Archive for maggio, 2016

L’IGIENE INTIMA

Post di Mariejose2-fr.

Cronaca d’una francese profumata!

Cronaca d’una francese profumata!

Ma come fanno esse senza bidé?

    Un viso e un tulipano

Sì, come fanno queste signore francesi per le loro abluzioni intime, mentre non utilizzano il bidè, inventato, per le regine, e usato dalle signore di piccole virtù?

L'opportunità è troppo bella e sono una signora che rilancia le sfide. Se giudico per l'attrattiva che sembra manifestarsi negli uomini italiani, per 'il fascino che liberano le francesi', dubito che fosse per i nostri virtuale 'effluvi di piccole ragazze’ che trascuravano il loro bagno intimo.' O allora questi italiani, innamorati intirizziti, ne perderebbero il loro 'buonsenso!'

Annusando un fiore2

Allora, abbiamo i nostri metodi, utilizzando di un piccolo accessorio sconosciuto da voi e che si chiama: guanto da bagno, sì, siamo eleganti perfino nei nostri bagni. Ciò che ci permette in questo locale, sia che siamo in bagno, in doccia o davanti ad un lavabo, di trascurare il vostro… “strumento cavallerizzo". Certo confesso che se ne trovassimo nei nostri negozi, dove è passato di moda, ne faremmo tutti, l'acquisizione.

Puah! Andate a ribattervi. Non aggrottate il naso! Mettiamo questo piccolo accessorio in bucato come lo facciamo ogni giorno delle nostre piccole mutandine, questo è perché ne abbiamo una scorta nei nostri corredi. Aggiungo, avere del successo vicino ai vostri compatrioti, col 'mio piccolo guanto da bagno' perché ho degli ordini a ciascuno dei miei soggiorni italiani. E utilizzare il guanto da bagno sul bidè è di un'indicibile comodità, ne convengo!... Sono alla vostra disposizione....fiori_stw-421

Ma da anni siamo signore a consumare i “lingettes” questi piccoli fazzoletti inzuppati di sapone al PH adattato per le nostre pelli delicate, come lo fate sicuramente coi vostri bambini. Dunque siamo noi Donne ai piccoli “minu” profumati... di giorno, di notte! Vi dò anche per la stessa opportunità, uno dei cento nomi francesi di questo 'triangolo delle Bermuda' e bene più elegante di certe denominazioni lette nei servizi autostradali. Perché non è mai troppo tardi per imparare.

fiori_stw-371Ma poiché siamo alle confidenze, posso riscaldarvi lo spirito tutto, tanto quanto un certo corrispondente alla piuma estroversa. Le francese non hanno généralmente ‘ linge di legno’  .  Da alcuni anni consumo come i miei compatrioti per le cure del corpo, di un accessorio, ereditato dalle abitudini coloniali, una spugna di sisal di cui ci strofiniamo energicamente per fare della nostra pelle un velluto. Ma questa non è una novità. E non è tutto.

Perché, voi, che vantate il bidè, che necessita delle abluzioni acquatiche, avete immaginato come fanno queste donne che vivono nei paralleli tropicali dove la sorgente è distante tanti chilometri? Dubitereste della loro pulizia? Se giudico per l'attrattiva sessuale che suscitano vicino agli uomini, di ogni colore, posso dirvi che hanno un segreto, e che pratico quando mi viene l'idea. Non abbiate paura, non vado ad urtare nessuna sensibilità. In Africa, tutte le donne utilizzano delle piante aromatiche, "dinamiche", “antisettiche", "profumate”. Sì, questi profumi sono eccezionali, così inebrianti. Per ciò che si è voluto molto confidarmi, è composto di una mescolanza di incenso molto particolare e di benzina di fiori di ibiscus e di altre piante segrete. Il mio viene tuttavia dal Senegal si chiama "Thiourail Congo"

