Archive for dicembre, 2015

BUON ANNO

  Dalla_Redazi_07251auguriglitterBUONANNO2 La_Redazione_07833

Nembo 5Lorenzo_49308

Giuseppe_56806- ASabrina_13034

sabry (250)

separatori-n (53)separatori-n (53)  

Simbolo della Pace B

 

A decorrere dal 1° gennaio 1968, nel giorno di capodanno si celebra la

GIORNATA MONDIALE DELLA PACE

 

Ricorrenza istituita da Papa Paolo VI con un messaggio in data 8 dicembre 1967.

Da allora, ogni anno, il Pontefice della Chiesa Cattolica invia ai capi delle nazioni e a tutti gli uomini di buona volontà un messaggio che invita alla riflessione sul tema della Pace.

La pace tra le nazioni, tra i popoli, tra la varie etnie, le varie religioni, la pace tra le famiglie, tra i familiari, tra i singoli, la pace tra noi, la pace nel cuore, ecc… quante sfaccettature si possono collegare alla parola “PACE”

Nel Bosco abbiamo trattato l’argomento della Pace nel Mondo con un bellissimo post di Nembo dello scorso 8 dicembre e oggi vogliamo parlarne ancora, in maniera spicciola, pubblicando riflessioni e messaggi proposti da due nostre affezionate collaboratrici.

 

1 – AlbaGloria.fi

 

RIFLESSIONI ESTEMPORANEE

Quello che più mi fa riflettere in questo periodo è che tutti parlano della voglia di comunicare, di essere solidali con gli altri, della voglia di ritrovare i veri valori della vita, di creare dei rapporti umani solidi e sinceri e poi perfino in Chiesa, quando dobbiamo scambiarci la stretta di mano per augurarci la pace, vedo che non c'è tutta questa voglia di approfondire la conoscenza. Dovunque, nei negozi, negli uffici pubblici, sui bus, per strada ecc., se qualcuno ti sorride o ti fa un gesto cordiale di gentilezza si rimane sorpresi perché non ci siamo abituati. Se parli con qualcuno senti sempre dire che non c'è più generosità, né amicizia e che la gente pensa solo per sé; allora la mia domanda è:

Chi deve per primo tendere la mano?

   

separatori (371)

 

2 – Alba Morsilli.ge

 

UNA LETTERA INATTESA

 

 Oggi ho ricevuto un dono che più bello non poteva essere, da una figlia che sta attraversando un momento particolare del suo matrimonio. Questa lettera di auguri e vorrei che fosse per tutte le mamme, perciò oggi voglio condividere con voi la gioia che ho nel cuore. Ho ricevuto da mia figlia questa lettera per gli auguri del. Santo Natale 2015.

Ho ricevuto da mia figlia questa lettera per gli auguri del. Santo Natale 2015 e nel leggerla mi si è riempito il cuore di gioia. Vorrei che fosse così per tutte le mamme perciò oggi voglio condividere con voi questa gioia che è stata veramente immensa.

 

Ciao Mamma. Sono grande, sono una donna adulta ormai, ma dentro al mio cuore mi sento ancora tanto figlia, e continuo ad aver bisogno di te, dei tuoi insegnamenti e del tuo amore.

Mi guardo allo specchio e vedo tanto di te, di quello che mi hai trasmesso ne faccio tesoro. Ogni piccolo momento per me è il regalo più bello e l'amore che dai ai miei figli è lo stesso che hai sempre dato a me. Oggi più che mai mi dai la forza di essere positiva e di combattere come ho sempre visto combattere te, contro tutte le avversità.

Chissà se anch'io sarò un esempio per miei figli come tu lo sei stata per me?

La saggezza che hai conquistato è un dono prezioso che va custodito con orgoglio a testa alta e un bel sorriso sulle labbra. Goditi i piccoli momenti di rara dolcezza della vita, insieme a chi ti ama veramente. ti ringrazio della tua vivacità di spirito che impreziosisce le nostre giornate e ci rassicura nei momenti di sconforto.

Ti auguro assieme ai miei adorati figli un sereno e caldo Natale. Auguri.

 

Laura_01522

 

separatori (371)

   

TENDERE LA MANO

 

Chi deve per primo tendere la mano?

