TONY DALLARA

    La Pagina della musica

TONY DALLARA

 

Antonio Lardera nato a Campobasso il 30 giugno 1936 e cresciuto a Milano dove inizia a lavorare prima come barista poi come impiegato ma presto prende il sopravvento la sua passione per il canto che lo porterà ad affermarsi non solo come cantante ma, da personaggio eclettico quale è, anche come attore di cinema e televisione, non solo, alla fine pure come affermato pittore.

 

3936_large_Astratto_4c7e29ff4ef31[1]Astratto di Tony Dallara

 

Assume il nome di Toni Dallara e partecipa a vari Festival di Sanremo, vincendo nel 1960 con la canzone “Romantica” in coppia con Renato Rascel.

Successivamente vince una “Canzonissima” con la canzone “Bambina, bambina”.

Considerato il primo degli urlatori, genere con il quale vengono classificati quei cantanti che si discostano dal genere melodico. Vastissimo il suo repertorio con numerose affermazioni non solo a carattere nazionale.

Alcuni titoli dei suoi successi più noti:

 
  • Romantica.

  • Bambina, bambina

  • Ti dirò

  • La novia

  • Come Prima

  • Ghiaccio bollente

 

E tante altre…

proviamo ad ascoltarne qualcuna:

    separatoreO  

Tony Dallara - Come prima

  separatoreO  

Tony Dallara Ti Dirò

separatoreO

Tony Dallara - Romantica

separatoreO

 

LA NOVIA. TONY DALLARA.

  separatoreO          


COMMENTI

Both comments and pings are currently closed.

  1. il 18 giugno, 2016 lorenzo12.rm dice:

    Ricordi, ricordi, ricordi. A me è sempre piaciuto ma a molti no. Riascoltarlo è piacevole, così come vedere le sue opere di pittura. Grazie Giuseppe.

  2. il 18 giugno, 2016 Giuseppe3.ca dice:

    Solo una piccolissima sintesi Lorenzo, ma sufficiente per emozionarci ancora con le canzoni della nostra gioventù. Allora ogni musica e ogni ritmo era valido per farci sognare. Un saluto per te, ciao.

  3. il 18 giugno, 2016 gabriella.bz dice:

    Un cantante che ci fa ritornare indietro parecchio, molto amato e il primo della categoria degli urlatori. Molto belle le canzoni che ci hai postato e che ricordavo. Veramente una bella rinfrescata ed un bel post,grazie Giuseppe di tutto. Un saluto ciao

  4. il 18 giugno, 2016 mariejose2-FR dice:

    Canzone degli anni 60…Per tutte le francesine presso i 16 anni, nostri amici erano, dall’altra parte del mare Mediterraneo, non attorno di noi. Da…18 e di piu, tutti facevano la guerra nel “Djebell”, cio che il governo dell’epoca, chiamava “la pacificazione”. Solo era “romantica” la parole… Alla radio si sentiva come voi “tu es romantica, romantique et bohème”. Ed, io ballavo attorno al tavolo del salone, con la scopa in mano… per dimenticare la tristezza generale. Oggi mi rendo conto, che capisco le parole Italiane con piacere…e canto…..

  5. il 18 giugno, 2016 Giuseppe3.ca dice:

    Ritornare agli anni sessanta è un bel salto indietro Gabriella e riascoltare le canzoni di quell’epoca ci fa rivivere le emozioni vissute nella giovane età ed è sempre bello ricordare. Un saluto, ciao.

  6. il 18 giugno, 2016 sandra.VI dice:

    “TU SEI ROMANTICA……” che bello riascoltarla Giuseppe , quanto mi era piaciuta , ballata , canticchiata..e con lei tutte le canzoni di Tony era il ns idolo. Che bel salto negli anni sessanta rivevendo tutte quelle emozioni, beata gioventù, che quando passa non ritorna pù…. E riviviamola così. Un grazie di cuore Giuseppe con un caro saluto ciao.

  7. il 18 giugno, 2016 carlina dice:

    grazie Giuseppe x esserti ripreso nel sacco dei ricordi Toni Dallara, ha rallegrato tanti cuori giovani e, anche a chi ora + giovane non è fa bene ascoltare certa musica con significative parole.
    I favolosi anni 60 sono ricordati oggi, anche dai quarantenni, ogni tanto voltarsi indietro, fa bene, anche se puoi rischiare il torcicollo. Grande Giuseppe ciao.

  8. il 19 giugno, 2016 giuseppe3ca dice:

    Siamo tutti romantici Sandra e la nostra generazione lo è stata in modo particolare. Fa bene al cuore ritornare indietro con la mente e rivivere le emozioni giovanili riascoltando le canzoni dei nostri tempi. Viva la musica e la tecnologia che ci consente di tornare indietro con la mente semplicemente chiudendo gli occhi e riascoltare una canzone. Grazie Sandra, ciao.

  9. il 19 giugno, 2016 giuseppe3ca dice:

    Rilassarci in poltrona per riascoltare le canzoni della nostra gioventù fa bene al cuore e non rischiamo nessun dolore articolare ma apprezzo la tua battuta, molto carina. Grazie Carlina, un caro saluto.

  10. il 19 giugno, 2016 giuseppe3ca dice:

    Cara MJosè, dalle tue parole capisco che per te e le tue coetanee sedicenni non è stato un periodo facile, le questioni politiche dell’epoca allontanavano la materia prima necessaria per vivere le emozioni. Restava la musica ma ballare con una scopa in mano non era certamente il massimo. Ci rimangono i ricordi e riascoltando le canzoni cerchiamo di rivivere qualche emozione, possibilmente senza rimpianti. C’est la vie, merci MJosè per la tua preziosa testimonianza. Un saluto sincero.