Archive for agosto, 2015

LA DOMENICA DEL BOSCO

Le_nostre_ru_12653 B.D. WW  

 Anche gli appunti sul diario di viaggio possono costituire una testimonianza delle esperienze vissute durante un periodo di vacanza. Ce ne dà ampia dimostrazione l’Amica Sandra con questo bel racconto.

Grazie Sandra, un invito a ripeterti.

  Giuseppe_12596 Barra separ. nat.

Un post di Sandra.Vi

  Vacane ad Armeno5      

Sto trascorrendo le vacanze ad Armeno, ospite delle suore della Carità. Un luogo stupendo, con un parco magnifico, una tranquillità e una serenità difficili da trovare, e un trattamento e una gentilezza uniche, sia da parte delle carissime suore che dal personale.

Residenza Suore della Carità-Armeno Residenza Suore della Carità vista dall’alto

 

Armeno è un grazioso paese quasi adagiato in una conca riparata a 523 mt sul livello del mare, a pochi km dal lago d'Orta e dal Mottarone, luogo di transito per raggiungere il lago Maggiore attraverso suggestive valli.

L.-dOrta-CAVALLINI-GUIDOVeduta del lago d’Orta

 

Il territorio è molto ampio, ricco di boschi di faggi, di betulle, di castagni e meta di cercatori di funghi.

 

Castagne_ofunghi

       

Le castagne                               I funghi

   

Questa zona fu abitata già nell'età del ferro, sono stati ritrovati parecchi reperti che fanno pensare all'insediamento di popoli Liguri, Romani, Etruschi ed in seguito Galli. Da Armeno già in epoca Romana passava la via Settimia che portava alla vicina Omegna e al passo del Sempione. L'importanza del paese è testimoniata dalla bellissima e imponente chiesa Romanica di Santa Maria Assunta all’inizio del paese.

 

260px-Armeno_parrocchialeChiesa parrocchiale

 

Costruita sui resti di un tempio pagano nel XII secolo secondo i più classici canoni dell'arte romanica, con una bella austera facciata e un bel portale con capitelli decorati. All'interno è ricca di affreschi recentemente restaurati, tipici della notevole tradizione medievale. Interessante una Trinità tricefala, raffigurazione molto rara. Notevole il campanile d’epoca anteriore alla chiesa e la piazza della Croce, dove si trova una Croce di pietra di origine medioevale. Era uso porre queste Croci ai bordi delle strade di confluenza nei villaggi a protezione dalle forze del male, rappresentate per lo più dalle orde dei barbari che razziavano e devastavano ciò che trovavano davanti. Nell'incavo in alto al centro vi è una piccola croce, ogni anno veniva riempita durante la processione delle Croci, con una piccola croce fatta con la cera fusa del cero pasquale dell'anno prima. Alla base della croce di pietra è stato inciso un antico canto gallico del poeta Venanzio in cui si esalta che fra tutti gli alberi l'unico albero più nobile fu solo quello usato per la Croce.

 

foto_territorioPanoramica vista dal lago

 

Mi piace molto aggirarmi per le strette e tortuose strade del paese, dove le macchine passano a fatica, e che con ampi giri riportano poi alla piazzetta principale. Alti muri nascondono delle bellissime dimore costruite da ricchi Novaresi nel ‘700/’800 e ora quasi abbandonate. Fra le più notevoli è Casa Valle, una bella costruzione barocca della metà del ‘700, con un'elegante facciata, un bel portale decorato e un interno a logge e porticati. I Signori che venivano ad Armeno non portavano servitù, ma si servivano dei ragazzi del posto, venne cosi a formarsi poco per volta del personale di servizio che pian, piano emigrò portando fama. Tutto questo è documentato nell'interessante

MUSEO DEGLI ALBERGHIERI

che raccoglie le memorie di tanti lavoratori d’albergo che lasciarono il paese per recarsi ovunque, diventando ottimi chef e camerieri.

 

armeno-patria-degli-alberghieri-20Museo degli alberghieri

 

Nel museo è possibile ammirare oggetti antichi di lavoro, fotografie, menù di case reali, e libri rari che documentano un'attività di secoli. Una curiosità è una teca che conserva un vascello fatto di zucchero. Ad Armeno nacque Marco Boroli, padre fondatore della casa editrice De Agostini. In suo ricordo la famiglia ha arricchito la biblioteca con opere di grande valore.