Il quesito posto da Alba Gloria è

"Una domanda da un milione di dollari"

Possiamo dire che per incontrarsi, due mani, devono essere tese una verso l'altra e non può essere una prima e l'altra dopo, deve essere una mossa in contemporanea ed è bello quando il gesto è spontaneo da entrambe le parti.

Oggi, purtroppo, viviamo in un mondo di finzioni, di falsità, di gente che cura i propri egoistici interessi incurante dei bisogni e delle necessità del prossimo.

Questa è l’occasione per parlarne e vediamo se si riesce ad avere il parere dei lettori: l’invito a partecipare è valido per tutti. Cosa ne pensate?

 

separatori (371)

   

LA LETTERA ALLA MAMMA

   

Com'è nel nostro stile abbiamo accolto con gioia il desiderio dell'Amica Alba Morsilli: è una lettera che merita di essere portata a conoscenza di Amiche e Amici...

È anche questa una dimostrazione di mani tese,  di desiderio di pace e dimostrativa di quella unione apparentemente sottile ma che in realtà è fortissima che lega una figlia alla mamma e viceversa.

Sia per la domanda di Alba Gloria che per la lettera di Alba Morsilli, questa è l’occasione per parlarne e vediamo se si riesce ad avere il parere dei lettori: l’invito a partecipare è valido per tutti. Cosa ne pensate?

  Giuseppe      

Pace

Inno alla Pace

 

     

LA DOMENICA DEL BOSCO

  Le nostre rubriche       buonadomenica (3)  

Continua il clima del Natale e proseguiamo con la pubblicazione dei post pervenuti. Oggi presentiamo questo di Gabriella.bz che descrive  il cambiamento operato al suo stato d'animo dall'ambiente natalizio della sua città che lei ha voluto sapientemente descrivere per il nostro amato Bosco. Grazie Gabriella, ne siamo felici.

 

Giuseppe_30091

 

barra separatrice rosa

Post by Gabriella.bz

    cielo stellato con stella cadente      

IL SILENZIO DI NATALE

   

Le melodie struggenti di questo CD. mi ricordano i tempi passati, quanti anni? tanti, eppure a pensarci bene, quello che era successo in quegli anni potrebbe succedere ora, l’amore, la malinconia, ecco forse i ricordi ora sono più forti e non c’è solo qualche sporadico scritto, ora i ricordi sono molti. E’ ritornato il S. Natale. Non voglio pensare a tutto ciò, voglio ascoltare la musica, ma un silenzio interno non mi fa sentire, sembra mi chiami e voglia che mi stacchi dalla musica. Che hai silenzio? compagno di tante serate, di pomeriggi senza riuscire a leggere o scrivere di quelle giornate che ho passato in casa nella mia solitudine ma non per questo deprimente, mi eri amico. Che c’è? vuoi che apra il cassetto dei ricordi? Quello che sembra un bijou per come sono tutti i pacchetti piccoli? sembrano tanti gioielli, non ci sono ori preziosi, ma solo gioie di gran pregio per il cuore. Osservando con che cura ho avvolto tutto, gli occhi si fanno lucidi, il pensiero di quei ricordi mi spezza il cuore.

   

rose con il cuore

 

Dovrei attaccare un racconto a tutti questi pacchettini ma meglio sarebbe nasconderli anche ai miei occhi, solo che il cuore preferisce soffrire al loro ricordo e osservarli di tanto in tanto. Silenzio, amico mio, chiudiamo e andiamo a vedere che ci offre oggi di bello la città.

pacchetto con ponponPacchetto nat. DPacchetto nastal. BBPacchetto natal.0

 

É dicembre inoltrato e come sempre in Alto Adige ci sono i mercatini di Natale, ogni anno migliorano, diventano sempre più grandi e a Merano non sono solo lungo il Passirio, ma in altre piazze per far sì che la gente possa passare e guardare tutte le bellezze.