Nuda tra i fioriCosì mai ne vedete sui vostri mercati  piccoli brucia profumi di terracotta, pensate che si tratta di un accessorio di bagno intimo, mentre farete sorridere la venditrice nera, se parlarvi di acquistarlo per profumare la vostra casa, (seriamente l’effetto si fa anche nella casa)  ma non vi contraddirà per pudore, perché lei, per fare bruciare questa resina e profumarsi il corpo, ma soprattutto il sesso, si accovaccia al disopra, avvolgendosi in un “boubou”, un pezzo di tessuto, per custodire i vapori intorno a lei, come in una tenda profumata!

fiori_stw-277Quale ingegnosità! Fate parimenti!!!  non saltate più sui vostri bidè, vedrete tutti gli uomini del quartiere rigirarsi sul vostro passaggio. Scherzo! Ma penso che... le curiose dopo questa lettura, vanno ad avvicinarsi ai mercati, nati in conseguenza dell'immigrazione !

Un saluto a tutti ....

MarieJose

  Barra div. -GIF Fiori a campan, gialli e linea verde    

Françoise Hardy Le temps de l'amour 1964

    Barra div. -GIF Fiori a campan, gialli e linea verde    

I RACCONTI DELLA DOMENICA

  Buona_Domeni_24823   L’ABITO NELL’ARMADIO NEW1    

UN ABITO MAI INDOSSATO

 

Doveva partire per fare un lungo viaggio e fermarsi poi in un luogo delizioso, ma forse quello che più le premeva era incontrare e scambiare uno sguardo negli occhi con lui.

Sapeva di trovare alcuni amici e certamente non voleva essere a meno delle amiche nella loro eleganza. Per trovare dei vestiti belli e di suo gusto girò parecchio nelle migliori boutique ed alla fine trovò ciò che era nei desideri della sua mente: un abito elegante che le fasciasse il corpo in modo raffinato ma senza essere provocante.

    Bianca-Boutique-Store      

etoile-3

     

La ricerca era stata faticosa ma alla fine aveva trovato. Nel camerino di prova si rese conto che quell'abito le stava d’incanto. Lei cosi schiva nel guardarsi allo specchio, non appena arrivata a casa se lo provò nuovamente e si mise davanti allo specchio per ammirarsi. Si quello era l’abito che aveva immaginato d’indossare per una sera dove come luci dovevano esserci solo le stelle e la luna.

 

rossovalentino

 

Era uno di quei sogni che si portava appresso da parecchio tempo, ma solo ora capitava l’occasione di avverarsi e non avrebbe voluto perderla, si sarebbero rivisti dopo tanti anni. Finalmente era arrivato il giorno della partenza, le solite raccomandazioni… e via. Il viaggio, bello ma lungo, lei lo aveva programmato con diverse fermate, in luoghi dove aveva ricordi o le sarebbe piaciuto andare.

 

austria-innsbruck-old-town

 

I luoghi dei ricordi li trovò come li rammentava nei sogni o nei momenti di relax, quando i ricordi o la fantasia scorre nella mente e ti fa rivivere le belle occasioni sognate o vissute ma mai più ritrovate. I luoghi che intendeva visitare per scoprire se erano belli come le era stato detto, li trovò migliori di come se li era immaginati, ben felice delle scelte, cominciò la sua ultima tappa. Un batticuore incredibile ma la sicurezza di aver fatto bene ad accettare l’invito.

 Prima di presentarsi all’albergo dove tutti gli amici l’attendevano, fece un breve giro per rivedere quei luoghi che ben conosceva ma da tanto non visitava.

 

rose-archi

 

Fermò l’auto in un parcheggio e a piedi s’avviò lungo un sentiero che ricordava, non era più nella semioscurità come un tempo, i lampioni illuminavano quella stradina piccola e stretta con le rose ai lati: che delusione, ricordava quanto era bello percorrere quella stradina al buio, mano nella mano, e darsi un bacio, un piccolo bacio d’adolescenti ma dato con tutta la frenesia e la passione dell’amore giovanile, come può esserlo solo il primo amore. Con un pò di amarezza nel cuore si avviò al parcheggio sedette in auto e pensò che la prima delusione era arrivata, è vero niente di grave, ma il ricordo del sentiero buio non esisteva più. Un po’ alla volta si mise a girare per la cittadina, finché, forse senza nemmeno rendersene conto, arrivò davanti all’albergo.