Da Armeno un bella scarpinata vi porta al Mottarone (1500 mt) che separa il lago d'Orta dal lago Maggiore. Dal punto più alto si ha una vista stupenda della pianura padana e di tutti i suoi laghetti che danno l'impressione di tanti pezzi di specchi gettati dalla mano di un gigante alla rinfusa. Nelle giornate limpide, in lontananza si può ammirare la bellezza del monte Rosa.

isola_San_Giulio_Lago_Orta_SCENARI-SRL-ANDREA-LAZZARINI-EDITORE-STRESA-VBLago d’Orta –Isola di San Giulio

 

E' uno spettacolo veramente unico, d'un fascino particolare che lascia sempre pieni d’incanto chi ha l’avventura di guardarlo.

 

Sandra_11283  Barra separ. nat.

Richard Clayderman - Beautiful Melodies (m. 18.14)

--- Nostalgia

------ A. Vullo: scelte

--------- Love Story

------------ Coeur Fragile

--------------- F. Shubert "Serenade"

 

FILM: Abbandonata Dal Destino

  renderimg.aspFRT     Abbandonata__02077   dvd-homelesstoharvard-it-front

è un film televisivo del 2003, diretto da Peter Levin, con protagonista Thora Birch che racconta la storia della speaker statunitense Elizabeth "Liz" Murray.

   

Titolo originale Homeless to Harvard: The Liz Murray Story Paese: Stati Uniti d'America Anno: 2003

Genere drammatico Durata 104 min

Regia: Peter Levin Musiche: Louis Febre

  quelli-per-cui-e-sempre-venerdi-13-L-k4n7kU    

Interpreti e personaggi:

Thora Birch: Liz Murray Michael Riley: Peter Robert Bockstael: David Makyla Smith: Chris Kelly Lynch: Jean Murray Jennifer Pisana: Liz Murray giovane Aron Tager: Pops Ellen Page: Giovane Lisa Marla McLean: Lisa Marguerite McNeil: Eva Ambra Godfrey: Alba Seamus Morrison: Bobby Rejean Cournoyer: poliziotto irlandese Mauralea Austin: Miss Wanda Cecil Wright: Mr. Maki   hqdefault    

TRAMA:

Liz Murray e la sorella maggiore Lisa sono figlie di due tossicodipendenti, per cui fin da bambine sono costrette a badare a sé stesse, patendo la fame a causa dei genitori che spendono il proprio sussidio e vendono cibo e vestiti per comprarsi cocaina; Lisa è presentata come più forte nel tentativo di opporsi alla madre che si droga, Liz condiscendente perché "quando sei bambino i genitori sono i tuoi dèi" da accontentare in tutto, ella spiega, mentre crescendo si rende conto dell'inaffidabilità di essi.

    https://www.youtube.com/watch?v=bi3JCd9QTXY renderimg.aspHJ

LA DOMENICA DEL BOSCO

Le_nostre_ru_31348

PER TUTTI I FREQUENTATORI DEL BOSCO

B.D. WW

  Giuseppe_42317  

barra div. natal.  lucette

      

C o m p e n d i o  d'ARTE__19217

   

Un post di Enrica Bosello

   

IL DUOMO DI COMO

 

Per chi ci vive come me, e passa davanti a quest'opera imponente, frettolosamente, dando per scontato, senza approfondire. Poi un amico venuto in visita, fa apprezzamenti lusinghieri del nostro Duomo.

DuomoComo(3)Duomo di Como

Allora liberi la mente e vedi con altri occhi...

Se lo si guarda, da una semplice fotografia presa dall'alto, o dai monti che circondano la città, mi rendo conto che il nostro Duomo e un'isola di cupole in mezzo a tanti tetti rossi.

 

Como_(Italy)-cathedralCattedrale

 

Sembra appoggiato al monte di Brunate, per farsi proteggere, e si distingue con elegante sobrietà.

Definito dai più illustri esperti di arte "la perla del lago" il Duomo di Como, racconta e rappresenta i momenti di indubbio valore economico e culturale, così come i periodi di crisi che si sono susseguiti nella città.

Per costruire la cattedrale di Como venne abbattuta la chiesa romanica di Santa Maria Maggiore, collocata al limite del centro storico, vicinissima al lago. I lavori iniziarono nel 1396, seguendo linee rinascimentali, venne terminata nel 1700 seguendo lo stile barocco.

Lunetta4 Adorazione dei pastoriL'adorazione dei pastori

 

La grande facciata fu allineata all'antico broletto nel 1455, alta e slanciata, caratterizzata dall’ampio portale marmoreo, dalle nicchie e dalle statue che la sovrastano, spesso definita come un intarsio d'avorio, ha tre portali, arricchiti da lunette superiori che rappresentano alcuni episodi della vita di Cristo:

l'Adorazione dei pastori, l'Adorazione dei magi, e la Presentazione al tempio.

