Archive for gennaio 29th, 2014

L’angolo del dialogo – Politica

  Barra div. - fiorellini a campanula mult.Le_nostre_ru_05255     LAngolo_del__04452Politica_05016   Lorenzo A Barra div. - fiorellini a campanula mult.    

Abituiamoci_a discutere

   

Leggo su Italia Oggi  del 17 0ttobre 2013 un articolo di Alessandra Ricciardi che può fungere, al solito, da apripista.

 

Si intitola

 

Legge_di_sta_06316Sindacati_al_06520industriali__17633

   

Come si sa, la legge nel  frattempo è stata approvata, Trascrivo , pertanto, l'articolo come materia di dibattito

   

“Il day after non è affatto scontato. Dopo i messaggi ottimistici giunti dalla conferenza stampa di Enrico Letta per gli scansati tagli alla sanità, la legge di Stabilità, provvedimento a ieri ancora da ufficializzare, è stata subissata dalla critiche. Dai sindacati, che, anche se con qualche Distinguo,  si dicono pronti allo sciopero generale. Dagli industriali, che la ritengono «timida» sul fronte della riduzione del cuneo fiscale. Da una parte del Pdl, quei falchi alla Sandro Bondi che parlano di nuove tasse in arrivo, mentre le colombe, a partire dal vicepremier Angelino Alfano, difendono la manovra. E in qualche misura pure dal Pd che la ritiene «migliorabile». Per finire, anche dal senatore a vita Monti, che da premier lo scorso anno firmò la sua di legge di stabilità, e che oggi dice che la manovra del governo Letta non gli piace proprio, «come Scelta civica abbiamo molte perplessità, ma aspettiamo di leggere il testo definitivo». La sensazione è che la manovra vera sarà scritta in parlamento, fatto salvo il saldo finale che dovrà restare inalterato. E che in quella sede la maggioranza dovrà trovare il suo equilibrio. Intanto Bankitalia indica la ripresa da fine 2013. E lo spread tra titoli italiani e tedeschi è ai minimi: sotto quota 230.

  stab. legge di stab.  

Maggioranza agitata, nuovo scontro nel Pdl;   (nota della redaz.: com'è noto, nel frattempo, il Pdl si è diviso in Forza Italia e Nuovo Centro Destra e Forza Italia ha abbandonato il Governo Letta)

«Di questa stabilità l'Italia può morire”. Si tratta di un provvedimento che non aiuta l'economia a crescere e che prevede un aumento consistente delle tasse per ora abilmente camuffate», attacca il coordinatore del Pdl, Bondi. Mentre Daniele Capezzone parla di «impianto generale conservativo e deludente» e Raffaele Fitto critica la manovra perché «priva dello choc positivo che era ed è necessario al Paese». Alfano difende l'operato del governo: «La legge di stabilità non mette le mani nelle tasche degli italiani. Anzi per la prima volta dopo molti anni la pressione fiscale sui cittadini, famiglie e imprese diminuirà». E anche sulla nuova service tax, Alfano chiarisce: «Pesa meno dell'Imu». Il presidente dei deputati Pdl Renato Brunetta si congratula con il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, per aver evitato tagli alla sanità. Dice Fabrizio Cicchitto: il provvedimento è «equilibrato» e non giustifica «i toni da ultima spiaggia», usati da alcuni colleghi di partito, «che tradiscono solo l'ossessione di riproporre ad ogni occasione la caduta di questo Governo». Insomma, tra lealisti e governisti, falchi e colombe, lo scontro prosegue senza esclusioni di colpi.

 

stabilità vignetta 6

 

Ma pure dalle parti del centrosinistra i toni non sono tranquillizzanti. Il nodo principale riguarda il taglio del cuneo fiscale, su cui sono stati sollevati dubbi. Il segretario del Pd Guglielmo Epifani interviene per dare la linea ufficiale del partito: «Credo che sia una manovra che vada apprezzata e credo che possa essere migliorata nel passaggio parlamentare e anche nel corso dell'anno». Le risorse messe in campo, «pur prevedendo interventi sul cuneo fiscale e sulla riduzione delle tasse sul lavoro, non sono quelle che ci si aspettava, specie da parte di sindacati e imprese. Da questo punto di vista è necessario il lavoro parlamentare per destinare queste risorse nel modo socialmente ed economicamente più proficuo».

  stabilità - vign. 8  

Sindacati tentati dallo sciopero, imprese tiepide

Solo un mese fa i sindacati avevano sottoscritto un accordo unitario per delineare le priorità della manovra (dal fisco alla politica industriale) e per sostenere l'azione del governo. «Bisogna cambiare questa legge di stabilità. Decideremo tutte le cose utili per questo fine», ha detto ieri il segretario della Cgil Susanna Camusso. Lo sciopero? «Non lo escludo, ma è giusto prima parlarne con Cisl e Uil, abbiamo una piattaforma unitaria, nelle prossime ore vedremo come trasformare una mobilitazione in tutte le forme utili a sostenere la nostra piattaforma». Appello subito recepito dal leader della Uil, Luigi Angeletti: «Siamo pronti a proteste molto forti ed anche allo sciopero contro le misure della legge di stabilità che riguardano il pubblico impiego: dal blocco dei contratti a quello del turn over, dal taglio degli straordinari alle misure sulla liquidazione». Più cauto il giudizio del segretario della Cisl,

STABILITA vign. 4

 

Raffaele Bonanni a cui preme notare: «Dopo anni e anni è la prima volta che invece di caricarci di tasse c'è addirittura un segno positivo». Quel che è certo è che l'idea dello sciopero non piace agli industriali: «Con gli scioperi non risolveremo nessun problema», dice il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, che però concorda: «Il provvedimento nei numeri manca di coraggio, non incide realmente sul costo del lavoro. Noi avevamo indicato come priorità assoluta il cuneo fiscale». E pure l'ex premier Mario Monti punta il dito contro: «La legge di stabilità è timida per quanto riguarda la riduzione delle tasse, necessaria e possibile in questa fase non più caratterizzata dall'emergenza, e che potrebbe essere sensibilmente maggiore, a vantaggio delle famiglie, delle imprese e della competitività”.

 

Stabilità, vign. 5

   

Insomma, sulla legge di stabilità ci sono diverse inquietudini. Alla fine, comunque, è stata approvata nei termini richiesti dalla UE, quindi sembrerebbe ormai ozioso occuparsene. Ma a me interssa, come sempre, suscitare un dialogo sereno fra gli eldyani. Anche in questa materia così delicata,

  Lorenzo_38645     Barra div. - fiorellini a campanula mult.    

 Giovanni Marradi  - Peacefully