 

53645496PERUGIA CORSO VANNUCCI

 

Gli amici che erano in attesa lungo il viale dello stesso, la videro subito, dopo gli abbracci salirono nella stanza che lei aveva prenotato, girò il capo e disse: “Ne manca uno”. Subito cominciarono a tranquillizzarla, sarebbe arrivato per la cena. Intanto che ti cambi noi scendiamo a prepararti un nuovo aperitivo, gridarono gli amici tutti entusiasti di averla con loro, solo un’amica volle fermarsi a parlarle mentre faceva toilette. Si stava preparando ma non ascoltava l’amica, rifletteva con mente ben lucida che lui mancava,  non era venuto come tutti gli amici ad accoglierla, e pensando a questo si disse: A che vale essere elegante? E mise si, un bel vestito, ma non quello che aveva tanto cercato e immaginato per l’occasione. Dentro di se pensò con timore che forse lui aveva cambiato idea, che il pensiero di rivedersi non lo entusiasmasse come sembrava in un primo momento. Tanti erano  i pensieri negativi, aveva quasi paura di dire alla sua amica: “Sono pronta, possiamo scendere”. Si avvicinava l’ora di cena ma di lui nessuna notizia, solo al momento delle ordinazioni eccolo, quasi di corsa, parole di scusa ma il suo sguardo era rivolto alla donna che per prima l’aveva fatto innamorare. Erano stati anni d’amore poi lei aveva dovuto trasferirsi, con i lunghi viaggi per trovarsi e la lontananza, l’amore un pò alla volta sembrava finito anche se nelle loro telefonate c’era sempre una mezza parola più del classico ciao. Forse per quello avevano deciso di ritrovarsi, ma in compagnia dei loro amici. Mentre gli occhi si incrociavano in una muta domanda le mani si unirono per il saluto e l’emozione li travolse entrambi, quella antica fiammella d’improvviso si era riaccesa. Avevano sofferto ma ora l’amore vinceva sulla lontananza, piano, piano, senza dir niente agli amici, si incamminarono verso il sentiero. Non importava se ora era illuminato, l’amore aveva vinto su tutto. Si era comprata un vestito bello per farsi ammirare da lui, ma non è servito, è rimasto appeso nell’armadio.

Lui l’aveva accolta nuovamente tra le sue braccia e nel suo cuore anche senza l’abito elegante e raffinato.

 

Buona Domenica  

Gabriella_63450

 

separatori gif separators glitter 15    

ERNESTO CORTAZAR - Mi Amor Por Ti       

 

    separatori gif separators glitter 15  

FRYDERYK FRANCISZEK CHOPIN

  buon giorno   Fryderyk Franciszek Chopin Tit9(  

Fryderyk Franciszek Chopin

 

Musicista polacco (1810 – 1849)

 

Figlio di un precettore francese, si stabilì a Parigi nel 1830. L’amore per George Sand e la nostalgia per la patria lontana e oppressa furono le passioni travolgenti della sua esistenza

Liberandosi dalle rigide forme scolastiche della sonata e della sinfonia, diede sfogo personale alla lirica romantica in brevi composizioni per piano quali

i Notturni, i Preludi,

gli Studi, i Valzer,

le Mazurche, le Polacche.

Compose due Concerti e le Variazioni su un tema del “Don Giovanni” di Mozart.

  img_home_chopin

Ascoltiamo un saggio delle sue composizioni: un valzer e un rilassante notturno accompagnati da piacevoli immagini ed in chiusura una fantasia con i virtuosismi di una giovanissima pianista che non si scompone neppure quando la sua esecuzione viene disturbata dal pianto di un bambino.

