Il mondo degli animali !! Cani della prateria

             

Dalla Rivista Focus ho attinto le  notizie che seguono, a proposito di animali simpatici, con atteggiamenti e abitudini particolari, che mi auguro possano interessare gli animalisti.  In questo servizio vi  parlo del cane della prateria, che da noi non è molto conosciuto

   

Il cane della prateria, dalla coda nera (Cynomys ludovicianus ),   dell’amico dell’uomo  ha davvero poco. E’ uno scoiattolo terricolo, un roditore appartenente alla stessa famiglia delle marmotte; il suo nome deriva dal verso caratteristico, molto simile al latrato di un cane, che emette per avvertire i propri simili di un pericolo incombente. Vive principalmente nell'Ovest degli Stati Uniti ed in alcune zone del Canada e del Messico.

 

 

Predilige le pianure erbose ma può vivere anche in zone desertiche, collinose e montuose, generalmente dal clima asciutto. Il cane della prateria è un animale sociale e gregario che vive in famiglie formate da un solo maschio sessualmente maturo, da quattro cinque femmine più la prole. La sua tana è costituita da un intricato sistema di cunicoli e gallerie che collegano diverse camere sotterranee, che vengono adibite alle varie necessità della famigliola: il nido per le madri ed i piccoli in allattamento, la tana per gli altri componenti adulti, la toilette, etc. Le gallerie possono essere profonde fino a 4-5 metri e lunghe anche centinaia o migliaia di metri.

   

Solo il Cynomis Ludovicianus (cane della prateria dalla coda nera) può essere commerciato legalmente, mentre non è consentito detenere le altre specie. Il cane della prateria è un animale che ha bisogno del contatto fisico con i suoi simili e  scambia continue effusioni con tutti i membri della famiglia.

Se  acquistati da cuccioli stabiliscono un forte legame affettivo con gli esseri umani, mentre se presi da adulti legheranno ugualmente con i proprietari ma ci vorrà più tempo, prima che acquisiscano fiducia nell'essere umano. Amano essere coccolati in tutti i modi e adorano riposare accucciati accanto al loro proprietario.

Dai 2 anni di età diventano molto protettivi nei confronti della famiglia che li ospita ed hanno la tendenza a difendere i loro familiari dagli estranei, arrivando persino a morderli. La femmina, in linea di massima, è meno affettuosa del maschio (ma queste sono solo regole generali, ogni cane della prateria ha un carattere a sé). Se tenuto troppo in gabbia sviluppa un atteggiamento aggressivo anche con il padrone, per cui si consiglia di tenerlo i libero per il maggior tempo possibile. Durante il periodo del calore il maschio può essere molto nervoso, mostrare aggressività anche col padrone e avere degli strani atteggiamenti. L'iperprotettività nei confronti della femmina durante il periodo del calore è tale da costringerla talvolta a rimanere chiusa nella tana per giorni. Questi comportamenti aggressivi scompaiono spesso con la sterilizzazione.

 

 

Sono comunque animali affettuosissimi, molto intelligenti e dalle movenze buffe e tenere, dunque di grande soddisfazion, anche se inadatti a bambini piccoli perchè se non vengono  trattati adeguatamente potrebbero avere repentini cambiamenti di umore e mordere. Un cane della prateria, in casa, vi costerà molto in termini di arredamento! Essendo un roditore, con incisivi a crescita continua, tenderà a rosicchiare tutto ciò che trova in casa, danneggiando soprattutto mobili e porte; gli spazi a loro disposizione andranno messi in sicurezza contro il rosicchiamento dei cavi elettrici (molto pericoloso per la loro incolumità e spesso causa di morte prematura). Ricordate dunque che è un animale selvatico e quindi a volte imprevedibile, richiede molta attenzione e cure, non sopporta la solitudine ed ha bisogno di trascorrere il maggior tempo possibile fuori dalla gabbia.

   

Quando le alluvioni distruggono il loro habitat, a questi piccoli animali non resta che trasferirsi in città. L'esondazione del Bow River in Canada, lo scorso 22 giugno, ha allagato le campagne attorno a Calgary, costringendo anche decine di migliaia di residenti (umani) a lasciare le loro case.

         

Richard Clayderman - Querida


COMMENTI

Both comments and pings are currently closed.

  1. il 28 agosto, 2013 Lorenzo.rm dice:

    Ma quanto è bello questo cane della prateria, Giovanna. Un bel servizio, davvero. Bello e informativo. E istruttivo. Grazie.

