Archive for settembre 2nd, 2015

FILM: STORIA DI UNA LADRA DI LIBRI

renderimg.asp Storia_di_un_55207 _The_Book_Th_55857   Storia-di-una-ladra-di-libri-wallpaper  

è un film del 2013 diretto da Brian Percival, con protagonisti Sophie Nélisse, Geoffrey Rush ed Emily Watson.

 

Titolo originale: The Book Thief Lingua originale: inglese Paese di produzione: Germania, Stati Uniti d'America Anno: 2013 Durata: 131 minuti

 

Genere azione, avventura, drammatico, guerra.

  036

Regia: Brian Percival

Sceneggiatura: Michael Petroni Produttore: Ken Blancato, Karen Rosenfelt

Fotografia: Florian Ballhaus Montaggio: John Wilson

 

Interpreti e personaggi:

 

Sophie Nélisse: Liesel Meminger Geoffrey Rush: Hans Hubermann Emily Watson: Rosa Hubermann Ben Schnetzer: Max Vandenburg Joachim Paul Assböck: Ufficiale SS Kirsten Block: Frau Heinrich Sandra Nedeleff: Sarah Nico Liersch: Rudy Steiner Hildegard Schroedter: Frau Becker Rafael Gareisen: Walter Kugler Oliver Stokowski: Alex Steiner Carina Wiese: Barbara Steiner Barbara Auer: Ilsa Hermann Heike Makatsch: Madre di Liesel Levin Liam: Franz Deutscher Matthias Matschke: Wolfgang

 

Doppiatori italiani:

 

Emanuela Ionica: Liesel Meminger Dario Penne: Hans Hubermann Chiara Colizzi: Rosa Hubermann Flavio Aquilone: Max Vanderburg Elena Morara: Frau Heinrich Tito Marteddu: Rudy Steiner Alessandra Cassioli: Frau Becker Carlo Scipioni: Alex Steiner Giuppy Izzo: Barbara Steiner Barbara De Bortoli: Ilsa Hermann Federico Campaiola: Franz Deutscher Francesco Bulckaen: Wolfgang Stefano Benassi: Morte, Voce narrante

    the-book-thief-storia-di-una-ladra-di-libri-trailer

TRAMA:

 

Germania: Febbraio 1938. Liesel Meminger è una bambina di nove anni in viaggio con la madre e il fratellino, Werner, su un treno diretto alla città di Molching. Durante il viaggio, il piccolo Werner muore; è in questa occasione che la Morte incontra per la prima volta Liesel Meminger e ne è affascinata al punto di decidere di seguirne l'esistenza. Werner viene seppellito in un cimitero accanto alla ferrovia; durante il funerale, Liesel ruba un libricino (il "Manuale del Becchino") perduto da uno degli addetti alla sepoltura. Successivamente, la bambina viene data in adozione ad Hans e Rosa Hubermann. Hans è un uomo gentile che di mestiere fa l'imbianchino, ma non trova lavoro perché rifiuta di iscriversi al Partito Nazista; Rosa, al contrario, ha un pessimo carattere, anche se in fondo possiede un cuore buono e generoso, e mantiene gli Hubermann lavando il bucato alle famiglie abbienti di Molching. Dal dialogo tra gli Hubermann e l'assistente sociale che ha accompagnato Liesel si deduce che la madre della bambina è una comunista e ha dovuto abbandonare Liesel e lasciare la Germania per sfuggire alle persecuzioni naziste.

  https://www.youtube.com/watch?v=xptMo2jLmCk   renderimg.aspfz