BUON ASCOLTO

  Giuseppe_63662  

Fryderyk Chopin: valzer in si minore, opera 69 n.2   

Frederick Leighton - Frédéric Chopin – Nocturne

Umi Garrett (age 9) -- Chopin Fantasy-Impromptu

 

La Deforestazione

RE2 bosco_home re5     re1

Il disboscamento, o deforestazione, consiste nell'abbattimento degli alberi per motivi commerciali o per sfruttare il terreno per la coltivazione.

Il 30% delle superfici emerse del nostro pianeta è ancora occupato da foreste: esse sono perlopiù concentrate nelle aree a cavallo dell'equatore e nelle zone a clima continentale.

deforestazione

Un'area di foresta abbattuta da un'industria di legname.

Fin dall'antichità l'uomo disbosca per ottenere la legna da ardere per il riscaldamento domestico o da usare come materiale da costruzione, per ottenere nuovi terreni da destinare all'agricoltura o per far spazio all'espansione urbana. Questo fenomeno oggi interessa soprattutto le aree a clima tropicale del nostro pianeta, poiché molte foreste dei territori a clima temperato sono ormai state abbattute, soprattutto le antiche foreste dell' Europa centrale, ridotte ad occupare poche aree protette specie nel sud della Germania o in Polonia, oppure le foreste della Cina del Nord-est, o i boschi di latifoglie degli stati USA affacciati sull'Atlantico. Nelle aree a clima tropicale le foreste sono spesso abbattute con un metodo davvero deleterio: una volta scelta la parte di foresta da abbattere, gli alberi vengono tagliati e poi, specie se il terreno servirà per coltivare, vengono dati alle fiamme, poiché la loro cenere funge da fertilizzante.

bosco_home Questo sistema arreca gravi danni all'equilibrio dell'ambiente naturale, infatti la cenere fertilizza per poco tempo il terreno, mentre la distruzione del sottobosco distrugge in tutto e per tutto l'habitat della foresta pluviale accelerando fenomeni erosivi del terreno. Dopo pochi anni si deve abbandonare il terreno e disboscare un'altra area. Inoltre l'utilizzo del fuoco è molto pericoloso perché danneggia la fauna e spesso sfugge al controllo causando danni ancora più gravi. Questo fenomeno, purtroppo ancora molto frequente nella foresta amazzonica e in crescita in molte altre aree del pianeta, porta via molti alberi ai polmoni verdi della Terra. I paesi maggiormente interessati da questo fenomeno, spesso connesso con attività illegali, ma non sempre, sono la Cina meridionale, la Cambogia, l'India meridionale, l'isola indonesiana del Borneo, la Birmania, la Malesia, la Thailandia in Asia, in Africa soprattutto il bacino del Congo ed anche la Nigeria, e in America latina la Colombia, il Brasile, il Venezuela, la Guinea, l'Uruguay e nell'America centrale soprattutto il Messico, il Belize e l'Honduras.

Le piante aiutano a mantenere stabile la concentrazione di anidride carbonica nell'atmosfera (attraverso la fotosintesi clorofilliana). L'utilizzo di combustibili fossili ed il diboscamento stanno causando un aumento di CO2 nell'atmosfera, che ha diretta influenza in fenomeni come l'effetto serra ed il riscaldamento globale.

