Archive for luglio 26th, 2014

LA DOMENICA DEL BOSCO

 

Barra div. - Piccoli rombi multic. anim.

Le_nostre_ru_05710

    Felice Domenica   Giuseppe_05735   Barra div. - Piccoli rombi multic. anim.     Weekend_a_Vi_05997  

 

Dopo aver descritto il Castello di Schönbrunn non potevo esimermi dal raccontarvi il mio secondo giorno di vacanza nella capitale austriaca.

Sono al centro di Vienna con mia figlia, il nipotino Luca ed il genero Ivan. Andiamo a visitare per prima la Cattedrale di Santo Stefano. Leggo che la prima costruzione della chiesetta originale risale al 1220 circa. Molti anni dopo era stata modificata e fu dichiarata Santuario nazionale dal Duca Rodolfo IV d’Asburgo.

 

Vienna Cattedrale S. Stefano

La Cattedrale di Santo Stefano

 

Lo stile in tardo gotico con la sua guglia del campanile alta quasi 137 metri è una delle più alte del mondo. Impiegarono 74 anni per portarla a termine. In alto vi posarono una falce di luna con una stella a sei punte, ma essendo troppo simile all’emblema turco decisero, nel 1686, dopo la vittoria degli Ottomani di mettere al suo posto una croce a doppia traversa sorretta da un’aquila bicipite.

stemma dell'impero asburgico

Stemma dell'Impero Asburgico

 

Molti anni più tardi veniva disegnata sul tetto l’aquila bicipite degli Asburgo: la data del restauro è del 1831. L’interno ha una navata imponente sostenuta da alte colonne fastosamente lavorate. Sopra l’ingresso principale è stato installato un organo nuovo in sostituzione di quello che era stato distrutto a seguito dei disastrosi eventi bellici. Domina la navata centrale il pulpito gotico realizzato nel 1510, è decorato con quattro statue di padri della chiesa e da sculture di animali diabolici scacciati da un cane.

 

Maria Teresa d'Austria

Maria Teresa d'Austria

 

L’altare maggiore barocco in marmo risale al 1641. Al centro un grande dipinto che rappresenta il martirio di Santo Stefano, patrono della Città. Su un lato dell’altare c’è la tomba dell’imperatore Federico III. Dall’altro lato dell’altare, un altare minore decorato con 72 dipinti di Santi e da pannelli scultorei raffiguranti scene della Vergine Maria e del Gesù. Molte le statue del Cristo e della Madonna; sembra che le statue siano associate a leggende popolari.

 

Francesco Carlo d'Asburgo-LorenaFrancesco Carlo d'Asburgo-Lorena

(Padre di Francesco Giuseppe)

 

Usciamo all’aperto perché all’interno c’è molta ressa ed è impossibile cercare di ampliare la visita. Andiamo a vedere la colonna della Peste, fatta erigere da Leopoldo I, come promessa per la fine della peste che in quel periodo si propagava rapidamente.

 

Colonna della peste - ViennaLa Colonna della peste

 

É una colonna in stile vecchio barocco, di una bellezza incredibile. Sopra il piedistallo, riccamente lavorato, la figura di una vecchia che precipita nel vuoto. Nella parte sinistra la figura femminile che regge una croce elevata al cielo, simbolo del trionfo del cattolicesimo sull’Islam che cercava di dilagare.

 

250px-L'impératriceMarie-Louise d'Asburgo Lorena - Imper. di FranciaMarie Louise d'Asburgo-Lorena - Imperatrice di Francia

 

Alzando gli occhi si nota Leopoldo I in ginocchio con il viso alzato a guardare i nove cori degli angeli e la Trinità dorata che incorona il monumento. Con la sua altezza di 18 metri è il monumento più alto di Vienna e rappresenta il potere degli Asburgo fondato sulla fede.

 

Sofia - Arciduchessa d'ustria - suocera di SissiSofia - Arciduchessa d'Austria - (Suocera dell'Imperatrice Sissi)

 

Avevo sentito parlare della camera del Tesoro, ma mai avrei pensato a tanto oro, pietre preziose, corone non solo piene di gemme, ma dalle lavorazioni fiabesche, come la corona dell’imperatore Rodolfo II, insigne ufficiale dell’Impero Austriaco 1804. La corona del Sacro Romano Impero Germanico ancora più bella se possibile. La tunica dell’araldo dell’imperatore austriaco è uno dei pezzi molto belli della collezione, è ornata da un’aquila bicipite risalente probabilmente all’inizio del XIX secolo.

 

Francesco Giuseppe D'Austria  - marito di SissiFrancesco Giuseppe d'Austria - (marito di Sissi)

L’aquila è sormontata dalla corona imperiale austriaca. Sul petto l’aquila porta lo stemma della casa degli Asburgo. Per spiegare la bellezza delle parure delle imperatrici, bisognerebbe averle fotografate, ma le foto non erano ammesse. Basta dire: chiudete gli occhi e sognate. Si decide di andare a vedere il municipio, almeno dall’esterno.

 

Municipio di Vienna  aIl Municipio di Vienna

 

L’edificio in stile gotico è maestoso, la struttura verticale è continuamente interrotta da elementi orizzontali del Rinascimento. Il municipio ospita uno dei più vasti cortili interni d’Europa, 331 gradini portano in cima alla torre principale. Francesco Giuseppe I aveva posto una condizione all’architetto: cioè, che la torre non superasse i 99 metri di altezza come le torri gemelle della chiesa Votiva lì vicina.

