INFORMAZIONE SOCIALE

BUONADOMENICA  

Nella consapevolezza che anche in Eldy ci sono persone che potrebbero essere interessate alla conoscenza di questo tipo di informazioni, pubblichiamo volentieri il post inviatoci dall'Amica Nadia, che ci porta a conoscenza del suo campo di impegno sociale.

  Giuseppe_36802   Gif separ. - Due righe che si intrecciano animate  

A volte può capitare che l’oscurità prenda il posto della luce. Come in un vecchio televisore che smette di funzionare i colori si affievoliscono, l’immagine scompare dallo schermo e tutto diventa scuro.

Il mondo dei ciechi e degli ipovedenti è così, ma con una differenza: l’immagine che scompare lascia il posto ad un universo interiore composto da mille sfumature che emergono dal profondo, prendono  la forma di un arcobaleno di colori.

Il mondo dei non vedenti è stato rappresentato nelle arti e in letteratura fin dai tempi più lontani.

Anche il cinema ha trattato molte volte l’argomento ma siamo ancora lontani dal tutelare e dal far conoscere questo mondo.

I ciechi e gli ipovedenti hanno bisogno di farsi conoscere al mondo e i normodotati di conoscerne le problematiche.

E un bel giorno fortunato ebbi l’onore di conoscere un regista, Vittorio Vespucci e….

Il resto è storia!

Nadia_04847

  x Blog 13819672_10208661194120602_646499486_n  

«CON IL CUORE, OLTRE IL BUIO - Voci di gente col bastone bianco»

(Documentario, ITA 2016, durata 35' ca.).

Regia di Vittorio Vespucci; direttore artistico Tommaso Vetrugno; musiche di Antonio Dubois; voce narrante di Cinzia Laterza; voce audiodescrizioni Alberto Cantone, coordinamento esecutivo Nadia de Visini.

« CON IL CUORE, OLTRE IL BUIO - Voci di gente col bastone bianco» è uno spaccato sulla quotidianità delle persone cieche e ipovedenti, per sfatare il luogo comune che avere una vita come tutti gli altri non sia possibile. Si narra delle condizioni di vita di ciechi e ipovedenti mediante una sintetica analisi delle problematiche più comuni presenti nella nostra società e  di come sia possibile affrontarle e superarle. I protagonisti raccontano della propria condizione, delle difficoltà incontrate nel corso della vita e dei loro piccoli e grandi successi, ottenuti con sacrificio e caparbietà.

Hanno partecipato: Adriano Cabianca (fisioterapista), Silvano Cogo (pittore ipovedente), Maurizio de Visini (fisioterapista), Gesuina Maccari, Marina Tescàri (Presidente Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, sezione provinciale di Vicenza), Silvana Valente (massofisioterapista, campionessa sportiva).

I brani musicali Canzone dell'assenza, Orco Gentile, Apri le tue mani e Orizzonti di cartone sono scritti, realizzati e concessi da Antonio Dubois.

Si ringrazia l'Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti - Sezione Provinciale di Vicenza.

Il documentario è stato presentato in anteprima il 12 giugno 2016, nella splendida cornice di Villa Tacchi

(Gazzo, PD) grazie a un evento organizzato dagli amici di UICI, sezione di Vicenza

  13620032_1269683266382754_6004057995896127104_n IMG-20160613-WA0004  

Dopo la presentazione del documentario è seguito il pranzo al termine del quale c’è stata l’esibizione di Antonio Dubois (autore delle musiche del documentario) in duo acustico con Gaspare Vaccaro.

 

gaspare-1 Antonio-1

                   

Apri le tue mani (unofficial video)

uno dei brani che compongono la colonna sonora del documentario

 

 

L’evento ha avuto risonanza giornalistica grazie a Maria Elena Bonacini inviata del Giornale di Vicenza.