La foresta amazzonica: uno degli ultimi habitat ancora intatti della Terra

Il diboscamento è il risultato della rimozione di alberi senza che vi sia una riforestazione sufficiente. Mentre il diboscamento delle foreste pluviali tropicali ha attirato l'attenzione dell'opinione pubblica, le foreste torride tropicali stanno scomparendo ad una velocità sostanzialmente più alta. Invece di catturare le precipitazioni, che filtrano poi nel sottosuolo, le aree diboscate diventano aree di veloce deflusso acquifero superficiale. Il diboscamento contribuisce inoltre ad una riduzione dell'evaporazione delle acque, che diminuisce l'umidità atmosferica e le precipitazioni. Anche la produzione di legname è una causa di disboscamento.. Le foreste sono inoltre un'importante riserva di carbone, sono fondamentali per il ciclo del carbonio, risanando l'aria dall' anidride carbonica e altri agenti inquinanti. I boschi e le foreste sono inoltre importantissimi ecosistemi con una elevatissima biodiversità in cui vivono numerosissime specie viventi. Sono anche oggetto di bellezza estetica, naturalistica e culturale. Il diboscamento comporta la perdita di questi valori, del rispetto delle foreste e in generale dell'ambiente.

bosco_home

I metodi per controllare e ridurre la deforestazione sono numerosi, ma tutti dipendono dalla volontà politica di attuarli, anche in contrasto con forti interessi economici. Fra questi vi è prima di tutto una agricoltura sostenibile, che attui sistemi di rotazione delle colture e che utilizzi meno territorio. Questo non è affatto scontato nei paesi in via di sviluppo dove la popolazione è in rapida crescita. Una corretta gestione delle foreste è alla base di tutto. Alla Conferenza di Rio del 1992 si è proposto un sistema gestione forestale sostenibile (GFS), con lo scopo di controllare il patrimonio e gli ecosistemi forestali a livello mondiale. A questo è seguita la formazione di alcune organizzazioni come il Forest Stewardship Council, attivo per la salvaguardia delle foreste tropicali, del Nord America e dell'Europa: FSC certifica i prodotti costituiti da materie prime che non consumano il patrimonio forestale. Purtroppo la deforestazione continua ad avanzare, e si sta rendendo necessario attuare politiche di riforestazione. Ad esempio in Cina il governo ha chiesto ai cittadini di contribuire piantando alberi. Anche numerose associazioni si occupano della riforestazione, ma purtroppo sembra che gli sforzi non siano completamente condivisi a livello mondiale. L'unico paese che ha aumentato il proprio patrimonio boschivo nel corso del XX secolo mediante politiche governative è Israele. In Europa il disboscamento sembra aver rallentato la sua corsa, ma in paesi come l'Italia questo sembra più essere dovuto all'abbandono del patrimonio boschivo e in parte di quello agricolo, piuttosto che ad una loro oculata gestione.

bosco_home Taglio illegale di alberi: il profitto è per pochi, il danno per tutti Che si tratti dell’Amazzonia, piuttosto che dell’Indonesia o della Russia orientale, la situazione non cambia: In oltre 70 Paesi la mafia del legno elude la legge e gestisce un giro d’affari multimilionario. Un esempio di questa attività fraudolenta: lo sfruttamento di superfici boschive oltre i confini autorizzati, oppure il taglio della legna nelle aree protette.

  re3  

bosco_home

STILE SALUTE - la deforestazione - OLIO DI PALMA

  re5bosco_home re4
Articolo preso dal web.

LA DOMENICA DEL BOSCO

  Buona_Domeni_24823   Diapositiva1  

L’amore, si sa, non dura in eterno, malgrado l’istituto del matrimonio che dovrebbe rendere indissolubili le unioni ma poi si è inventato il divorzio, la convivenza senza vincoli ecc.

Non sempre le separazioni sono consensuali ma molto spesso l’abbandono avviene solo da una parte perché si scopre l'incompatibilità, perché finisce l’amore, perché si è trovato un altro o un’altra che è più bella/o, stimola e sa amare meglio.

Con l’abbandono scatta la voglia di vendetta, rimorsi, rancori, stalking, atti persecutori con epiloghi violenti e ancora peggiori… ma l’amore, si sa, arriva passa e va, perché prendersela?

Infatti non tutti se la prendono, anzi, molto filosoficamente la mettono in versi… anche questo può essere uno sfogo, in attesa di trovare un altro o un’altra che sappia riaccendere la fiamma dell’amore.

