Archive for maggio 23rd, 2015

LA DOMENICA DEL BOSCO

  Barra divis. fissa - celtic bar nodini verdi intredc.  

B.D. Q

 

Barra divis. fissa - celtic bar nodini verdi intredc.

 

Due brevi inserti, uno mio e l’altro di Nembo, per ricordare nel nostro amato Bosco il centenario di un grande evento storico.

Giuseppe_54769 

100 prim a guerra 

LA_GRANDE_GU_46092    

Cadeva di Domenica anche il 24 maggio 1915, cento anni fa, quando l’Italia inviò la dichiarazione di guerra all’Austria/Ungheria.

   

soldati-in-trincea-620x405Accampamenti provvisori in attesa dell'ordine di attacco

 

Una guerra di trincea, accampamenti provvisori in continui spostamenti, filo spinato, buche per terra, fossi, fango, neve, canaloni scavati con vanga e picconi e la forza delle braccia umane, guerra di bombe a mano, mitragliatrici, pezzi d’artiglieria, fucilate di cecchini, assalti alla baionetta per la conquista di lembi di territorio in zone impervie, attraversate da fiumi che segnavano confini.

 

combattimento_tra_francesi_e_tedeschi_nella_fororesta_delle_argonne_illustriete_gefchichte_des_weltkrieges_1914-1915Nel vivo di una battaglia di trincea

Le battaglie ebbero inizialmente fasi alterne in una guerra che gradualmente assunse dimensioni mondiali coinvolgendo tutte le forze belliche di terra, del mare e dell’aria.

 

 ponte-di-barche-sul-fiume-isonzoPonte di barche sull'Isonzo

Per la prima volta artigianali velivoli a elica vengono attrezzati per la ricognizione, per i combattimenti in volo e lancio di bombe dall'alto.

a1918gAereiAustriaci  

   

Combattimenti tra aerei nemici: l'abbattimento di un velivolo comportava anche la morte del pilota

Sommergibili e unità navali di superficie sono impegnate nei combattimenti in mare.

 

3117C_HMS_Barham_1914_corazzata_da_battaglia_vista_aereaUnità navali da guerra

 

Mobilitazione generale, eravamo in guerra contro l’Austria. In tutte le Regioni italiane si procedeva all’arruolamento di studenti, lavoratori della terra e dell’industria, cittadini di qualsiasi ceto sociale, venivano inquadrati e, dopo un breve addestramento, inviati nei fronti di combattimento per difendere la Patria.

Tanti uomini staccati dai loro affetti familiari e inviati a combattere per una guerra che non capivano e in tanti non sarebbero più tornati.

 

il giornaleL'annuncio sulla stampa dell'epoca

   

Ma la guerra non si combatteva solo al fronte. La popolazione viene sottoposta al razionamento dei generi alimentari, la produzione industriale viene convertita per fini bellici, i raccolti agricoli sono destinati alle forze armate.

La popolazione conosce il duro volto della guerra, l’ansia per i familiari al fronte, i lutti e le privazioni ma riesce a dare prova di grande senso civico collaborando allo sforzo bellico e dando dimostrazione di grande generosità, impegnandosi nel sostegno delle vedove e degli orfani dei caduti in guerra nonché di reduci e mutilati.

 

CAMPO DA GUERRAAmbulatorio da campo per i primi soccorsi ai feriti

   

I Comitati di Beneficenza sorti spontaneamente vengono successivamente istituzionalizzati riconoscendone la grande utilità davanti all’aumentare delle necessità della popolazione.

   

grandeguerra_archivio_it_1133_file_img_popupSfollamento dei civili dalle zone di guerra

Nei posti di lavoro si avvia l’assunzione degli “avventizi” in sostituzione degli uomini validi richiamati alle armi.

Grande importanza ha avuto in tale occasione il massiccio intervento delle donne nelle attività del mondo del lavoro.

Le perdite militari nella Prima Guerra Mondiale registrano per l’Italia oltre 651 mila morti, 947 mila feriti e 600 mila prigionieri o dispersi. Cifre spaventose.