 

Lunetta3 Adorazione dei MagiL'adorazione dei Magi

 

Nel portale principale ci sono delle nicchie e alla sommità della facciata si trovano delle edicole.

Lo stile è quello rinascimentale lombardo, costruito in forme gotiche che si può ritrovare anche nel Duomo di Milano, o alla Certosa di Pavia, uno stile descrittivo quasi un linguaggio, che si usava in Lombardia nel '400.

Il posto d'onore della facciata, è caratterizzata dall’ampio portale marmoreo, dalle nicchie e dalle statue che la sovrastano è però riservato a cinque statue, dedicate alla vergine Maria, alla quale è dedicata la Cattedrale, che ai suoi fianchi ha, la statua di San Giovanni Battista da un lato, dall'altro quella di Sant' Abbondio patrono della città, e dai Santi Proto e Giacinto.

 

Lunetta5 Fuga in Egitto

La fuga in Egitto

 

Due edicole, poste in basso, ai lati del portale principale, destarono scandalo all'epoca della controriforma, tanto da chiederne nel 1579, la rimozione da un visitatore apostolico.

Il posto d'onore di un tempio sacro, veniva occupato da due pagani.

Sono le edicole dedicate a Plinio il vecchio, e Plinio il giovane, in stile rinascimentale, che hanno sui loro basamenti, dei bassorilievi dove vengono rappresentati specifici episodi della vita dei due illustri comacini.

Il riconoscimento della devozione religiosa, unita allo studio dell'antichità ha avuto la meglio, sulla richiesta di rimozione delle due statue, che ancora oggi noi possiamo ammirare.

 

Plinio il vecchio Plinio il Vecchio

 

Il maestoso rosone spicca sulle pareti bianche, sull'armonica piazza, il Palazzo del broletto, sembra sonnecchiare, mentre alle spalle si trova l'Antico teatro Sociale, che scandisce con opere e balletti il passare dei giorni.

Entrare all'interno con occhi diversi dalla quotidianità, ammirare le navate gotiche, le absidi rinascimentali e la cupola barocca, vedere che si alternano tesori d'arte con luci ed ombre.

 

Plinio il giovanePlinio il Giovane

 

Lo Sposalizio della vergine, di Gaudenzio Ferrari, la Pala Raimondi di Bernardino Luini, ma più importante è l'Altare con la deposizione di Tommaso Rodari, uno scultore attivo, anche nella Certosa di Pavia e originario di Maroggia, ora attuale Canton Ticino.

L'altare dedicato a S: Abbondio, in http://www.bing.com/videos/search?q=ave+maria+schubert&FORM=VIRE7legno scolpito, racconta i fatti principali della vita del Santo.

Arazzi cinquecenteschi mi accompagnano lungo la navata centrale e adornano l'interno del Duomo.

Ho visto il simbolo religioso, ma non solo della mia città e ho voluto raccontarlo

  Enrica_Bosel_29956   barra div. natal.  lucette Per una serena Domenica, una musica di relax.

Richard Clayderman ~ Fur Elise

 

Collasso e shock

renderimg.asp  

Le cause di un collasso cardio – circolatorio sono tante: si puo’ trattare di un sintomo da collegarsi a una malattia cardiaca, una emorragia, una improvvisa stimolazione del sistema nervoso o anche semplicemente un trauma o uno spavento improvvisi. Non sempre quindi significa che dietro a un collasso vi sia una patologia grave.

caldoattenzionesbalzicollassicalore-1227-3 In caso di shock l’organismo tende a subire delle variazioni di pressione, e quindi, dopo l’abbassamento della pressione arteriosa la tendenza e’ di reagire con lo svenimento o con i sintomi di svenimento. Gli abbassamenti improvvisi di pressione possono portare anche all’arresto cardiaco, ma se il trauma “rientra” nella normalita’ questo non succede.

attacco-di-cuore

La pressione del sangue, per le verifiche che fa il soccorritore, va misurata con lo sfingomanometro, ma nel caso in cui non si disponga di questo strumento e’ sufficiente verificare l’esistenza del battito cardiaco del malcapitato svenuto, palpando l’arteria del collo o del polso (arteria radiale – caro

tide).

 

img_come_agire_di_fronte_a_uno_svenimento_13552_300

Dopo i primi momenti di shock e’ normale che il malcapitato svenga, con un colorito bianco pallido e un aspetto sudaticcio perdera’ via via i sensi fino a arrivare a un battito cardiaco molto forte, sui 150 battiti al minuto, piu’ del doppio dei normali.