Il Bosco ha raccolto da più parti alcuni di questi sfoghi più o meno poetici e proviamo a pubblicarli cercando di legarli uno all’altro come se appartenessero alla stessa storia.

Inventiamoci i nomi per i due PROTAGONISTI:

Frine,_cortigiana_d'orienteA lei diamo il nome di FRINE, la cortigiana greca del IV secolo a.C., immortalata da Prassitele in due famose statue. La storia narra che fu accusata di empietà ma fu poi assolta dai giudici dopo aver mostrato il suo corpo nudo: era troppo bella per essere giustiziata ed ebbe la grazia.

A LUI, invece, diamo il nome

di EOLO, il dio dei venti.$_57

 

Tutta pura fantasia ma giusto per giocare un poco nella nostra

 

buona domenica

  Giuseppe_47259  

In una storia a due che dura da tempo, Eolo rallenta i suoi messaggi, Frine pensa che non la ama più ed ecco cosa scrive:

 

Era solo un illusione

sentirsi amata ,vezzeggiata coccolata,

tutta la sua attenzione era per te

ti  sentivi  come la donna piu’ felice della terra.

ogni giorno un occasione per un presente,

 al mattino con il caffe’ , il suo biglietto con una dolce parola

poi la telefonata  e sempre la buonanotte.

la buonanotte ha incominciato a non esserci sempre

la telefonata s’e’ diradata

al mattino un biglietto senza parole

la sua attenzione non c’era piu’

 ti sentivi amata vezzeggiata coccolata ?

era solo una grande enorme illusione

ti aveva forse promesso la luna ? Ramo fiorito

no, solo un po’ d’amore,

ma lo ha dimenticato.

non lo ricorda più.

                                   Frine

 

Ecco cosa scrive Eolo, invece, quando capisce che Frine ha tradito le loro promesse d’amore

 

Fiori - Mazzetto di fiori anim. - delicatoSTELLINA LUMINOSA

In un cielo infinito

Di puntini tremolanti

Eri l’unica stella

Luccicante d’amore

Che rischiariva un cuore

Sommerso da anni

Nell’abisso del buio

Ti sei trasformata

In stella cadente

Gettandoti nel vuoto

A scontrarti con l’aria

Ti sei bruciata

Piccola stella

Non troverai più

Quell’amore sincero

Lo hai reso cenere

Con le tue bugie

Forse lo ritroverai

Ma non sarà lo stesso

Anche lui si è freddato

Nel rimorso di un amore sperato,

perduto, cercato e non ritrovato.

                                               Eolo

I due  si incontrano, Frine parla già di amicizia, la sofferenza di Eolo è grande e i suoi occhi non riescono a nascondere il dolore. Frine scrive:

 

Ti ho visto piangerefiori_stw-362

eppur la mia amicizia è grande

non chiedere troppo.

Pensa al nostro mondo

pieno di storie, certe vere

alle volte di fantasia.

Poesie, dettate tutte dal cuore.

Nel nostro mondo

troviamo tanto virtuale,

ma tutto è bello, ricordalo.

La vita la dobbiamo vivere

sognando ma con gli occhi ben aperti.

Dedicata a te ciao

                                               Frine

 

 

Eolo, forse in una confessione a sé stesso, scrive:

fiori_e_piante_rose_bianche_animate_01Simbiosi spezzata

Una simbiosi che durava ormai da anni

Si è spezzata in una notte

Un cuore ha vissuto nel dormiveglia dell’insonnia

Quanto accadeva all’amato cuore lontano

pur non sapendo capiva che il sogno era finito

sentiva che quella simbiosi andava in frantumi

e al risveglio del mattino ha avuto la conferma

doveva farsene una ragione

le cose impossibili non possono avverarsi.

Buonanotte Fiorellino.