 

ombre_di_guerra_largeIl dolore di fronte alla morte

Tanti atti eroici e tanti eroi molti dei quali rimasti ignoti al punto che non si riuscirebbe a menzionarli tutti: ne vogliamo ricordare due:

Cesare_BattistiCesare Battisti, trentino, che alla vigilia della guerra andò in giro per l’Italia e arrivò anche in Sardegna, accolto trionfalmente e caldamente applaudito per i suoi trascinanti discorsi interventisti mirati alla liberazione dei territori italiani ancora sotto dominio austriaco. Solo un anno dopo, catturato dagli austriaci, fu processato e giustiziato per “tradimento”, Per noi resta un eroe italiano.

 

Foto_Raimondo_ScintuRaimondo Scintu, valoroso appartenente alla “Brigata Sassari”, semplice caporale è ricordato per aver catturato, con pochi eroici compagni, in una avventurosa azione sulla Bainsizza, ben 55 austriaci tra militari e ufficiali, restando ferito egli stesso al fianco sinistro da un colpo di pistola di un Ufficiale ma portando a termine l’azione. Gli venne attribuita sul campo la promozione ad Aiutante di Battaglia ed assegnata, in seguito, la Medaglia d’Oro al valor militare.

 

Giuseppe_54769

 

Barra div. - GIF - stelline minuscole color. 

 

E_il_Piave_m_58343

 

esercito 1

   

24 Maggio 1915, quando il Piave mormorò… questo fiume è sacro alla Patria, sul Piave si saldò finalmente l’unità Nazionale e per un’intera generazione se ne parlò ricordando i giovanissimi ragazzi del ’99, soldati di leva.

 

Oggi 24 Maggio 2015 si celebra il centenario dell’entrata in guerra dell’Italia nella prima guerra mondiale 24 Maggio 1915. Conflitto conosciuto anche con il nome guerra italo-austriaca.

caduti in trinceaCaduti in trincea

Uno dei momenti che ha maggiormente segnato la vita del paese e dei suoi cittadini, è stata una carneficina che sconvolse il mondo cambiando il destino, una guerra che ha coinvolto tutti i Continenti con conseguenze disastrose il tutto fino all’11 Novembre 1918. Il tutto iniziò con una scintilla il 28 Giugno 1914 a Sarajevo per un attentato di matrice estremista nei confronti all’erede al trono d’Austria.

italia entra in guerraMarce forzate su instabili passerelle

Così, il 28 Luglio 1914 iniziò la prima guerra mondiale. L’Italia con le sue truppe comandate dal generale Luigi Cadorna si impegnava ad entrare nel conflitto un mese dopo il “Patto di Londra” il 24 Maggio 1915. Questa grande guerra segnò la fine di un lungo periodo di pace detto anche “Belle Epoque”. La stima del numero totale delle vittime di questo conflitto è molto, molto alto si parla di milioni di persone tra militari e civili, le cifre sono sempre oggetto di brutture di questi eventi politici che hanno portato sangue, morte e distruzione. L’umanità deve mettere fine a tutte le guerre, o le guerre metteranno fine all’umanità.

carabinieri in azioneIl valido apporto dell'Arma dei Carabinieri nelle azioni di coordinamento e di guerra

 

La commemorazione di questo giorno deve continuare ad interrogare la coscienza di ognuno di noi, e il pensiero va a tutti gli uomini, donne, soldati, gente comune, che vissero al tempo del conflitto, che li ha travolti, che ha modificato radicalmente le loro vite con sacrifici sofferenze. L’esempio dei nostri caduti, morti per ideali e senso del dovere, ci hanno dato un futuro e noi tutti, dobbiamo riaffermare con forza sempre questi valori ereditati con dei principi inviolabili dalla nostra bandiera, al nostro inno, alla nostra democrazia e costituzione. Onore, dunque, ai caduti, ai nostri caduti. R.I.P.

W L’Italia.

 

Nembo_63916

 

Barra div. - GIF - stelline minuscole color.

 

judoUn invito alla pace per tutti i popoli

   

Il piave mormorava

https://www.youtube.com/watch?v=STRD20k5rYM

  Fuoco e mitragliatrici