L’angolo del dialogo

[ Articoli recenti:                                           -  Pensieri e non solo…!! -  Buona Domenica -  Il mondo degli animali -  L’angolo deldialogo – Politica ed Economia -  Buona domenica                                                  -  Pensieri e non solo…!!   Per leggere gli articoli precedenti far scorrere il rullo finché apparirà, a dx, la freccia "Next page", cliccate sopra e troverete il seguito degli articoli precedenti. Andare fino in fondo, finché apparirà, a sx,  la freccia "Previous page", cliccate e tornerete alla Home page.      Elaborati da inviare a:     tittisilvestro.sa@gmail.com  (Sabrina)     deemin@libero.it                  (Giovanna)     giuseppe.pau@tin.it              (Pino)        

Scartabellando fra vecchi materiali è venuto alla luce questo vecchio articolo. E’ un articolo di Chiara Maffioletti pubblicato sul Corriere della Sera Sette del 10 giugno 2010 alla pagina  55. Il giovane di cui si parla nell’articolo ripara  i vecchi computer e li regala. Ecco  l’articolo:

 

“ Massimiliano De Cinque ha 39 anni, viene dall’Abruzzo ma da anni vive in una cittadina vicino a Varese, Olgiate Olona. A suo modo è un supereroe. Di giorno lavora alla reception di una televisione privata milanese. Di notte “resuscita” computer. Nella sua cantina arrivano i casi più disperati. Macchine che nemmeno si accendono più. Lui le apre e, dopo averci dedicato pazienza, passione e parecchio tempo, alla fine le resuscita. “Per me è come giocare con i lego” spiega. “Mi piace da sempre smontare i computer, mettere insieme i pezzi e poi vederli ripartire”.

 

Ora però Massimiliano ha deciso di dirottare il suo hobby verso una buona causa, ed è così che, lo scorso aprile, è nato il progetto “Nuova vita”: un’associazione, assolutamente senza fini di lucro, che recupera computer guasti, li aggiusta, per poi regalarli a chi ne ha bisogno: scuole, famiglie in difficoltà, anziani. Rispondendo non solo a un problema sociale ma anche ecologico.

Racconta Massimiliano: “Quando un computer è guasto c’è la tendenza a sbarazzarsene. Non c’è interesse a spendere su una macchina vecchia. Non è vantaggioso sistemarla. Ma lo smaltimento è un vero dramma”. Costa meno comprare un nuovo computer piuttosto che ripararlo. E così vengono buttati ogni giorno centinaia di apparecchi.

 

 

Pochi sanno che sono rifiuti difficili da smaltire: ogni anno nel mondo si producono 50 milioni di tonnellate di rifiuti Race (Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche). Nel 2009, solo in Italia si è arrivati a 3 chilogrammi pro-capite di Race e si stima che nel 2014 la cifra sarà raddoppiata. Numeri allarmanti, soprattutto se si considera che attualmente solo il 15% di questi rifiuti è smaltito correttamente. La maggior parte finisce nei “cimiteri di computer” che avvelenano i Paesi più poveri (Ghana, Nigeria, Uganda, Vietnam, India) con le sostanze inquinanti (piombo, cadmio, arsenico, cromo esavalente, diossina) sprigionate da uno “smaltimento” che è gentile definire barbaro.

Riprende Massimiliano: “Quando un computer è morto, spesso c’è un solo componente che non funziona più. Come fosse un paziente a cui vengono donati gli organi, anche il computer, sostituendo ciò che era guasto, torna a vivere”. Certo,  i computer rigenerati non sono capaci di straordinarie performance: non sono velocissimi o super potenti. Ma sono comunque macchine perfette per chi deve muovere i primi passi nell’informatica. “Penso ai bambini. Un’amica di mia figlia, 4 anni, era venuta da noi a giocare: sui vecchi computer  guardavano le lettere, cliccavano sui colori. Lei non ne aveva uno a casa e gliel’ho regalato.

