Perché gli uomini vanno coi transessuali?

srrttt

srrtttt

srrtt

Perché gli uomini vanno coi transessuali?

nycpridetrans

Trascrivo da Dol’s, il blog delle donne on line (www.dols.net/magazines_newws.php), questo pezzo di Elena De Paoli che mi sembra possa dare lo spunto ad un dialogo fra noi su un tema importante.

Eccolo:

lea-t-modella-trans-ghivency-5“A causa dei recenti fatti di cronaca, è una domanda che ogni donna si sta ponendo. E le risposte sono sempre insoddisfacenti.

(I trans) Non sono completamente donne, ma non hanno l’aspetto di uomini. Sono un punto di transizione sessuale, una via di mezzo. Allora, perché sono sempre di più gli uomini scoperti ad avere rapporti con queste persone?

483ae00e1b7fa_wp2Prima di ogni cosa, occorre avere ben chiaro cosa significhi essere transessuale. Sono persone che sentono di non corrispondere psichicamente alla loro identità sessuale fisica, e che tentano perciò di assumere l’aspetto sessuale a cui sentono di appartenere tramite operazioni chirurgiche. Generalmente, l’ultima cui devono sottoporsi riguarda il cambiamento del sistema riproduttivo, quindi, pur avendo l’aspetto di una donna, possiedono ancora la caratteristica maschile più importante. Si stima che in Italia il 40% delle prostitute siano transessuali. Considerando perciò l’alta presenza di offerta nel mercato del sesso a pagamento, si deve dedurre che la richiesta sia altrettanto alta. Quindi, gli uomini che frequentano i trans sono moltissimi. Ma perché? Esistono diverse opinioni al riguardo: Omosessualità latente: uomini che si comportano eterosessualmente, magari con una moglie e dei figli, che frequentano di nascosto i transessuali e con cui hanno rapporti di tipo passivo. Si tratterebbe di maschi che rifiutano psicologicamente di essere attratti da altri uomini e che trovano nell’aspetto femminile del transessuale una sorta di ‘giustificazione’ al fatto che si rivolgono a loro. Questo tipo di sfogo occasionale consente loro di continuare a nascondere la propria omosessualità al mondo. Diversivo sessuale: in questo caso l’uomo è alla ricerca della trasgressione.

it_mtvnews_il-paese-dei-trans_karoll_640O almeno, giustifica così il proprio comportamento. Alla base di questa ricerca ci sarebbe, oltre alla curiosità, la convinzione che un transessuale soddisfi un uomo meglio di una donna perché ne comprende meglio le esigenze. Rassicurazione sessuale: solitamente, la persona transessuale è un’esaltazione del sesso. Si tratta di una femminilità costruita con il bisturi, molto appariscente, ma soprattutto accondiscendente. Gli uomini cercano in loro una riprova della loro mascolinità perché hanno difficoltà a rapportarsi con le donne normali. Per indagare sulla vastità del fenomeno e sui dubbi di uomini e donne riguardo il fascino dei transessuali, è sufficiente entrare nei forum dei siti specializzati, come Gay.it, dove, protetti dall’anonimato, i giovani chiedono chiarimenti su cosa sia un transessuale, e su cosa siano loro stessi se si sentono attratti da queste persone. Ci sono storie di ogni genere, dai mariti che parlano di incontri segreti coi trans come evasione dal quotidiano, a uomini che li pagano solo per parlare di problemi personali di cui si vergognano di discutere con le proprie donne. Navigando su internet, si trovano accuse di ogni genere che gli uomini rivolgono al mondo trans-5femminile per giustificare il loro desiderio di frequentare i trans. Le più usate sono quelle riguardanti la durezza delle donne, che inseguono la carriera lavorativa, e per cui conta moltissimo il fattore economico mentre trascurano il proprio uomo. Da detentori di ruolo attivo ad assuntori di quello passivo nei rapporti di coppia, ecco come si sentono le ultime generazioni maschili. La donna emancipata li costringe a continui confronti tra quello che sono e quello che devono essere, cosa che comporta un grande stress. In sintesi, si può pensare che l’uomo moderno sia un uomo in fuga dalla donna. Se lo spaventa la femmina autosufficiente e indipendente, è perché ancora possiede, almeno parzialmente, la vecchia mentalità maschile dove la donna è una proprietà con lo scopo di soddisfare i suoi desideri. È questo che afferma di cercare nei transessuali: una sembianza femminile che si limiti a ubbidire, a supportare le sue decisioni senza esprimere la propria opinione, e che accetti di buon grado di soddisfarlo in qualunque modo lui richieda.

