Archive for aprile 9th, 2013

Pensieri e non solo…!!!

Articoli recenti:

-  La Domenica del Bosco                                                 -  Terremoto dell’Aquila                                                             -  L’Angolo del dialogo – Pianeta Donna                                             -  La Domenica del Bosco -  Addio  di Enzo Jannacci                                    -  Addio  Franco Califano

 Per la pubblicazione dei vostri lavori gli elaborati possono essere inviati a:

- tittisilvestro.sa@gmail.com   (Sabrina) - deemin@libero.it                      (Giovanna) - giuseppe.pau@tin.it                (Pino)    

   

 

      La  primavera è  finalmente arrivata. Da sempre, questa stagione  è sinonimo di vita, di rinascita,  di energia e  vigore, non soltanto per la natura  ma anche per noi stessi.  Si tratta altresì del  miglior periodo per prendere cura di se stessi. Il nostro fisico,  a  causa degli stress subìti nel corso della brutta stagione appena passata, nonché di alcuni mesi di inevitabile  vita sedentaria, al chiuso e, forse, di aver fruito di un’alimentazione ricca di grassi e abuso di proteine, cosicché si sono accumulato tossine.  C’è, quindi, bisogno di rigenerare e di rinnovare il nostro organismo.  Ritrovare il benessere fisico, riconquistare il tempo perduto e prepararsi all’estate equivale a  un rito di purificazione, certamente salutare.

Per alcune persone, tuttavia, l’arrivo della Primavera, oltre  ad essere portatrice di varie allergie,  da polline e  graminacee, segna un periodo di stanchezza psico-fisica. Non si tratta  di disturbi gravi: è sufficiente assumere degli integratori, contenenti sali e vitamine  e  il nostro fisico riprende quota.  

 

Passeggiata

 

    Alcuni soggetti, particolarmente sensibili  a questo “mal di primavera”,   avvertono,  più di altri,  un senso di stanchezza e debolezza, che  si protrarrà fino  all’inizio dell’estate. Un altro aspetto importante  è  l’alimentazione. Occorre privilegiare prodotti ricchi di vitamina C, antiossidanti e betacarotene, (come  insalate, cavoli, carciofi, carote, bietole, frutta di stagione ecc…). Fra  i cereali  sono consigliati quelli integrali, ricchi di proprietà depurative; infine  è  bene ridurre il sale nei cibi.

     La sapienza orientale, infatti,  insegna che questi accorgimenti devono essere applicati a tavola, al fine di stabilire un equilibrio nutrizionale, ottenendo un bilanciamento  delle forze energetiche presenti nei cibi,  che  tengano  conto  delle diverse esigenze del nostro corpo, a seconda delle stagioni.

 

Gita in bicicletta

 

     Con l’entrata della Primavera,  si risveglia anche il desiderio di rimettersi in moto,  di stare all’aria aperta, dopo il letargo invernale.  Occorre concedersi delle passeggiate, lasciando vagare i pensieri liberamente… Ciò permetterà  di acquisire uno stato d’animo più sereno, giacché, come tutti sappiamo, abbiamo attraversato un periodo molto pesante,  a causa  soprattutto  di problemi economici, che hanno procurato ansia e tensione a tutti noi.

      Fare dello sport, quindi,  è  un  ottimo surrogato, che avrà sicuramente un  effetto ristoratore, facendo cambiare marcia al nostro fisico,  stimolando una maggiore vitalità,  e  vincendo, al tempo stesso, la pigrizia.  Si dovrebbe praticare lo sport, almeno due tre volte la settimana. Si può cominciare con camminate a passo veloce, jogging, bicicletta, stretching, escursioni  in collina-montagna, riscoprendo le bellezze naturali  e  nutrendo il proprio fisico.  Anche se l’aria è più tiepida, occorre fare molta attenzione alla scelta dell’abbigliamento adatto. Considerando che l’impegno  progressivo richiesto dall’esercizio fisico consente al nostro corpo di produrre calore e di mantenere la temperatura ideale, è consigliabile non coprirsi troppo,  semmai vestirsi a strati, indossando capi che fanno traspirare il sudore verso l’esterno.   

    

Rilassarsi in un bosco

 

     Ippocrate diceva:  “Se fossimo in grado di fornire a ciascuno la giusta dose di nutrimento ed esercizio fisico, né in difetto né in eccesso, avremmo trovato la strada della salute”.

    Probabilmente,  per il futuro,  l’aiuto ci sarà fornito dalla psicologia, che sta cercando di capire quali siano gli ostacoli socio-culturali per l’adozione di uno stile di vita sano. Nel frattempo, ritengo  che acquisire un benessere  fisico rappresenti una base per noi stessi e per la società.

                                                            

 

Riccardo Cocciante - Passeggiando in bicicletta