I mercatini di Natale a Merano

 

2013_mercatino-natale-merano_05

 

2013_mercatino-natale-merano

2013_mercatino-natale-merano_06    

   

   

Passeggiando osservo che i costumi tirolesi fatti a maglia con annesse sciarpe e berretto ed i profumi con saponette fatte con fiori di montagna battono il record, ci sono poi le bancarelle dello speck e del pane, dei souvenir, le bellissime palle per l’albero di Natale di tutti i colori e la fantasia dei disegni da non credere, sia lavorate all’interno che all’esterno e per chi vuole fatte al momento, bancarelle di ceramiche, di caraffe per bere la birra con accanto la sua botte tipica, delle candele profumate lavorate con tutti i colori, forse le bancarelle più caratteristiche sono dove si offre il vin brulé.

 

nmb

 

Ho notato delle agende con la copertina in pelle grezza molto bella. Quanta gente eppure non è ancora festa, andiamo a berci il caffè, silenzio amico mio, persino qui hanno messo delle bancarelle, una volta questa strada era bella ma solitaria c’era solo un bel bar con un ottimo caffè e si veniva in questa zona solo per quello, strano non avrei pensato di trovare le bancarelle. Il mercatino in questa zona mi incuriosisce, passo lentamente osservando ciò che offrono, giocattoli in legno fatti artigianalmente, profumi vari, thè e tisane con le solite erbe e per finire tanti pastorelli tutti fatti a mano.

 

L'artista del legno al lavoro

 

indexpastorelli

 

imagesjhg

Un signore tranquillo guarda i suoi lavori e nel medesimo tempo da un pezzo di legno crea i suoi pastori. E’ davvero bello, non che non abbia mai visto creare una figura dal legno, ma questo signore ti dà una carica di energia incredibile, ha delle mani grandi dalle quali escono delle figure tanto aggraziate quanto non si può immaginare.

Mercatini-di-Natale-2013-Bressanone-Brunico-Merano-date-e-orari

 

Mi allontano lentamente e penso che questo è Natale, fare delle piccole statue da mettere nel presepio, più tardi ne compro quattro una a testa per i miei nipotini. Mi avvicino al bar per il mio solito caffè e mi accorgo che il silenzio che sentivo dentro me non c’è più, mi sento rinata che è successo? Eppure quel silenzio io ero abituata a sentirlo, era una compagnia, ma forse una compagnia triste.

 

merano-mercatini-di-natale-passirioMerano - Mercatini di Natale sul Passirio

   

Esco dal bar con una carica in più ora passo a prendere le statue poi a casa le avvolgo nella carta con figure natalizie, non mi manca la carta e non intendo farla sprecare al buon uomo che lavora con passione. Con il cuore allegro i pastorelli in borsetta mi accingo a ritornare a casa, ripassando davanti alle bancarelle ora sento anche i profumi delle saponette e delle essenze varie, è davvero bello il S. Natale con tanti colori con giochi, con le chiese addobbate a festa, le luci che decorano la città, ed il più bello… i nostri bimbi che attendono Babbo Natale!      

Gabriella_03420   Fiori animati violetto  

Buon Natale Merry Christmas

 

 

 

BUON NATALE

        dalla Redazionedel_Bosco_41899     gif-animata-auguri-buon-natale_1764  

PER TUTTI GLI AMICI FEDELI, COSTANTI, AFFEZIONATI E SOLIDALI  MA ANCHE PER QUELLI SALTUARI, PRECARI, TEMPORANEI, PERIODICI, TRANSITORI, PROVVISORI, PASSEGGERI, MORDI E FUGGI.

RICORDANDO CHE UN COMMENTO, FAVOREVOLE O CONTRARIO, É SEMPRE GRADITO PERCHÉ CI DÀ L'INDICE DI ORIENTAMENTO PER MIGLIORARE LA QUALITÀ DEI NOSTRI POST.

  grazie_069  

La_Redazione_07833Sabrina - Y

Nomi - Lorenzo 7Nembo_37047

Giuseppe  

bosco (40)

Un invito alla lettura di questo post di Cecilia Zenari che ci riporta indietro nel tempo-

 

LETTERA DI NATALE

 

Durante il periodo di Natale, tanti anni or sono, il Nome del Bambino Gesù, nato così Povero e così Grande, era spesso presente nei nostri pensieri e nei nostri discorsi.

bosco (26)

 

Nelle letterine, con immagini di neve e brillantini dorati, che Lo rappresentavano appena nato, scrivevamo, con tanto entusiasmo, poche righe colme d’amore e di riconoscenza, ai nostri cari genitori. Ogni anno, il papà le ritrovava, commosso, sotto il piatto, durante il pranzo di Natale.