    063 Fontana  

L’architetto Friedrich von Schmidt riuscì a mantenere l’impegno con l’altezza della torre che misura solo 97,9 metri ma superò l’ostacolo con la statua che la sormonta, un cavaliere di rame, che regge lo stendardo della città ed è alto 5,4 metri, realizzando così un’altezza complessiva di ben 103,3 metri. L’uomo a cavallo è uno dei simboli della città. Il Rathausmann o “uomo a cavallo” pesa 650 kg. e mantiene la sua staticità baricentrica, grazie ad un contrappeso sferico di 800 Kg. Passiamo alle statue dei più grandi musicisti e compositori che Vienna abbia avuto,

 

Monumento a MozartStatua di Mozart

Wolfgang Amadeus Mozart (1756/1791), se posso, vorrei ricordare una nota biografica del Mozart bambino: a soli quattro anni ebbe l’onore di essere invitato a corte con i genitori per ascoltare un concerto. In una delle sale c’è un dipinto dove lui è leggermente cerchiato, per poterlo riconoscere. L’anno dopo presentò lui stesso un concerto per i reali e alcuni libri dicono che finito il concerto andò a rifugiarsi tra le braccia di Sissi per riceverne un bacio.

 

Ludwig van BeethhovenLudwig van Beethoven

 

Continuiamo con i musicisti Ludwig van Beethoven (1770/1827) - in realtà è nato in Germania, ma è vissuto a lungo in Austria ed è morto a Vienna.  Ricordare qui i suoi concerti sarebbe inutile, almeno per sentito nominare,  tutti li conoscono. Subito dopo ecco Strauss padre (1804/1849), autore dei notissimi valzer viennesi ma, ancora più nota, la Marcia di Radetzky che fu eseguita per la prima volta nel 1848 e penso sia una delle marce più conosciute e ancora eseguita e ascoltata nell’ambiente musicale mondiale.

 

Johann Strauss (padre)Johann Strauss (padre)

 

Johann Strauss figlio (1825/1899) noto come il compositore del famosissimo valzer ”Sul bel Danubio blu”. Franz Schubert (1797/1828) grande compositore con “L’Ave Maria” che penso sia uno dei suoi pezzi più conosciuti oltre che famoso. Io mi fermo qui. Compositori l’Austria ne ha tanti altri, ma i monumenti sono distanti, ci accontentiamo di quando abbiamo visto.

 

230px-Franz_Schubert_by_Wilhelm_August_Rieder_1875Franz Schubert

 

Percorriamo una via che incanta me e mia figlia, la classica strada dei negozi con i prodotti firmati! Ci sono tutte le firme: degli abiti, profumi, scarpe, borsette, lingerie, di tutto e di più. Nel pomeriggio Ivan decide per una visita ad un castello fuori Vienna, è un ottima idea. Partiamo e dai cartelli segnaletici dell’autostrada capisco che andiamo verso l’Ungheria, si vedono distese di campi di frumento, granturco e moltissimi girasoli.

 

schloss-hof-Castello vicino a ViennaSchloss Hof

 

Per un po’ ci fa compagnia il Danubio. É per me una novità; moltissime pale eoliche che non avevo mai visto, da noi, in Alto Adige, non ci sono. Dopo meno di 50 Km siamo arrivati allo Schloss Hof. Nel castello non s’è potuti entrare, ma abbiamo visitato il giardino molto grande e ricco di fiori, oserei dire che i fiori sono più belli ad Hof che nel castello di Schönbrunn. Tutti i fiori possibili sono coltivati con aiuole molto ben disegnate, uno spettacolo da mozzare il fiato e da non perdere. Da una terrazza si può vedere tutta l’estensione del giardino. Si notano tre fontane molto belle, una al centro del giardino, un’altra alla fine e l’ultima in fondo dove comincia un parco grandissimo.

 

3063341-prater--vecchio-gigante-ruota-panoramica-di-vienna-austriaLa ruota panoramica del Prater

 

Facciamo il giro del giardino, per vedere da presso i fiori. Subito dopo l’entrata dello Schloss Hof c’è un bar, ne approfittiamo per bere un caffè, ci avviamo poi a vedere il cortile che ci incuriosiva; abbiamo visto un camino alto come un palazzo di tre piani e in cima due cicogne che vi avevano sistemato il loro nido. Sembravano piccole data la distanza ma ogni tanto si alzavano in volo per un giro attorno al nido ed è uno spettacolo piacevole a vedersi. Dopo un po’decidiamo di ritornare a Vienna per accontentare Luca che si era informato che anche a Vienna come da noi c’è il Prater. É un luogo che certamente hanno tutte le città, è il parco dei divertimenti, giostre, autoscontro, montagne russe, la ruota panoramica, tiro a segno, il tunnel del terrore e altro ancora. La sera sta calando e piano, piano andiamo a cercare un ristorante, dove Ivan ci assicura si mangi bene. E’ finita la lunga giornata di sabato, stanchi ma felici di tutto quello che in un giorno abbiamo potuto vedere: una immersione totale nella cultura di Vienna.

Buona domenica amici del Bosco.

 

Gabriella_51215

    Barra div. - Piccoli rombi multic. anim.   Johann Strauss  -  Voci  di Primavera