Non è difficile ottenere questo tipo di rapporto pagando, si potrebbe far loro osservare.”.

gay-pride-2009Questa è la nota di Elena De Paoli che, come si vede, non dà risposte ma espone fatti e formula ipotesi.  Ed una domanda latente, in particolare. Come se ne esce se se ne vuole uscire? Potremmo discuterne riflettendo se siete d’accordo.

Lorenzo.rm

srrtt

srrttttt


COMMENTI

Both comments and pings are currently closed.

  1. il 25 agosto, 2011 giovanna3rm dice:

    Questo è un argomento molto attuale e interessante, ma particolarmente duro e complesso. Tuttavia, poiché il fenomeno aembra esssere in costante crescita è il caso di rifletterci seriamente, per capire meglio le ragioni che lo determinano.
    Le considerazioni di Elena De Paoli sul “Perché gli uomini vanno con i transessuali” sono in gran parte condividibili, anche se paradossali.
    In realtà oggi l’uomo ha serie difficoltà di confrontarsi con le donne, in generale, con la propria compagna in particolare.
    Nel suo inconscio, non riesce ad accettare la consapevolezza femminile di non essere più un oggetto di sua proprietà, del quale poter disporre a suo piacimento, come è avvenuto per secoli. Da qui nasce la sua confusione nei rapporti di coppia, cresce la sua insicureza e il desiderio di trasgressione e di soddisfazioni alternative.
    Accompagnarsi con un Trans, anche da parte di un eterosessuale, come ci indica anche l’articolo, è psicologicamente più accettabile: egli potrà così rimuovere la sua latente omosessualità.
    In sostanza, è un quadro molto triste e preoccupante, comunque lo si consideri, poiché è indice di una fase di grande confusione.
    La scelta di omosessualità vera e propria sarebbe senz’altro più onesta, poiché ognuno è libero di esprimere la propria sessualità come meglio crede, senza ricorrere ad alternative ibride
    Detto ciò, non ritengo affatto di aver trovato la soluzione al problema: ho solo voluto esprimere la mia opinione.
    Ben vengano altre interpretazioni: sarò molto lieta di apprendere ulteriori sfaccettature del problema e confrontarmi.
    Lorenzo, hai fatto bene, comunque, a proporci tale argomento di discussione.

  2. il 25 agosto, 2011 lieve dice:

    E’ semplice!Lorenzo, basterebbe che l’uomo smettesse di pensare che la donna sia di sua proprietà,e che nn deve necessariamente soddisfare i suoi desideri…

  3. il 25 agosto, 2011 Lorenzo.rm dice:

    Mi ha impressionato recentemente l’intervista di Piero Marrazzo, l’ex governatore della Regione Lazio. Egli dice chiaramente che quella trans che frequentava lui era il non plus ultra della donne e che lui ci andava perché trovava un ambiente calmo e sicuro rispetto allo stress quotidiano. Ha ragione Lieve allora? Che l’uomo ricerchi nella donna “vera” delle cose che non può dargli visto che è cresciuta in dignità ed in tutti i sensi e non sopporta più di essere considerata un oggetto? Il fatto è, a parte le considerazioni del Marrazzo sulla femminilità della trans, che essa, per quanto femminile sia, ha quell’ingombro che userà se e quando ritiene. Ma l’argomento è complesso e rispondo in tal senso anche a Giovanna, che ringrazio.

