Archive for gennaio 5th, 2014

LA DOMENICA DEL BOSCO

 

Barra div. fiori tipo tulip. multic. anim.

  Le_nostre_ru_38097    

B.G. 124

   

Giuseppe_38299A

    Barra div. fiori tipo tulip. multic. anim.

  farfall. verde-gialla a nim.  

A volte basta poco per sentirci felici, non c’è bisogno di grandi cose. Ci basta vivere in semplicità senza mai chiuderci nella solitudine o lasciarci catturare dalla malinconia. Una cosa è estremamente necessaria: sentirci integrati nell’ambiente che ci circonda e soprattutto sentirci amati dalle persone che ci stanno vicino. Con grande e sottile perspicacia il racconto di oggi dell’amica Gabriella.bz ci dice tutto questo in modo semplice ma efficace e ci spinge ad una profonda riflessione sul nostro modo di essere: leggiamolo insieme per trarne le giuste conclusioni, ringraziando, naturalmente la bravissima autrice.

 

 

Giuseppe_38519

    Barra div. fiori tipo tulip. multic. anim.  

Una_giornata_05051

ma_felice_05253

di_Gabriella_05916

    farfall. verde-gialla a nim.farfall. verde-gialla a nim. farfall. verde-gialla a nim.      

 

Da qualche anno, io e una mia amica, di buon mattino, tenendo conto dei consigli del medico ma soprattutto per tenerci in buona salute fisica, cerchiamo di andare a camminare per tenerci in forma. Nelle belle stagioni ci si alza presto poi, secondo il volgere del tempo, sempre un po’ più tardi, fino all’inverno quando l’arrivo della neve ci impone la sospensione delle nostre belle passeggiate all’aria aperta. Facciamo un giro attorno alle case di periferia e ci inoltriamo nel sentiero che si avvia verso il bosco. Quando c’è la bella stagione ci sono tanti fiori colorati e rose canine che si allungano per i cancelli di case mezzo diroccate. Ma se siamo nella stagione autunnale, si vedono piante mezze spoglie e tante foglie ramate a terra.

 

Sentieri autunnale in un bosco

   

Percorriamo poco più di 300 mt. e arriviamo ad un laghetto, piccolo e di questa stagione quasi sempre triste, ci sono ancora le anatre ma sono nascoste. In estate è bello e gioioso perché ci sono tanti bambini che giocano e schiamazzano oltre a divertirsi nel distribuire pezzetti di pane alle anatre. Io e la mia amica ci scambiamo uno sguardo e questo basta per capirci, è sufficiente un cenno affermativo con il movimento della testa: vogliamo fare il giro del lago, non sarebbe prudente, ma siamo in due, facciamo come i bambini, è così bello fare un giro un pò pericoloso, ci piace affrontare il rischio.

 laghetto autunnale

 

Finito il giro ci facciamo una risata e ci domandiamo: perché abbiamo fatto un’imprudenza che non eravamo costrette a fare? Ora andiamo nel bosco, per sentire il suo sottile profumo, dove sulla corteccia degli alberi comincia a formarsi il muschio e a terra lo stesso è pronto per essere raccolto perché e uso utilizzarlo nella composizione del presepe in casa. Il Natale non è tanto lontano. E’ autunno inoltrato, le foglie color ruggine e gli aghi dei pini, tanto belli in estate, cominciano a cadere, troviamo un paio di nidi, saranno caduti per il vento tanto forte qualche giorno prima o insieme alle foglie cadute copiose?

farfall. verde-gialla a nim.farfall. verde-gialla a nim.  

farfall. verde-gialla a nim.

Non andiamo a passo veloce, tanto chi ci attende a casa? Di questo periodo abbiamo entrambe i nipoti in parte a scuola e altri all’asilo. Ieri è piovuto, abbiamo la giacca a vento perché l’acqua che cade ancora dalle piante non ci bagni troppo. Strano, entrambe abbiamo poca voglia di parlare, che la malinconia del bosco abbia contagiato anche noi? Ci fermiamo sul tronco di un albero messo a terra, pronto per essere portato via e finire in qualche caminetto. Ci scambiamo ancora uno sguardo quasi interrogativo. Sei triste chiedo io, no mi risponde, tu non parlavi e io non volevo disturbare il tuo silenzio.

 

passeggiata i autunnale in un bosco

   

Non mi ero accorta di essee io la più silenziosa, forse i ricordi che servono solo a farti soffrire mi avevano fatto compagnia. Il mio pensiero era lontano, quando con tutta la famiglia, venivamo a raccogliere funghi, o per fare un semplice pic-nic, o quando con i figli un po’ più grandi si veniva in compagnia di tanti amici e si facevano le scarpinate per vedere chi riusciva ad arrivare per primo ad un certo albero ben conosciuto. Ricordi, ricordi e poi che ne facciamo? Un po’ alla volta si ritorna a casa. Ci fermiamo come al solito al laghetto, dove ora il sole si specchia ed è molto più bello, più vivo.

farfall. verde-gialla a nim.

farfall. verde-gialla a nim.farfall. verde-gialla a nim.

     

Anche con poche piante, un paio di abeti, due pini, un noce grosso e grande, tanti bambù e per il resto solo rovi. Ci lasciamo riscaldare da questo sole di novembre mentre i ricordi si affievoliscono ma non scompaiono. Ecco, squilla il mio cellulare, rispondo, sono i miei figli che avvisano, arrivano per pranzo a casa mia. Hai tutto mamma? Si, dico, in casa c’è tutto, manca solo la mamma che, pensando d’essere sola, è andata a fare una passeggiata al laghetto. Ma per l’ora di pranzo sarà tutto pronto, resta solo da preparare il tavolo, i figli lo fanno alla svelta. Circondata dai figli tutto è passato, malinconia, tristezza e ricordi del passato. Felici di essere tutti insieme come poche volte capita ed io, in particolare, voglio godermi la felicità del momento.

 

Gabriella_38771

      Barra div. fiori tipo tulip. multic. anim.

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

§ - La grafica, le immagini e il video musicale sono di Giovanna Minotti

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------  

Giovanni Marradi - Autumn Leaves