Archive for dicembre 3rd, 2011

Cosa sono i “DISABILI “!!

"ESSERE DISABILE"

Disabili, frasi degli stati d'animo di chi vive la propria condizione specchiandosi negli occhi della gente: Sono costretto alla solitudine Mi danno subito del tu solo perché sono una persona con disabilità Sono inutile, non faccio niente, potrei anche non esserci Vengo trattato come un soprammobile Ho 40 anni e i miei genitori non mi hanno ancora svezzato Vengo punito se esprimo la mia sessualità Mi prendono in giro e non mi fanno giocare Dopo la scuola nessuno si interessa a me Non posso uscire perché non ho amici Sono obbligato a stare sempre con i miei genitori Diventiamo più poveri per far fronte alla mia disabilità Mi faccio degli scrupoli per chiedere aiuto Sono percepito come un peso Non mi lasciano uscire per il mio aspetto e mi sento in colpa perché si vergognano di me Non credono nelle mie possibilità e non mi fanno proseguire gli studi Non posso esprimere come gli altri il mio pensiero Devo subire le scelte dei miei familiari Dipendo dai miei genitori anche per andare a trovare la mia ragazza Per colpa delle barriere sono sempre gli altri che devono venire a trovare me Non posso innamorarmi di chi voglio Quando mi innamoro vengo sempre respinto a causa della disabilità Perdo le amiche Mi chiudono la porta a priori Mi osservano con insistenza Tutti mi guardano in modo diverso A 40 anni mi fanno infilare le perline Sono in libertà vigilata Sono confinato in casa Non posso comportarmi come sono capace perché gli altri non si sforzano di capirmi La diversità viene accettata come una malattia Vengo aiutato quando non ne ho bisogno Mi trattano come un bambino Sono isolato Di me, non gliene frega niente a nessuno Non posso partecipare alle gite scolastiche e alle uscite Mi costringono a stare fuori dalla classe durante l'ora di educazione fisica Mi tengono sempre con l'insegnante di sostegno Durante l'intervallo devo stare in disparte Mi fanno fare sempre gli esercizi scemi La mia classe è al secondo piano e l'ascensore non è stato ancora collaudato E' così difficile trovare lavoro che non mi considero neanche disoccupato Sul lavoro sono pagato di meno Non faccio carriera Non mi ritengono adeguato Sono l'unico a cui regalano dolci per Santa Lucia (come se fossi ancora un bambino...) Non posso andare in quel locale con i miei amici perché ci sono le barriere Non posso entrare nei musei I mezzi pubblici non sono accessibili Mi dicono "poverino" C'è sempre qualcun altro che mi rappresenta Prima di salire su un aereo mi chiedono se sono infettivo Il medico mi visita lasciando la porta aperta come se non fossi un paziente come gli altri Il posto auto è occupato abusivamente I luoghi di divertimento sono falsamente accessibili (ad es. Gardaland) Il mio reddito non mi consente di supplire alle carenze di accessibilità e fruibilità Vengo trattato come un pacco Nessuno mi chiede quali siano i miei interessi. La Fish ha lavorato dodici mesi, durante i quali i rappresentanti dell'associazione hanno girato l'Italia e organizzato giornate di approfondimento con scolaresche,gruppi di genitori, realtà associative. Hanno raccolto il punto di vista di chi vive la propria disabilità specchiandosi negli occhi e nei comportamenti degli altri.: (a cura di Alessia Ripani)

FONTE: La Polizia di Stato