  4. il 25 agosto, 2011 lieve dice:

    E’ lì che sbagli , lorè, il trans, l’ingombro lo userà solo se, e quando lo desidera l’uomo che l’ha conattato…Quindi userà anche lui, come sempre ha fatto con la donna.
    A mio parere, l’uomo deve imparare che non solo la donna, ma tutto ciò che lo circonda nn è suo,e non può usarlo quando e come gli pare…

  5. il 25 agosto, 2011 Lorenzo.rm dice:

    Sì, Lieve, il tuo ragionamento è convincente. In fondo si tratta sempre di strumentalizzazione da parte del maschio, il quale, peraltro, vorrà, ad un certo punto, che anche la trans faccia il maschio. Però, nell’atto di subire, che maschio è?

  6. il 25 agosto, 2011 lieve dice:

    UN MASCHIO VIZIOSO E VIZIATO LORè….E LA COLPA è NOSTRA CHE GLI ABBIAMO PERMESSO DI ESSERLO….AH! BENEDETTE DONNE….
    NATURALMENTE IL PROBLEMA è PIù COMPLESSO,CREDO CHE CI SIA DI MEZZO IL TESTOSTERONE E LA VOSTRA INCAPACITà DI GESTIRLO…LORè, DOVETE IMPARARE ANCORA MOLTO…
    NOI ABBIAMO IMPARATO PRESTO A GESTIRE L’ALLOPREGNENOLONE(PAROLONA)CON LE PILLOLETTE X NON FARLO ADDORMENTARE,VISTO CHE QUANDO SCOMPARE, CI RENDIAMO PROTAGONISTE IMPOSSIBILI PER 3 0 4 GIORNI PRECEDENTI AL CICLO…ABBIAMO IMPARATO AD ESSERE CARINE E DISPONIBILI ANCHE IN QUEI GIORNI… CI HANNO STUDIATO Sù, ED HANNO FATTO RICERCHE SU RICERCHE,PERCHè PER VOI ERA UN PROBLEMA…
    ORA VEDETE DI RISOLVERE ANCHE QUESTO VOSTRO PROBLEMA,CHE NN è ALTRO CHE L’INCAPACITà DI GESTIRE I VOSTRI NEURO-ORMONI
    (A MIO MODESTO PARERE, SI INTENDE). CIAO CIAO!

  7. il 25 agosto, 2011 ANGELOM dice:

    L’articolo di Elena De paoli, presentato da Lorenzo , pone, molte riflessioni e c’induce ad osservare il fenomeno, perché oggi è considerato un fenomeno in larga espansione, preciso che non ho nessuna critica da fare contro i tans, poiché vige in me sempre il principio, che ognuno è libero di disporre come crede del proprio corpo e i suoi comportamenti. Rispondendo alla domanda, perchè gli uomini vanno con i trans,forse, dico forse, perchè non ho mai avuto nella mia vita simili esperienze,quindi immagino, per provare una cosa nuova, una curiosità, forse alla ricerca di qualcosa di trasgressivo. Alcuni uomini eterosessuali preferiscono le trans alle prostitute perché con le prime non rischiano coinvolgimenti affettivi che potrebbero mettere in crisi la vita coniugale Molto spesso gli uomini che hanno per la prima volta un’esperienza con una transessuale, ne escono con sensi di colpa dovuti al ricordo dell’eccitazione provata, e si domandano se sono “normali”. Il timore è quello di avere una sessualità perversa, che gli crea vergogna. In ogni caso, l’uomo dovrebbe evitare di rivelare alla propria compagna che frequenta trans perché per una donna è difficile accettare questo lato della sessualità. Se l’andare con prostitute donne può essere considerato “normale”, frequentare trans pone molti interrogativi ai quali difficilmente una donna si da risposte perché mancano elementi di riferimento

  8. il 25 agosto, 2011 nikodireggio dice:

    buongiorno alla fine mi ritrovo un po con lieve un po con giovanna………….noi donne non abbiamo questo problema ne di andare a prostitute ne di andare a trans poi quello che dice marazzo fa ridere i polli quindi è tutto da ricerca nell’incoscio maschile ………………meditate