A questo punto avviene lo svenimento, e intervenire richiede calma e tecnica: il corpo va adagiato in modo che lo svenuto abbia il capo in basso, perche’ il sangue fluisca al cervello con facilita’, con le gambe in aria a 45 gradi e in posizione anti soffocamento il malato potra’ recuperare.

slide_40

Cravatte, cerniere strette, cinture, lacci, vanno slacciati, per non creare ulteriori difficolta’ alla circolazione sanguigna.

Il corpo, che per lo svenimento diventa freddo, va tenuto al caldo, coperto e in caso di ritardo nel soccorso medico, se il battito cardiaco si perde, vanno tentate le strade del massaggio cardiaco e della respirazione artificiale.

 

COSA FARE :

UNA PERSONA SVIENE QUANDO GLI GIRA LA TESTA CADE A TERRA IL VISO DIVENTA BIANCO NON RISPONDE QUANDO SI CHIAMA IL SUO NOME

1:  COPRIRE LA PERSONA CON UN GIUBOTTO O UNA COPERTA O QUALCOSA DI CALDO

1

2: ALZARE LE GAMBE E ASPETTARE  CINQUE MINUTI

2

3: CHIAMARE LA PERSONE 4: CHIEDERE COME STA 5: VEDERE SE IL VISO È DIVENTATO UN PO’ ROSSO

3

6: SE LA PERSONA STA BENE AIUTARLA A SEDERSI 7: LA PERSONA DEVE STARE SEDUTA PER CINQUE  MINUTI

5   renderimg.aspgg   renderimg.aspf    

 Giuseppe

propone l'ascolto di una musica rilassante per evitare lo stress

 

Caruso - Giovanni Marradi

 

 

BUON FERRAGOSTO PER TUTTI

         

Con gli AUGURI di Buon Ferragosto per tutti da parte della Redazione, proponiamo la lettura di questa simpatica filastrocca che è un revival di un lavoro di Giuseppe3.ca che ben si adatta a questa giornata festiva di mezza estate.

 

A seguire la visione di un film scelto da Sabrina per noi.

È tempo di ferie, AUGURI A TUTTI, per chi c’è e chi non c’è.

 

Barra div. fissa - Margheritine blu-chiaro 

 

FERRAGOSTO

 

 

È ARRIVATO FERRAGOSTO

SIA IN CASA CHE IN CAMPAGNA

SIA AL MARE CHE IN MONTAGNA

CON UN FRITTO O CON L’ARROSTO

Olio-dOliva-extra-vergine Olio extra vergine d'oliva

 

PINZIMONIO DI CONTORNO

EXTRA VERGINE D’OLIVA

SALE E PEPE CHE RAVVIVA

TUTTO CIÒ CHE TROVA INTORNO

pecorino-sardoPecorino sardo

 

SIA NEL PIATTO CHE IN TEGAME

GAMBERONI E SALAMINI

PECORINO E SALATINI

DI SAPORI UN BEL LEGAME

 

Arista-di-maiale-arrostoArista di maiale arosto

 

HO ASPETTATO, A BELLA POSTA

PROPRIO IL GIORNO DELLA FESTA

PER VUOTAR TUTTA LE CESTA

E GUSTARMI L’ARAGOSTA

 

Aragosta-alla-catalanaAragosta alla catalana

 

NON SO ANCORA COME FARLA

C’É LA PENTOLA CHE BOLLE

CATALANA CON CIPOLLE

DEVO ANDARE A CUCINARLA

Pane-CarasauPane carasau

 

CON SAPORI DI SARDEGNA

PANE PRESCO O CARASAU

FORSE È MEGLIO GUTTIAU

CUCINATO TUTTO A LEGNA

 

GamberoniGamberoni

 

MA CHE GRANDE DELUSIONE

L’ARAGOSTA È SOLO UN SOGNO

È UN PRANZO DEL BISOGNO

GIUSTO PER CONSOLAZIONE

 

SON ZUCCHINE E MELANZANE

SON PATATE E PEPERONI

ANCHE QUELLI SONO BUONI

OLIO, SALE E UN PÒ DI PANE

 

Vermentino-di-Gallura

L’IMPORTANTE È LA SALUTE

E UN BUON BICCHIER DI VINO

C’É CON ME L’AMICO PINO

CHE SA REGGER LE BEVUTE

 

Cannonau-Melis

CANNONAU O VERMENTINO

VERNACCIA O MALVASIA

TORBATO, MONICA O QUEL CHE SIA

L’IMPORTANTE CHE SIA VINO

 

VINO D’UVA NATURALE

INVECCHIATO OPPUR NOVELLO

NOI BEVIAMO SEMPRE QUELLO

SENZA ACQUA MINERALE

QUELLA PROPRIO NON LA BEVO

IO DELL’ACQUA SONO ASTEMIO

SE VOLETE DARMI UN PREMIO

UN FIASCO DOC, VOLENTIERI LO RICEVO

HO VUOTATO LA MIA BROCCA

QUEL CHE AVEVO IO VI HO DATO

SO CHE ALMENO CI HO PROVATO

CON QUESTA FILASTROCCA.

