Archive for settembre, 2011

Testuggini Terrestri

Im Mondo degli Animali 1

Diamo il benvenuto ad un amico del Bosco, Luciano, fratello di Carlotta e amante degli animali, che ha voluto inviarci un suo contributo, molto apprezzato. Luciano possiede un allevamento di 190 Tartarughe, oltre a degli Scoiattoli e  un Riccio. Ci auguriamo di poterci avvalere, anche in seguito, della sua collaborazione. Molte persone possiedono Tartarughe: immagino che leggeranno volentieri l'articolo, apprendendo il modo migliore per il loro mantenimento. Intanto,  ringraziamo molto Luciano per questo suo scritto e le immagini, che vi proponiamo.

 

Testudo Graeca Ibera

Oggi vi voglio parlare di un animale di affezione, quasi al pari del cane o del gatto, ma molto più discreto e tranquillo, non fa rumore, non graffia, non strappa la stoffa del divano, non vi sveglia nel cuore della notte, non rosicchia tutto quello che trova, non bisogna portarlo fuori due o tre volte al giorno per i bisogni..., per 5/6 mesi all’anno va in letargo, insomma non vi complica la vita più di tanto: la Testuggine terrestre comunemente chiamata da tutti con il termine Tartaruga. Si tratta di un animale a rischio di estinzione e protetto dalla Convenzione di Washington. La legge ne vieta il prelievo in natura, l’acquisto e la vendita a meno che non sia fatta da soggetti autorizzati che devono rilasciare la documentazione prevista, l’obbligo di denuncia delle nascite in cattività, la denuncia del luogo di detenzione degli esemplari, ecc. In Italia vi sono ancora colonie selvatiche autoctone presenti in varie Regioni: Toscana, Sardegna, Sicilia, Puglia. Allevatori amatoriali si occupano di piccole colonie in cattività, provvedendo anche alla riproduzione degli esemplari. Numerosissime Testuggini sono invece presenti presso privati cittadini che le hanno “trovate” o che ne sono venuti in possesso “per eredità”, dato che si tratta di animali che non hanno difficoltà a vivere fino a 100 anni se allevati con cura. La maggior parte delle persone, purtroppo, è completamente all’oscuro perfino delle loro necessità alimentari, per cui spesso muoiono anzitempo per carenze di ogni tipo ed incidenti “domestici”.

INFORMAZIONI DI MASSIMA PER L'ALLEVAMENTO DELLE TESTUGGINI TERRESTRI.

Tutti gli animali necessitano di uno spazio all’aperto, per la Testuggine è fondamentale disporre di un giardino o uno spazio riservato di circa 8/10 mq. per ogni esemplare adulto. Per evitare fughe è meglio recintare con uno steccato, un muretto a secco o una rete fitta, parzialmente interrata e con i bordi rivolti verso l’interno.

  Recinto a steccato

La zona destinata allo scopo dovrà essere soleggiata almeno per qualche ora al giorno, questo permetterà loro di riscaldarsi ed all’organismo di provvedere al fissaggio del calcio nelle ossa e nella corazza mentre una casetta potrà ripararle dal troppo sole, dalla pioggia e fungerà da ricovero per la notte.

  Recinto muro a secco

    

 

Quasi tutti pensano che sia sufficiente alimentarle con qualche foglia di insalata, pomodori, o con gli scarti vegetali e non della cucina. Niente di più sbagli

Le Testuggini sono essenzialmente erbivore e necessitano prevalentemente di una alimentazione a base di erbe selvatiche (80/85%), quelle che abitualmente raccogliamo per cucinarle e mangiarle con la piadina vanno benissimo, ma anche il tarassaco, la malva, il trifoglio bianco o rosso, la piantaggine, ecc. Qualche foglia di insalata romana, radicchio rosso o cicoria che compriamo al supermercato possono essere somministrati come integrazione, ma va ricordato che non devono mai diventare la parte preponderante o sostitutiva delle erbe selvatiche.

Somministrazione pasto

Si può aggiungere un po’ di frutta (10/15%) due/tre volte la settimana: mela, pera, cocomero, melone avendo però cura di togliere il torsolo ed i semi. Gli alimenti che tassativamente non devono essere somministrati sono tutti quelli con cui empiricamente le Testuggini non possono cibarsi in natura quindi: carne cruda o cotta, pane, pasta, cibo per cani e gatti, crocchette, formaggi, ma anche banane, legumi (fagioli, piselli ecc.)