Ora, grazie a questo progetto, creeremo un’area informatica all’asilo dove vanno tutte e due le bimbe. Sono stato contattato da diverse scuole, anche dai direttori di alcune carceri e il sogno è donare computer agli anziani: scoprirebbero un mondo nuovo”. Su Facebook, il gruppo dedicato al progetto cresce ogni giorno: “Ho ricevuto richieste di donazione e di collaborazione (per ora sono in 7 a riparare, ndr) e vorrei creare associazioni satellite, unite dallo stesso statuto, in tutta Italia. Moltissima gente è pronta a darmi una mano. Mi hanno chiamato dalla Svizzera. Un signore di Ravenna è disposto a raccogliere i computer e a portarmeli con il suo camper”.

Ma tanto entusiasmo rischia di infrangersi contro l’unico vero problema tecnico: lo stoccaggio. La taverna di Massimiliano non è un hangar. Da sola, non basta. Lui aveva così cercato l’aiuto delle istituzioni. Del suo comune, per primo. Ma per ora un posto non s’è trovato. O meglio, dei cavilli burocratici non hanno permesso di assegnarlo. “I tempi delle amministrazioni sono lunghissimi e questo mi spinge a rivolgermi verso chiunque possa offrirci uno spazio, anche temporaneo. Sarebbe un peccato se tutto si arenasse. Perché è vero che veder risuscitare un computer mi dà soddisfazione, ma ho scoperto che saperlo destinato a una causa nobile rende tutto più bello”.

 

Che ne pensate, amici? Ne vogliamo parlare? E magari fare ricerche in  proposito? (ho controllato su FB ed  effettivamente il sito di cui parla Massimiliano De Cinque c’è.).

     

Richard Clayderman - The Dream of Olwen


COMMENTI

Both comments and pings are currently closed.

  1. il 01 maggio, 2013 Giuseppe3.ca dice:

    Nobile iniziativa certamente e ci auguriamo che abbia trovato la giusta soluzione secondo i desideri proposti.

    L’idea non è nuova ma è analoga a quella attuata per la raccolta dei telefonini cellulari fuori uso. Una organizzazione a livello europeo li raccoglie e li seleziona: quelli riparabili vengono rimessi in funzione e destinati ai paesi del terzo mondo. Per gli altri si provvede ad uno smaltimento sicuro previo recupero dei materiali pregiati. A tale iniziativa ha aderito anche l’Associazione locale della quale faccio parte come collaboratore e posso confermare che, come prima trance, abbiamo raccolto oltre 400 cellulari, già destinati al ciclo recupero o smaltimento sicuro.
    Sono belle iniziative alle quali è necessario dare ampia visibilità e divulgazione. Grazie Lorenzo.

  2. il 01 maggio, 2013 lorenzo.rm dice:

    Grazie a te, Pino, dell’informazione, sempre utile. Stavolta ci siamo orientati al servizio e faccio tanti auguri a Massimiliano. di vero cuore. Grazie anche a Giovanna, come sempre.

  3. il 01 maggio, 2013 Anna B. dice:

    E’ una bella iniziativa da promuovere assolutamente sopratutto perchè tanto utile,un peccato sicuramente se il progetto non potesse continuare.

  4. il 01 maggio, 2013 lorenzo.rm dice:

    Meno male, Anna, che il progetto continua. Ma sta a noi farlo conoscere.

  5. il 01 maggio, 2013 giovanna3.rm dice:

    E’ sicuramente un’iniziativa importante e anche di aspetto sociale. Massimiliano, infatti, si rivolge anche asili, ai centri anziani, alle scuole, ovunque ci sia bisogno di usare computer e non ci sia denaro per acquistarli.
    Giuseppe ci ha fatto sapere che iniziative simili riguardano anche i cellulari dismessi: non lo sapevo. Ottimo anche questo metodo e un plauso a chi se ne occupa.

  6. il 01 maggio, 2013 Giuseppe3.ca dice:

    Vero Giovanna, a volte sembrano piccole cose quasi insignificanti e invece nel sociale assumono e hanno una importanza fondamentale per l’aiuto che si può dare a tante persone che per altre vie non avrebbero la possibilità di avvicinarsi alle tecnologie moderne e resterebbero ulteriormente emarginate. Le strade del volontariato sono tantissime e stiamo cercando di percorrerle, speriamo nel verso giusto.