Frittura-di-pesceFritto misto

 

DIMENTICAVO LA PASTASCIUTTA

CON UN GUSTO SOPRAFFINO

AGLIO, OLIO E PEPERONCINO

ME LA SON MANGIATA TUTTA

11057383_796785947109815_3669547091144907810_nUn'insalatina mista

 

A VOI COS’É RIMASTO

QUASI NIENTE E SI RIINIZIA

PER TENERE L’AMICIZIA

PREPARIAMO UN ALTRO PASTO

 

torta_mimosa

Per finire in bellezza la torna mimosa

 

ORA VOGLIO ANDARE IN FERIE

SONO STANCO ANCHE DI DENTRO

MI RIPOSO E MI RITEMPRO

POI INIZIO UN’ALTRA SERIE.

 

Giuseppe_44912

Gianni Morandi - Notte di Ferragosto

 

FILM: SOUL SURFER

  renderimg.aspvbh     SoulSurferHeader  

è un film drammatico del 2011 di Sean McNamara con AnnaSophia Robb, Helen Hunt, Dennis Quaid e Carrie Underwood, basato sulla storia vera della surfista Bethany Hamilton, che all'età di 13 anni perse il braccio sinistro a causa di un attacco di uno squalo.  Il film racconta la storia di Bethany, anche prima dell'attacco, durante l'attacco, e le conseguenze.

 

Paese di produzione: Stati Uniti Anno: 2011 Durata: 106 min Genere: biografico, drammatico, sportivo Regia: Sean McNamara

  soulsurfer  

Interpreti e personaggi:

 

AnnaSophia Robb: Bethany Hamilton Helen Hunt: Cheri Hamilton Dennis Quaid: Tom Hamilton Lorraine Nicholson: Alana Blanchard Kevin Sorbo: Holt Blanchard Carrie Underwood: Sarah Hill Ross Thomas: Noah Hamilton Chris Brochu: Timmy Hamilton Sonya Balmores: Malina Birch Jeremy Sumpter: Byron Blanchard Craig T. Nelson: Dr: David Rovinsky Branscombe Richmond: Ben Aipa Cody Gomes: Keoki Tiffany Hofstetter: Rosemary Patrick Richwood: Todd

  soulsurfer-01

TRAMA:

 

Nel 2003, l'adolescente Bethany Hamilton vive a Kauai, Hawaii con suo padre Tom, sua madre Cheri e i suoi due fratelli Noah e Timmy. Nella sua famiglia tutti sono surfisti, lei compresa, così come la sua migliore amica Alana Blanchard. Entrambe dimostrano notevoli qualità sportive: in un contest (gara di surf) Bethany si piazza prima e Alana terza; seconda si piazza Malina Birch, la quale dimostra risentimento nei confronti della vincitrice: allorché Bethany invita entrambe le ragazze sul podio del vincitore con lei, Malina rifiuta sgarbatamente e se ne va. Sull'onda dei risultati, la Rip Curl offre una sponsorizzazione sia a Bethany che ad Alana. La notte prima di Halloween, Bethany e Alana vanno di nascosto con alcuni amici a fare surf. Nella mattinata seguente, mentre Tom è in ospedale per effettuare un intervento chirurgico al ginocchio, entrambe le ragazze vanno nuovamente a fare surf con Holt, il padre di Alana, e il fratello Byron. Mentre Bethany parla con Alana distesa sulla tavola da surf in mare aperto, uno squalo tigre spunta improvvisamente e ......

 

1311080680_3

              3    

 

La ragazza più alta è la protagonista della vicenda Bethany Hamilton mentre l'altra è la protagonista del film AnnaSophia Robb

 
Bethany Hamilton  appena successo l'incidente
Bethany Hamilton appena successo l'incidente
about
Bethany Hamilton
Bethany Hamilton  come è ora
Bethany Hamilton come è ora
soul-surfer
A sinistra AnnaSophia a destra Robb Bethany Hamilton
Bethany4
A sinistra AnnaSophia a destra Robb Bethany Hamilton