  2. il 28 agosto, 2013 riccardo2.co dice:

    Giovanna concordo con Lorenzo sulla bellezza del pezzo, tranne che sul fatto di tenere questi animali in cattività.
    Ho sentito dire da pseudo esperti di cani della prateria come di altri piccoli roditori….. le vendo questo animale già umanizzato.
    Ma perche non mettiamo loro in gabbia e poi diciamo vi vendo un uomo imbestialito?.
    Posso solo accettare che un canarino resti rinchiuso in gabbia, dopo 500 anni di cattività il poveretto non vivrebbe allo stato libero, e per di più con dei colori cosi appariscenti, da essere facile preda di ogni piccolo e grande predatore, visto che siamo riusciti umanizzandoli come dicono questi, a cambiare anche il colore del loro piumaggio.

  3. il 28 agosto, 2013 Nembo dice:

    Un interessante articolo proposto da Giovanna che ci da informazioni e approfondamenti utili per quanto riguarda il mondo animale. Grazie

  4. il 28 agosto, 2013 armida.ve dice:

    Ma quante cose si imparano frequentando il bosco!Ma che carini questi cani della prateria! Però ha ragione Riccardo.. lasciamoli vivere nel loro habitat! Grazie Giovanna. sempre belle anche la musica

  5. il 28 agosto, 2013 gianna dice:

    Giovanna, da quando frequento il bosco, quante cose leggo interessanti, qui riusciamo sapere tantissime cose,oggi si parla del mondo degli animali, il cane della prateria dalla coda nera, sono simpaticissimi ma devo vivere in liberta’quello è il loro mondo,grazie Giovanna del tuo articolo, della stupenda musica,che solo tu sai dare, delle immagini molto carini al cane della prateria grazie Giovanna ciao !!

  6. il 28 agosto, 2013 giovanna3.rm dice:

    Grazie care amiche, Armida, Gianna e amici, Nembo, Riccardo, Lorenzo, dei vostri commenti che apprezzano questa simpatica creatura.
    Io, non conoscevo il cane della prateria e me ne sono subito innamorata: certo, anch’io me ne occuperei solo se avessi un luogo in campagna e lo lascerei libero. Da quello che ho letto, in tal modo forse i momenti di aggressività sarebbero limitati.

  7. il 28 agosto, 2013 gianna dice:

    Giovanna e bello parlare del cane ,della prateria con la coda nera, so che vado fuori argomento , ma la tua gattina e stupenda,ha un musetto dolcissimo complimenti ciao!!

  8. il 29 agosto, 2013 Giuseppe3,ca dice:

    Siamo tutti su questa Terra che considero una grande astronave che viaggia nello spazio infinito come una grande Arca di Noè e quindi dobbiamo convivere con tutti i nostri simili e con tutti gli animali della Terra. Ben vengano questi servizi che ci consentono di ampliare le conoscenze sui nostri compagni di viaggio, sul loro habitat e le loro esigenze.
    Grazie Giovanna anche per la dolcissima ‘Querida’,

  9. il 31 agosto, 2013 Carlotta dice:

    Simpatico animale… non capisco perché lo abbiano chiamato “cane della prateria” visto che è un roditore e fa parte della famiglia delle marmotte… bah!
    Curioso il suo comportamento :
    “… è un animale sociale e gregario che vive in famiglie formate da un solo maschio sessualmente maturo, da quattro cinque femmine… ha bisogno del contatto fisico con i suoi simili e scambia continue effusioni…ama essere coccolato in tuttii modi. Durante il periodo del calore il maschio può essere molto nervoso, mostrare aggressività e avere degli strani atteggiamenti. L’iperprotettività nei confronti della femmina durante il periodo del calore è tale da costringerla talvolta a rimanere chiusa nella tana per giorni “… mi ricorda tanto qualcuno ^_^

  10. il 31 agosto, 2013 armida,ve dice:

    Alludi, Carlotta? ahahah!! (^_^) ciao!

  11. il 01 settembre, 2013 giovanna3.rm dice:

    Carly, questo nome, come si racconta, gli è stato dato a causa del suo verso molto simile al latrato di un cane! E’ veo, si tratta di un roditore, ma tant’è….comunque è molto simpatico!

  12. il 01 settembre, 2013 anna siena dice:

    bello lo spettacolo della natura ,ma complimenti anche a chi ha reso possibile il filmato complimenti grazie