 

Abbeveratoio

 

Un sottovaso di grande diametro pieno di acqua pulita non deve mai mancare. In natura le Testuggini sono animali solitari e che solo in occasione di un incontro “fortunato” potranno accoppiarsi per poi riprendere ognuno la propria strada.

 

       Accoppiamento

 

L’accoppiamento può avvenire durante tutto l’arco di tempo in cui gli animali sono attivi, più o meno da aprile a settembre, ed è preceduto da un vero e proprio corteggiamento seppur condotto dal maschio con modalità piuttosto rudi ed aggressive. La femmina viene inseguita insistentemente, ripetuti morsi alle zampa posteriori ma anche alle anteriori ed alla testa la costringeranno ben presto a fermarsi cercando riparo contro una pietra, un tronco o semplicemente in un angolo del recinto. A questo punto il maschio le salirà sopra il carapace ed estroflettendo l’organo riproduttivo dalla base della coda la feconderà.

    Deposizione uova

                                                                                            

 

Data la occasionalità e difficoltà di potersi accoppiare tutti gli anni, la natura ha fornito le femmine di un organo particolare chiamato “spermateca” in cui il seme del maschio viene immagazzinato e conservato, così da permettere la deposizione di uova feconde anche per alcuni anni dopo l’ultimo accoppiamento Per quanto riguarda le Testuggini i genitori non provvedono alle cure parentali: il maschio se ne va dopo l’accoppiamento e la femmina appena le uova saranno mature scaverà una buca in cui deporle per poi andarsene anche lei.

 

Schiusa uova

                                                                                                    

Dopo circa tre mesi le uova si schiuderanno ed è vero che i piccoli alla nascita sono perfettamente autonomi ed in grado di alimentarsi da soli, ma in natura ben presto dovranno fare i conti con le possibilità di sopravvivenza.

Neonata

 

Il letargo invernale, che presiede all’equilibrio fisiologico delle Testuggini, manifesta la sua importanza influendo beneficamente sul processo metabolico, sullo stato di salute e sulla regolarizzazione del ciclo riproduttivo. Semplificando possiamo equiparare le nostre amiche a semplici batterie solari, che sono in grado di funzionare fino a che possono assorbire calore dal sole, ma che si spegneranno malinconicamente quando, in autunno, riprenderà la graduale riduzione del periodo di insolazione con conseguente calo della temperatura.

   

Interramento per letargo

A metà autunno, di norma, inizieranno ad alimentarsi sempre più raramente, fino a smettere del tutto, per prepararsi ad affrontare il letargo con l’intestino completamente svuotato.

Cercheranno un posto adatto a trascorrere il lungo sonno, generalmente interrandosi fino a scomparire, a volte rifugiandosi sotto un fitto cespuglio o anche in un anfratto. E buonanotte a tutti fino alla prossima primavera.

Riflessioni dell’autore: animali predatori, incendi, allagamenti ne fanno strage, ma questa è la natura. Non ha scuse l’uomo con il bracconaggio, i disboscamenti, i pesticidi, i mezzi agricoli, la cementificazione di aree fino a ieri protette ed altre amenità. Per questi animali, timidi, schivi, inermi, inoffensivi così come per tanti altri con le stesse difficoltà di sopravvivenza, pare non ci sia più posto nel mondo di oggi ed ancora meno in quello di domani. Ma …. un solo pensiero mi rincuora: esistevano sulla Terra 400 milioni di anni fa, quando l’uomo era ancora di là da venire. Penso proprio che ci saranno anche dopo che l’uomo avrà finito di autodistruggersi. Sarà la loro rivincita. 

                                                  

 

…..Ho un pensiero che parla di te Alessandro

      …..Ho un pensiero che parla di te Alessandro

    Ci sono occasioni in cui esprimere le proprie emozioni diventa davvero difficile, tutto è iniziato quando sabato sera mi è giunta una notizia che non avrei mai voluto ricevere.

    Con queste poche frasi vorrei ricordare un amico e collega che è deceduto sabato pomeriggio a Reggio Emilia  in un lancio tragico scontrandosi  in volo con un altro paracadutista, di nome Mariano ( era nell’esercito negli alpini) per la violenza dell’urto sono deceduti entrambi. Due amici stessa passione, l’esperienza non è bastata, che sia stato un errore umano o semplice fatalità saranno gli accertamenti a dirlo.