                                                               Eolo

Questa è n’altra storia, lui è legato da un vincolo matrimoniale anche se è separato in casa, ma continuiamo a pensare che i protagonisti siano sempre Frine ed Eolo. Lei ha un ripensamento e, rivolgendosi alla propria coscienza, scrive:

 

Non prendere quel che non e’ tuo.

alle volte ci si affaccia nuovamente alla vita

ma causa del troppo riposo,fiori-5001

non t’accorgi che non e’tuo

quello che tanto ti piace.

continui a sbagliare e chissa’ perche’

anche quando sei ben certa del tuo sbaglio

la volonta’ di ritornare indietro manca.

non vuoi lasciare quello che hai trovato

troppo bello anche se con mille dolori.

forse la causa e’ del “prendere quello che non e’ tuo

ritorna nel tuo guscio, fai soffrire anche gli altri.

nei tempi passati non soffrivi, gioivi del poco

ma era sufficiente.

ritorna come prima, la sofferenza un po’ alla volta

vedrai ti passera’.

ricordati, non prendere mai quel che non e’ tuo!

                                               Frine

 

 E infine Eolo la vede così:

UNA LUCE NELLA NOTTE

fiori_stw-421 

Arriva la notte

Il buio avvolge tutto

Addio alla visione di petali sboccianti

Addio al sapore di dolci ciliegine

Il cielo si è oscurato

L’azzurro non c’è più

Credevo fosse amore

Ma come stella cadente

S’illumina un istante

E non dà luce più

Non è tempo di illusioni

Guardiamo la realtà

La strada in salita

Allontana la meta

Tramonta una Piccola Luna

E ricompare l’alba

Radiosa e illuminata

Dall’astro sorgente

Ti affacci al nuovo giorno

Rinasce un’altra stella

E ritorna la speranza-

             Eolo

 

fiori (4)

 

Arturo Testa - Io sono il vento

    fiori (3)    

LUDWIG VAN BEETHOVEN

    La pagina della musica  

Ludwig van BeethhovenLudwig Van Beethoven - Musicista tedesco

(Bonn 1770 - Vienna 1827)

 

A dodici anni già componeva, all'età di 22 anni si trasferì Vienna ove trascorse una vita non sempre felice sia per le sue intemperanze, i volenti contrasti interiori e le incertezze economiche che ne travagliarono l'esistenza. Ebbe come maestri Haydin, Albrechtsberger e Salieri. Già dopo i trent’anni iniziarono i suoi problemi all’udito fino a divenire completamente sordo nel corso di pochi anni. Malgrado ciò continuò a comporre, condurre e suonare, lasciando una produzione musicale di straordinaria forza espressiva, riconosciuta ancora oggi per la capacità di suscitare emozioni. Oltre che per la vastità del suo repertorio è riconosciuto come il più grande esponente del romanticismo musicale e ma anche un rinnovatore delle musica del suo tempo.

  Beethoven_Klaviersonate_Nr_30  

Le nove sinfonie, non hanno bisogno di presentazione: [1800; 805-1802; 1804 (Eroica); 1806; 1805-08; 1808 (Pastorale); 1812; 1817; 1823]; Prometeo 1801;  l’opera teatrale Fidelius, 1805-14; Messa solenne 1818-23; e ancora, ouvertures: Leonora, Egmont, Coriolano; Concerti oer pianoforte e oechestra; sonata per violino e pianoforte, sonate per pianoforte (Patetica, Chiaro di luna, Appassionata); Quartetti, Trii e Lieder.

 

800px-Thirteen-year-old_BeethovenLudwig, precoce talento musicale

  Barra separ. con diversi fiorell. multic.  

Nel nostro sabato in musica, concediamoci l'ascolto di qualche mirabile pezzo del vastissimo repertorio di Ludvig Van Beethoven.

  Giuseppe_54852   separatori (97)  

Per Elisa

 

  separatori (212)  

Beethoven Symphony No.9    

 

    separatori (212)  

Beethoven - Silencio

 

separatori (97)