  3Immagine    

Il trailer del documentario

 

La proiezione del documentario è a disposizione di Associazioni, Enti, Istituzioni, previa richiesta.

Contatti:

e-mail: conilcuoreoltreilbuio@virgilio.it

Sito web: http://www.vittoriovespucci.it/conilcuoreoltreilbuio

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/conilcuoreoltreilbuio/

    Gif separ. - Due righe che si intrecciano animate

         


COMMENTI

Both comments and pings are currently closed.

  1. il 24 luglio, 2016 lorenzo12.rm dice:

    Molto interessante, Nadia. Quante cose non sappiamo e dovremmo sapere. Quante persone, in questi tempi bui, svolgono attività e compiti di grande rilievo e importanza. Ringrazio te e Giuseppe per la bella sorpresa di questa domenica.

  2. il 24 luglio, 2016 gabriella.bz dice:

    Post molto interessante Nadia. Ci fa capire tante cose, e chissà quante persone lo dovrebbero leggere per sapere come tanti ipovedenti lavorano e si danno da fare per superare e non far pesare il loro handicap. Complimenti Nadia

  3. il 24 luglio, 2016 Giuseppe3.ca dice:

    Ringrazio l’Amica Nadia per aver scelto il Bosco per portare a conoscenza degli eldyani questa lodevole iniziativa sociale e invito tutti a diffondere la notizia verso coloro che vivono con le problematiche espresse e bene illustrate nel post. Sappiamo che ce ne sono anche tra noi. Grazie a tutti.

  4. il 24 luglio, 2016 Giuseppe3.ca dice:

    Nadia ci informa che oggi si trova in un importante comune del bellunese per una rappresentazione in favore degli ipovedenti. Solo nel pomeriggio potrà leggere e rispondere ai nostri commenti. Ancora grazie per i partecipanti, un saluto.

  5. il 24 luglio, 2016 edis.maria dice:

    Grazie Nadia per averci informati su alcune problematiche che non conosciamo e come i volontari si prestano all’aiuto. Grazie anche ad Eldy che promuove le iniziative. Naturalmnete il Bosco, anche in questa domenica, ci ha fatto riflettere sulla fortuna che abbiamo noi “nel leggere” e dilettarci con un bel libro e un giornale. GRAZIE!

  6. il 24 luglio, 2016 sandra.VI dice:

    UN ringraziamento a Nadia per questo suo post e per tutte le informazioni preziosissime che ci fornisce .Io so cosa vuol dire assistere al progressivo spegnersi della luce negli occhi di una persona cara e , lo strazio che abbiamo vissuto . Vedere i dolci occhi di mamma spegnersi lentamente e inesorabilmente , nonostante tutto lei negava , papà vedeva per lei , morto lui , lei l’ha seguito………..

  7. il 25 luglio, 2016 nadia (neve) dice:

    Eccomi…scusate il ritardo! Ringrazio di cuore Giuseppe per avermi dato spazio nel Bosco per questo post. Ritengo sia importante portare a conoscenza le problematiche dei non vedenti e ipovedenti.
    Ringrazio tutti voi per i commenti positivi e soprattutto sono vicina a Sandra che ha dovuto affrontare in famiglia questa disabilità.
    Ringrazio pubblicamente Vittorio Vespucci, e Tommaso Vetrugno per avermi dato la possibilità di fare questa grande esperienza.
    Vi ricordo che potrete contattarci nel caso abbiate la possibilità di organizzare una proiezione di questo documentario.
    Un caro saluto a tutti!
    Nadia

  8. il 26 luglio, 2016 Giuseppe3.ca dice:

    Un saluto gradito Nadia, ricambio con piacere.
    Anche Eldy svolge un’importante servizio per il sociale, quello primario di aggregazione delle persone, della diffusione di notizie socialmente utili e quant’altro perciò mi sembra logica la cooperazione sinergica tra gruppi che hanno tra i loro compiti gli stessi intenti umanitari. Grazie, ciao.