   Alessandro aveva 34 anni, la sua giovane vita la sempre donata per il bene della comunità nella vita professionale indossando una divisa era in servizio presso la squadra mobile di Milano, nel  tempo libero indossava quella della protezione civile paracadutisti, il mio pensiero corre ed i ricordi si accavallano vertiginosamente, di lui un ricordo particolare in occasione del terremoto dell’Aquila 07-04-09, ci aveva scortato con la moto della P.C., tutta notte circa 800 Km, arrivati sul posto per 20 giorni consecutivi, mattino, mezzo giorno e sera, instancabilmente preparava circa 350 pasti a turno alla popolazione civile senza mai chiedere un cambio. Caro Alessandro sei andato via facendo ciò che ti piaceva, sei volato nel cielo blu, come i tuoi occhi, il tuo sorriso, il fragore delle tue risate, gli sguardi,  ora  rimarranno sempre scolpiti nel mio cuore. Ora puoi volare in alto con gli angeli, sopra le nuvole c’è sempre sole, addio amico mio. Solidale partecipazione al dolore dei familiari di questi ragazzi. Nembo

 

http://www.youtube.com/watch?v=KV2f-aYH-xw

Lutto Italiano !!

     

LUTTO ITALIANO

           

Buona Domenica


Non servono tante parole per presentarvi queste mie considerazioni personali sulla possibilità di chiacchierare (chattare) che ci viene data dal mondo delle chat e naturalmente da Eldy che, in modo semplice, ci consente, stando davanti ad un pc di trovare tanti amici e quindi di non sentirci soli e isolati dal mondo.  Grazie Eldy e grazie a voi care amiche/amici.

 


 

 

CHATTAMORE

Nuovi amori, illusioni d’affetto, speranze di conforto dell’anima e del cuore contrasti, liti, delusioni, ritorni e nuova pace ma col rancore dell’animal ferito e con la malcelata riserva di fargliela pagare: questo non è più amore è astio o vendetta.

Vendetta per aver ferito l’orgoglio e i sentimenti, bruciata una illusione di felicità anche se effimera ma estremamente bella e che, se fosse stata vera, poteva dare gioia e felicità all’anima ma così non è stato perché si è poi rivelato un tradimento.

Tradimento di quella promessa d’amore fatta in pvt ma che poi è stata resa pubblica con slealtà per la fiducia data.

Pentimenti postumi quando ormai il danno è fatto e non può guarire con la parola “Scusami”. E ancora invidie, sgarbi e sgomitate varie, virtuali s’intende, ma se fosse stato vicino “gliele avrei date di santa ragione” intanto gliele canto, ovvero scrivo, perché se le merita tutte.

Oh quante cose ancora potrei dirvi ma i veterani di chat già le sanno. Le hanno vissute tutte sulla loro pelle e a loro beneficio o loro danno. Conciliatevi eldyani, le chat sono belle quando portano ad un incontro tra amici con un bicchier di vino in mano e un vassoio di ciambelle calde e abbondanti per tutti.

Si chatta anche sulle notizie dei figli, dei nipotini, dei poveri mariti ignari dei reconditi pensieri nascosti della propria consorte, dei problemi di famiglia e, perché no, anche di politica, di cronaca, di studio, di poesia, di teatro, di musica, di amore per la natura, per gli animali,  ecc. spaziando nelle problematiche più diverse in un panorama variopinto coloratissimo dove ognuno può esprimere il proprio commento o parere, la propria convinzione, dove ognuno può dissentire o approvare.

Non parliamo, poi, delle chiacchiere  fra gentili signore e sfacciati uomini che sentendosi protetti dal quasi anonimato danno sfogo a piccanti allusioni sulle forme nonché sull’uso e abuso in fatto di sesso sia maschile che femminile.

Questa, ma non solo, è una sintesi delle chat sia in Eldy che altrove.

Vorrei raccontare una storia, forse due, forse tre, cioè quelle che credo di conoscere o meglio quelle che la mia capacità mentale mi concede di ricordare.

Ne racconterò una sola ma raccogliendo qualcosa anche dalle altre due.

E` un intreccio di anime combattute tra la dura realtà della vita quotidiana e l’illusione che può dare il trovare un’amica, un amore, un confidente, un’anima gemella distante nello spazio geografico ma vicino nello scambio dei pensieri in una chat.

Ci si può innamorare in chat ? SI ! E` capitato ad alcuni miei amici/amiche e forse anche a voi e, perché no ?, anche a me che ero nella più assoluta convinzione che questo non potesse accadere mai, lo ritenevo assurdo.