 

Anche i semplici doni contribuivano a rendere gioiosa quell’atmosfera: un orsetto dal pelo corto ricciolino, un bambolotto di plastica, la tradizionale tombola, il gioco dell’oca coi dadi, una pistola da cowboy, un’armonica a bocca, un trenino con le rotaie che funzionava a molla: uno solo di questi giochi… era il massimo, per noi!

 

bosco (60)  

Ricordo, papà, quel lontano mattino di Natale, quando tu salisti pian, piano, le scale di legno, con aria compiaciuta e ti sedesti tra noi, sul lettone, portandoci dei doni dentro ad un paniere: tre mandarini, poche arachidi ed alcune noccioline. E noi … un po’ stupiti e un po’ delusi, cercavamo di comprendere se quello era forse uno dei tuoi soliti scherzetti!

Rimane, così in me, indelebile, la tua immagine di giovane papà, il tuo grande affetto, il tuo entusiasmo nell’insegnarci i sentimenti veri del cuore.

 

Il tuo grande presepe, con lo sfondo dipinto a pennello, le luci colorate, le casette ed il castello che tu avevi costruito dedicandoti con tanta passione.

 

ZUGLIANO - NATALE  

Quel presepe l’avevi promesso in un momento di grande dolore… e la promessa fu mantenuta, fino a quando noi diventammo adulti e le tue forze, papà, vennero meno.

 

La sera, ci riunivamo, davanti al Bambino, commossi, a dire una preghiera o ad ascoltare, mentre suonavi, col tuo “prezioso” violino, le dolci lodi all’Altissimo.

 

Al pranzo di Natale, poi, il nonno Vittorio non mancava mai. Sette, otto tortellini in brodo, per ciascuno: allora erano una novità! Carne di manzo e gallina lessa, un po’ di sottaceti ed infine il panettone coi canditi, riscaldato nel forno della stufa a legna o vicino al caminetto scoppiettante.

 

bosco (14)  

Per la gioia di noi piccini, nonno Vittorio s’improvvisava un po’ prestigiatore e un po’ pagliaccio. Faceva così scomparire il suo vecchio orologio, per poi ritrovarlo, con improvviso stupore, dentro le nostre taschine o sotto il grosso maglione di lana. Ed, ancora, le espressioni buffe e gli occhi storti, che ci facevano così divertire!

 

Caro papà, dopo tanti, tanti anni, poco prima di Natale, decisi di comprare un bel giaccone per te: volevo farti una sorpresa. Arrivati alla tua casa, te lo facemmo indossare e, qualcuno, quasi “approffittando” del tuo sentimento di commozione, gentilmente, con tono quasi supplichevole, ti chiese se, anche tu, potevi fargli un regalo! Subito lo assecondasti, annuendo, non sapendo, però, di che regalo si trattasse… e la risposta fu immediata: “Se potevi venire una settimana da noi, a trascorrere, tutti insieme, il Santo Natale”.

bosco (62)

 

Ti fu impossibile, stavolta, negare e quel Natale, passò all’insegna della Pace e del Perdono.

 Diventasti, per tua scelta, un papà e nonno super protetto e, in due giorni, decidesti di rimanere per sempre con noi.

 Se quel Bambino è nato povero tra gli uomini, l’ha fatto per renderci ricchi di solidarietà, fratellanza ed amore.

Il Piccolo Signore aspetta sempre, in silenzio, un nostro gesto di Pace, un sorriso sincero, un semplice “Sì!”

  Cecilia  

bosco (40)

 

Buon Natale amici miei...  

       

IL NATALE NELLE NOSTRE CASE

 

IL NATALE NELLE NOSTRE CASE

 

Un mondo che cambia velocemente, orientato ad una società multietnica che, sottilmente ma anche in modo assai palese, sta già tendando di modificare le nostre abitudini e la nostra cultura, compresa quella di voler abolire il Presepe e il classico albero nei nostri festeggiamenti del Natale. Ma, finché mondo vivrà, noi resisteremo e continueremo a mantenere le nostre plurisecolari tradizioni.