  7. il 01 maggio, 2013 enrica.co dice:

    Non conoscevo questa iniziativa nemmeno quella dei cellulari io con un’amica che ha un negozio di ottica raccogliamo gli occhiali che nessuno più usa e se si può adattando le lenti alle montature usate utilizzabili vengono creati occhiali per bambini che non se li possono permettere è un’iniziativa che è partita da un gruppo di oculisti dell’ospedale di Como che in collaborazione con degli ottici volontari,i medici in questione poi si recano per anche un mese ad operare gratuitamente nei paesi bisognosi, raccogliamo anche tappi delle bottiglie in pet per raccogliere fondi e comperare ausili per i disabili, poca cosa, forse ma tutto aiuta

  8. il 01 maggio, 2013 giovanna3.rm dice:

    Ma guarda un po’ quante buone idee!! Enrica anche quella degli occhiali è avvincente, tanto più che è partita da un gruppo di oculisti, quindi, veglieranno poi che le lenti siano quelle giuste e adatte ai bimbi….Bravissimi!

  9. il 01 maggio, 2013 silvana dice:

    Da noi ogni anno si fà la raccolta degli occhiali che non usiamo piu’ sitemarli è adattarli per chi ne ha bisogno.In passato,con mio nipote abbiamo fatto anche la raccolta dei tappi di bottiglie organizzato dalle scuole (adesso non capisco perchè non si fà piu’)Non ero ha conoscenza riquardo i cellulari,mi informerò perchè ne ho due in disuso,grazie per l’informazione.Silvana rc

  10. il 01 maggio, 2013 Nembo dice:

    Ecco cosa può fare un vecchio computer o altro pezzo della conponentistica classificato -rifiuto speciale- l’importanza di recupero dei pc è duplice, da un lato vuole sensibilizzare sullo spreco, dall’altra sull’importanza di ridurre i rifiuti elettronici. Bene fa Nassimiliano e, altri come lui che dedicano il proprio tempo per far rivivere i vari computer, per poi donarli a persone economicamente svantaggiate, a comunità, associazioni ecc.., così facendo si ha anche un meno divario digitale. Giusto è divulgare il più possibile questa iniziativa.

  11. il 01 maggio, 2013 lorenzo.rm dice:

    Grazie a tutti gli amici ed amiche che stanno fornendo informazioni circa i materiali speciali da riciclare, cominciando dai pc.

  12. il 02 maggio, 2013 Massimiliano dice:

    Saluto tutti, sono Massimiliano di Progetto Nuova Vita. Avete letto un articolo di qualche anno fa e da allora le cose sono decisamente cambiate…l’associazione PNV conta circa 60 iscritti, di cui una decina “super-attivi”, abbiamo ottenuto dal Comune una sede in cui è stato allestito un vero e proprio laboratorio e lo scorso anno scolastico abbiamo consegnato circa 150 computer (tra cui 8 aule informatiche scolastiche).
    Abbiamo consegnato computer in tutta Italia (PC ai paesi alluvionati della Liguria, ad una scuola di Reggio Calabria, ad alcune scuole con aule dedicate a i bambini dislessici…).
    Alcuni notebook sono finiti anche in Cambogia e Belize.
    L’idea di recuperare computer e ricollocarli in progetti di utilità sociale, soprattutto nelle scuole, ci permette di avvicinarci agli alunni e ai loro genitori per sensibilizzare verso un consumo consapevole, responsabilizzando ognuno di noi, perchè tutti abbiamo la responsabilità di preservare il Pianeta affinchè i nostri figli possano beneficiarne come abbiamo fatto noi e chi prima di noi.
    Spesso si da per scontato che una singola persona non può cambiare il Mondo, invece penso che tutti noi possiamo farlo, anche singolarmente, ognuno con le proprie capacità, condividendo le proprie competenze con gli altri e cercando di costruire una società coesa.
    Riutilizzare un pc non è una novità, ma utilizzarlo per riscoprire la nostra natura “umana” è l’idea che ha generato Progetto Nuova Vita e che vorrei fosse copiata e migliorata ovunque.
    L’idea di utilizzare un pc rigenerato in questo modo nelle scuole ha altresì una valenza culturale ed educativa che, soprattutto nell’ambito scolastico, acquisisce un valore ancora più importante.
    Il prossimo anno scolastico avrà come sorpresa la Legge 135/2012, che obbligherà le scuole ad adottare il registro elettronico, probabilmente cercheranno di battere cassa e coinvolgere i genitori per riuscire a trovare i soldi necessari, dal Governo ne arriveranno molto pochi. Ebbene proponete di non comprarne di nuovi, ma di riutilizzare pc, vanno bene anche quelli di 7/8 anni fa, li abbiamo provati con la dirigente scolastica di Olgiate Olona, funzionano meravigliosamente e non hanno nessun costo di licenza.
    Certo, vanno rigenerati, testati e verificati, noi lo facciamo utilizzando Linux e ogni PC per noi non è solo un “vecchio computer”, ma un oggetto a cui dedichiamo tempo e cura per riuscire ad avere uno strumento solido e affidabile, che durerà nel tempo, dando ancora il meglio di se.
    Vi invito a visitare il nostro sito (www. progettonuovavita.it) o la nostra pagina FB (https://www.facebook.com/ProgettoNuovaVita), troverete tutto quello che facciamo, in modo trasparente e documentando ogni iniziativa, perchè è giusto che tutti possano “vedere” come vengono impiegati i computer donati alla nostra associazione.

    Ringrazio Giovanna per avermi dato questa “finestra” e confermo quanto scritto precedentemente da voi… è necessario dare ampia visibilità a queste iniziative. Non siamo soli e non lo facciamo per noi stessi, ma per la società e tra di essa ci sono persone che hanno bisogno anche di queste iniziative che danno fiducia.

    Massimiliano

  13. il 03 maggio, 2013 Lorenzo.rm dice:

    Grazie, Massimiliano, di aver voluto così cortesemente parlare di noi nel tuo blog su FB. Tanti, tantissimi auguri per la tua attività.

  14. il 03 maggio, 2013 giovanna3.rm dice:

    Che bella sorpresa Massimiliano! Ci fa molto piacere vedere nel tuo Blo, stamattina, la nostra pagina, che parla della tua importante iniziativa: ci auguriamo che possa esserti di aiuto. Con grande cordialità.

  15. il 03 maggio, 2013 giovanna3.rm dice:

    Cari Amici.

    non avevo ancora letto l’interessante intervento di Massimiliano ma, per serietà e correttezza, mi accingevo a indicarvi qui l’avviso, apparso sul suo Blog in Fb – “Progetto Nuova vita”, a proposito della nostra pagina dedicata alla sua bella iniziativa. Cliccando sul link che Massimiliano indica, appare l’articolo che Lorenzo ha predisposto per “Fatti e Opinioni” in Bosco, compresi tutti i commenti.
    Con l’occasione, ringrazio Massimiliano per tutte le ulteriori informazioni che ci fornisce e gli obiettivi da perseguire, condividendo ognuno le proprie esperienze, attraverso azioni di volontariato. Un cordialissimo saluto a questo ragazzo speciale.

    Ecco l’avviso apparso:
    …………………
    Massimiliano DeCinque
    http://bosco.eldi.it/2013/04/30/langolo-del-dialogo-13/#comments

    IL BOSCO INCANTATO DI ELDY!! » Blog Archive » L’angolo del dialogo
    bosco.eldi.it
    – Pensieri e non solo…!!- Buona Domenica- Il mondo degli animali- L’angolo d…Visualizza altro

  16. il 03 maggio, 2013 Nembo dice:

    Un plauso a te Massimiliano e a tutti i tuoi collaboratori per la vostra grande iniziativa. Un saluto