Per non farvi scervellare a cercare di capire quali analogie possono esserci con personaggi reali, preciso che la storia è di pura invenzione e non si è svolta nelle chat di  Eldy ma in quelle di fantasia, forse.

Il mio non è stato un amore intenso con ardore e passione ma un innamoramento dolce per affinità di carattere artistico/poetico/sentimentale che ha portato a un legame di grande intesa tra un uomo, me, e una donna, bellissima, sognante e con sentimenti purissimi ma un’anima tormentata. Purtroppo lo spazio è terminato e tutta la storia potrò raccontarvela un’altra volta.

Grazie per la cortese attenzione e a presto.

Giuseppe3.ca

 


 

Concludiamo la Buona Domenica con questi gradevoli versi dedicati al Bosco dalla nostra simpatica amica Nicoletta

HA SMESSO DI PIOVERE

 Ora nel bosco 

ha smesso di piovere

rimane l'odore di  muschio

di felci  di terra 

qualche lumaca

cammina sul sentiero

la luce sembra dorata  

senti il vento

come scuote  le foglie

la sua voce è possente 

dammi la mano

stringila forte.. 

 nicoletta


 


 

Gradite una fetta di torta ??

PER VOI AMICI DI ELDY E DEL BOSCO ....

GRADITE UN PO' DI TORTA ?

cari amici del bosco e non,

io vi ringrazio per tutti gli auguri che mi avete fatto,

sia qui che in chat. mi avete dato tanta felicità.... sabry

 

VOGLIO FARE UNA DEDICA SPECIALE A

NATALINA E ANNA ....

LA STELLA E LA MASCOTTE DI ELDY

DEDICANDO A LORO E A VOI TUTTI QUESTO VIDEO

 

Compleanno di Sabrina

Buon Compleanno 1

Sco

Mazzo fiori animati - ciclamino

 

Sabrina Una carezza rapida, un buffettino in testa, un abbraccio furtivo, ed ecco sei con noi, noi  che t’aspettiamo come l’albero il frutto, come l’uccello il nido,Rosa cangiante - animata come l’alba il sole, come un bambino  la mamma, ed io  nonno la nipotina Sabrina.

Lorenzo

Gif separ. - Due righe che si intrecciano animate

Sabrina,   con gli  auguri più affettuosi per un compleanno ricco di esperienze, attuali e future.  Cerca di dare sempre il meglio di te. Ti voglio  bene.

 

 

Giovanna

Gif separ. - Due righe che si intrecciano animate

Tanti auguri  Sabrina per  il tuo ...esimo Compleanno: che sia un giorno da mettere tra i tuoi più felici. Un  abbraccio.

Nembo

  Gif separ. - Due righe che si intrecciano animate

Cara Sabrina, per me è stato un vero piacere conoscerti. In te ho trovato una vera amica, sensibile, intelligente  e  disponibile in ogni momento, ed è molto piacevole collaborare con te. Per il tuo compleanno non posso altro che esprimerti tutto il bene del mondo e tanta felicità.  Un chissone

Angelo

Gif separ. - Due righe che si intrecciano animate

Sabrina, la nostra Scoiattolina…. Un augurio di gioia, salute, serenità e felicità. 100  e più di questi giorni.

Giuseppe

Gif separ. - Due righe che si intrecciano animate

 

Sabrina, Buon Compleanno... Tu sei speciale, non dimenticarlo mai, e speciali devono essere le persone a cui tu dai Amore, amicizia e affetto per non sprecare nemmeno un giorno della tua vita... Grazie per questi 3 anni passati assieme , ma soprattutto grazie per il tempo che hai dedicato a me e a tante altre persone, non ti dimenticherò mai e ti porterò sempre nel mio cuore...

Pat

Gif separ. - Due righe che si intrecciano animate Sabrina, tanti Auguri!

Carlotta

Gif separ. - Due righe che si intrecciano animate

Alla dolcissima Sabry, un mondo di Auguri!

Fulvia

Gif separ. - Due righe che si intrecciano animate

Auguro alla mia piccola grande amica, nonché nipote acquisita, un meraviglioso compleanno. Grazie Sabry per la pazienza con noi vecchietti (parlo per me naturalmente). Oggi alzo virtualmente il calice alla tua salute augurandoti ancora altri 100 di questo giorni. Buon compleanno piccola!

Nadia

Gif separ. - Due righe che si intrecciano animate

Torta B.C. 1

Mazzetto di fiori anim. - delicato