Archive for gennaio 12th, 2014

LA DOMENICA DEL BOSCO

 

  barra   div. multicolore

Le_nostre_ru_59723

  B.D. 2   GIUSEPPE   barra   div. multicolore    

   

IN RICORDO;;;;;

       

Ottorino

   

Dotato di intelligenza non comune, grande capacità di riflessione, acume e perspicacia, fece in gioventù una scelta apparentemente sbagliata secondo il giudizio di molti ma che, alla lunga, diede ragione a Ottorino che aveva scelto il modo di vivere la sua vita. Mentre fratelli e sorelle furono avviati agli studi e iniziarono la loro vita di pendolari per raggiungere la città, sede degli istituti scolastici, licei prima e università poi, Ottorino scelse di restare al paese, accogliendo l’invito di uno zio paterno che lo aveva preso a benvolere e gli chiese di affiancarlo nei lavori della coltura di uliveti e vigneti per la produzione dell’olio extra vergine e di vini doc, in particolare del rinomato ‘malvasia’ di Bosa. Lo avrebbe poi avviato al commercio di questi rinomati prodotti della terra.

Affascinato dall’idea, accettò la proposta dello zio ma la mente di Ottorino non restò inoperosa nei confronti della cultura: studiò da autodidatta dedicandosi alla lettura di tantissimi libri prima e successivamente divenne scrittore egli stesso raccontando le sue storie e le storie dei personaggi della sua terra, l’amata isola di Sardegna.

La sua indole lo portò ad esprimere i suoi pensieri in poesia, tantissime poesie. Autore di affermate opere letterarie in prosa e in versi. Socio onorario di validi Circoli Nazionali di cultura letteraria, partecipò a importati concorsi, aggiudicandosi numerosi primi premi e risultando sempre tra i primi classificati. Corrispondente giornalistico dei più importanti quotidiani isolani e non solo. Fu insignito del più alto riconoscimento onorifico della Repubblica: Grande Ufficiale della Repubblica Italiana. Ha assolto i suoi obblighi militari come Ufficiale nel periodo più tragico e triste della storia bellica dell’Italia.

Tre donne accompagnarono il suo percorso di vita: la prima gli diede cinque figli ma lo lasciò presto per una malattia che non le ha lasciato scampo. La seconda, sorella della prima moglie e quindi sua cognata, si prese cura dell’uomo rimasto solo con cinque pargoli da accudire ma anche questa abbandonò presto la vita terrena e Ottorino rimase nuovamente solo. Infine incontrò la sua adorata Lollina che gli è stata sempre vicino, compagna inseparabile negli ultimi 34 anni della sua vita arrivata alla soglia dei 99 anni.

Questa, in breve, la storia del Poeta Ottorino Mastino che tante volte, ha allietato, con i suoi versi, arguti, sagaci e soavi allo stesso tempo, le domeniche del nostro meraviglioso Bosco incantato. Un grazie meritato da parte della Redazione e di tutti i lettori che lo hanno apprezzato e ne conservano sempre una grandissima stima.

Non possiamo trascurare il pensiero di Ottorino relativamente all‘elogio sempre espresso nei confronti della donna considerata compagna indispensabile nella vita dell’uomo, punto fermo del focolare domestico e sostegno insostituibile della famiglia per la crescita e la formazione dei bambini, educandoli ed accompagnandoli, mano nella mano, giorno per giorno, momento per momento, ad una consapevole e responsabile vita da adulti.

Riportiamo oggi questa sua composizione scritta come omaggio in occasione di un compleanno della sua amata Lollina, ma che risulta essere anche una traduzione in versi di quando abbiamo appena detto relativamente al percorso di vita dell’uomo Ottorino.

Grazie Ottorino, sarai sempre tra noi.

  Giuseppe_59955    barra   div. multicolore         Ottorino Mastino - defunto il 29.10.2013 a 99 anni    

A_Lollina_60661pr il suo compleanno

  fiori rosa rossa che ruota  

Nella mia vita

due neri turbini

mi avvolsero tra lampi e tempeste.

Rimase la barca mia

con vele a brandelli

ed a poppa i miei cinque “Gabbiani”,

in balia dei cicloni.

 

Un giorno riuscii a portare

la barca in acque tranquille.

Con Fede, forza e coraggio

e i miei cinque “Gabbiani”

volarono felici

per lidi tranquilli,

aurore di luce

e vita serena.

 

Un mattino in uno sfolgorio di

astri lucenti

rividi un sole radioso

in un cielo azzurro,

tra una fioritura di rose rosse,

gerani e di verdi

mirti e rosmarini.

 

Con gioia ritornai alla vita

ed alla felicità,

immerso nei tuoi occhi

Lollina.

 

Ricordi? Ci demmo la mano

per mai lasciarci.

Ancora felice mi sento

perché tu, dolce sposa

la vita mi hai ridato.

 

Oggi, Lollina,

per il tuo compleanno,

con l’aiuto del Signore,

ti faccio gli auguri

più dolci e cari,

assieme ai nostri amici,

parenti ed ai tuoi meravigliosi alunni.

 

Permettimi di brindare,

cara sposa,

con la fragrante

malvasia di Bosa.

 

Tuo_Ottorino_60457

  oroncina     barra   div. multicolore  

------------------------------------------------------------------------------------------------

§ - La grafica, le immagini e il video musicale sono di Giovanna

------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Giovanni Marradi -  Park on sunny morning

https://www.youtube.com/watch?v=45_ivaVY9Do