Con tale intento ho chiesto agli amici del Bosco di inviare la foto del loro albero di Natale o del Presepe fatto in casa e in tantissimi hanno risposto ed hanno voluto partecipare.

Ringraziamo tutti sia per aver apprezzato l’iniziativa che per l’invio delle foto che pubblichiamo volentieri.

Un grazie particolare ad Albagloria, Alba Morsilli, Carlina, Cecilia, Gianna, Gabriella, MarieJose, Roberta degli Angeli, Rosa, Rosanna, Ruza, Sandra, Aquilafelice, Lorenzo, Nembo e tutti gli altri che ora potrei non ricordare.

    Giuseppe_12280 A  

natale12   20151219_165655-1   IMG_2381R   albero natale 2010                         albero-di-natale-con-regali                 Albero di Natale 2015                       Albero e presepe                                   IMG_2479r                       20151220_100310r                     separatori (178)       Il_Presepe_55675   IMG_2480r     20151219_165002-1r                   Immagine 002s.g.lupatoto                     101_1411                   101_1416-1                       presepe casa S. G. Lupatoto                       1                       Presepe_2007_DSC_9880                         PRESEPE BOSCO                     come il primo presepe di Greccio                       IMG_2478r                     IMG_2484rs.xcf                     IMG_2481r                       IMG_2483r                   DSCI0781r   P1060404       separatori (178)

 

CELINE DION - SO THIS IS CHRISTMAS

  https://www.youtube.com/watch?v=51bO1CVPWRA      

CONDOGLIANZE

  separatori (184)  

SIAMO VICINI ALL'AMICA FRANCESCA (FRANCI) DEL  BLOG 'INCONTRIAMOCI'  NELL'IMMANE DOLORE PER LA PERDITA DELL'ADORATA MAMMA

CONDOGLIANZE DALLA REDAZIONE E TUTTI GLI AMICI DEL BOSCO

  Sabrina_08526 Nembo_63916 Lorenzo_39390

Giuseppe_08863

      separatori (178)

FILM : ANGELI- UNA STORIA D’AMORE

renderimg.aspFRT Angeli__Una__29730

è un film TV italiano del 2014, diretto da Stefano Reali e con protagonisti Raoul Bova e Vanessa Incontrada. Nel cast figurano inoltre Giampiero Judica, Giampiero Mancini, Ugo Pagliai e Marco Bonini.

Genere drammatico, sentimentale, fantastico Durata 100 min.

Regia:  Stefano Reali Sceneggiatura: Alberto Amoretti, Stefano Reali, Uski Audino, Roberta Colombo, Alessandra Neri.

Angeli-bova-incontrada Interpreti e personaggi:

Raoul Bova: Claudio Vanessa Incontrada: Luisa Giampiero Judica: Roberto, amico di Claudio Giampiero Mancini: Walter Ugo Pagliai: Angelo Uriel Marco Bonini: Cesare, collega di Luisa Clotilde Sabotino: Cosima Blu Yoshimi di Martino: Manuela Fotografia:  Stefano Ricciotti Produttore:  Luca Barbareschi, Claudio Gaeta

TRAMA:

Roma: Claudio è un quarantenne di origine nobile che vive in un lussuoso appartamento in centro città, che trascina avanti la propria vita in modo ozioso, grazie anche alla cospicua eredità lasciatagli dai genitori, e che vive in modo superficiale i suoi rapporti amorosi, preferendo le relazioni di breve durata al grande amore. Un giorno, Claudio, dopo aver difeso un uomo vittima di uno scippo, conosce Luisa, il vicequestore di polizia. Claudio si innamora a prima vista di Luisa ed inizia a corteggiarla e la frequentazione di Luisa sembra aver degli effetti positivi sull'uomo, che inizia a cambiare la sua visione della vita. La felicità dura però poco, perché il "destino" ha in serbo uno scherzo crudele per i due innamorati........ 272577-400-629-1-100-Angeli-con-Raoul-Bova-e-Vanessa-Incontrada https://www.youtube.com/watch?v=XmAGlcEdekc renderimg.aspHJ       separatore reiki