendhal (si dice così non solo per la pittura , ma anche per la musica) è certamente un uomo buono che sa anche sognare ad occhi aperti. Spero tu mi possa annoverare tra le persone che ti capiscono …quindi un amico .

  4. il 04 maggio, 2017 milly 49 dice:

    Anch’io da bambina sono stata reclutata da un frate francescano per animare i canti di Natale insieme ad altri bambini ed è stata una esperienza che mi ha arricchito sia spiritualmente che musicalmente. Da adulta ho partecipato a ben due cori con repertori diversi dove si spaziava dai canti religiosi a quelli operistici o di folcrore. L’esperienza è stata senzaltro positiva ed emozionante. Da qualche anno non partecipo più per motivi famigliari ma un po’ mi manca. Quando sento cantare i brani che anch’io ho cantato sempre mi prende un po’ di nostalgia. Ora che potrei ritornare ma non posso perchè mio marito , con il quale condividevo la passione, non puo’ piu’ cantare ne’ parlare a causa di una grave malattia che lo ha privato della voce. Restano bei ricordi.

  5. il 04 maggio, 2017 antonino5 dice:

    Carissimi Lorenzo 12 Gianna vr Franco Milly 49 Grazie dei bei commenti che avete faiio sul mio blog scritto con la sua solita maestria da Giuseppe3.ca mille ringraziamenti anche a lui. Perdonatemi se sono troppo sentimentale con affetto a voi tutti Antonino5

  6. il 04 maggio, 2017 antonino5 dice:

    Tutti i commenti sull’adolescenza sono tutti meravigliosi grazie a voi tutti Antonino5

  7. il 04 maggio, 2017 tonia.fi dice:

    Caro antonino il tuo racconto dell’infanzia mi ha riportato indietro di tanti anni. Anch’io ho frequentato tanto l’oratorio della chiesa, la mia mamma faceva parte dell’Azione Cattolica, molto praticante, perciò noi bambini eravamo sempre presenti con lei nel nostro tempo libero, sempre accompagnati dalla mamma. Ricordo che c’era la ricreazione in cortile della chiesa, erano giochi semplici ma molto divertenti: nascondino, mosca cieca ecc…
    Il nostro parroco ci faceva anche la merenda… allora erano tempi bui e questo ci allettava molto. Vorrei continuare ancora caro amico ma forse è meglio che mi fermi, non riesco a trattenere il magone, pensare a chi mi ha dato tanto amore: la MAMMA, lei era sempre presente.
    Antonino sei una PERSONA SPECIALE, FARMI RICORDARE QUESTE PICCOLE PERLE DEL PASSATO, GRAZIE.

  8. il 04 maggio, 2017 Giuseppe3.ca dice:

    Grazie Lorenzo, diamo merito ad Antonino che non è nuovo con le sue esternazioni nel Bosco, lo ringraziamo per la sua amicizia, per me è sempre un piacere collaborare con tutti. Un saluto sincero, ciao.

  9. il 04 maggio, 2017 sandra.VI dice:

    Bellissimo il tuo racconto Antonino, mi ha veramente commossa, dimostra la tua grande sensibilità d’animo veramente eccezionale, è un piacere averti per amico. Sapessi quanto mi è sempre piaciuto e cosa avrei fatto per saper cantere, adoravo le arie da te elencate ma… sono sempre stata stonatissimma… Ricordo, quando alle elementari formavano i gruppi per i cori, cercavo di intruffolarmi, ma quando la maestra arriva a me, durante le prove, appena aprivo bocca, con un cenno, venivo allontanata… e ci pativo veramente, un grazie a GIUSEPPE per i pezzi scelti con un cordiale saluto.

  10. il 05 maggio, 2017 gianna dice:

    Antonino, è molto bello leggerti, sei una persona molto sensibile,sei tornato indietro negli anni della tua addolescenza, raccontando cose belle che ancora oggi ricordi con amore. certo eri un ragazzino ma il tuo percoro dell’Infanzia non l’hai dimenticato e mai riuscirai, è chiuso dentro un piccolo scrigno nel tuo cuore,che solo tu potrai aprire,cantavi nel coro francescano bellissima canzone, leggo che ricordi ancora molte cose pure dei titoli delle canzoni,molto belle .(VA PENSIERO ) un brano importante ,ti faccio i miei complimenti dei tuoi racconti,anche a Giuseppe3,sempre disponibile per aiutare dei cari amici.bello il video.Un saluto

  11. il 05 maggio, 2017 antonino5.rm dice:

    Tonia il tuo commento e meraviglioso anche tutti gli altri mi hanno riempito di gioia avete tutti grande amore verso il prossimo che Dio vi protegga tutti

  12. il 05 maggio, 2017 Giuseppe3.ca dice:

    🍒 Un grande grazie a te Sandra, la tua approvazione vale come incoraggiamento, sempre gradito, un saluto.

    🍇 Un bel riconoscimento anche il tuo Gianna, sei sempre gentile e ti ringrazio, ciao.

  13. il 08 maggio, 2017 supporto tecnico dice:

    solo un test di prova per vedere se i commenti funzionano!!!

  14. il 08 maggio, 2017 Giuseppe3.ca dice:

    solo un test di prova per vedere se i commenti funzionano!!!