  9. il 25 agosto, 2011 Lorenzo.rm dice:

    Ecco, Nicoletta, sì, come uomini dobbiamo davvero meditare, porci dei quesiti e cercare di rispondere con verità. La ricerca della De Paoli ci costringe ad essere chiari con noi stessi. E questo non per fare i giudici o riprovare alcunché, in quanto, come dice Angelo, ognuno, riguardo al sesso, può fare le esperienze che crede. Ma capire, sì, e allora, poiché si tratta di un fenomeno in crescita, dobbiamo chiedere all’uomo cosa ritiene di trovare nella trans, una donna più compiacente delle donne vere (versione Marrazzo), un uomo con i panni da donna, un uomo vero e proprio a cui sottoporsi? Lieve è drastica: si tratta di non saper gestire i propri ormoni e l’uomo è disorientato e non sa che pesci prendere e certo troppo gli costa questo suo disorientamento se, per non essere in grado di stabilire un rapporto “normale” con le donne vere, si accontenta di avere rapporti con un altro uomo “vestito” da donna. E, a quanto mi dicono, questo travestimento da donna da parte della trans o del trans per essere più precisi, è del tutto formale se i famosi ormoni di cui parla Lieve ad un certo punto vogliono la loro parte. La verità è che, in materia di sesso ne dobbiamo davvero scoprire delle belle. Ma, per favore, non si dica che i trans sono donne, per il motivo semplicissimo che non hanno l’organo sessuale femminile ma quello, magari non voluto nel migliore dei casi, dei maschi.

  10. il 25 agosto, 2011 raf1.ce dice:

    A me’ piacciono solo le donne.E’ Bello vivere il mondo delle donne,con le sfumature..dovute

  11. il 25 agosto, 2011 Lorenzo.rm dice:

    Anche a me piacciono le donne, Raf, in tutte le loro sfumature. Ma il problema di cui ci stiamo occupando esiste e, come si rileva nel servizio della signora De Paoli, è in aumento. Perché?

  12. il 26 agosto, 2011 lucia1.tr dice:

    Argomento arduo e difficile da trattare, ignorante in materia non avrei saputo replicare a questa domanda di Lorenzo. Questa mattina ho letto in una rivista femminile un’intervista a Piero Marrazzo, coinvolto in maniera pesante in vicende scandalose, la domanda che la giornalista gli rivolgeva recitava così:” Che cosa cerca un uomo in un rapporto sessuale a pagamento con un transessuale?”. Marazzo afferma che i transessuali sono donne all’ennesima potenza, esercitano una capacità di accudimento straordinaria, spesso gli uomini oberati da impegni pesanti per le cariche che ricoprono, trovano in loro una presenza accogliente che non giudica e non ha aspettative. Forse si potrebbe fare anche un’altra ipotesi, l’uomo spesso da una donna vuole essere lasciato in pace, leggere il giornale, giocare con il pc, uscire con gli amici senza limiti di tempo, e così via… e proprio in questi rapporti trovano il consenso che la propria compagna non permette.

  13. il 26 agosto, 2011 nikodireggio dice:

    BUONGIORNO lorenzo vi costringe ad essere chiari con voi stessi………..io che sono donna nopn ho capito bene perche vanno a trans……….forse perche le gusta che non sono ne uomo ne donna……anche se il fenonomeno aumenta vuol dire che?
    CE DISORIENTAMENTO? che cosa si cerca? COSA SI VUOLE? NON SAPREI DEVE CJHIARIRSI L’UOMO E NON LA DONNA DA COME HO CAPITO NON SONO LE DONNE CHE CI VANNO QUINDI CE DA MEDITARE

  14. il 26 agosto, 2011 giovanna3.rm dice:

    Lucia, ti capisco perfettamente: l’argomento è molto arduo, complesso, pieno di contraddizioni, di timori…. L’uomo, ormai, ha il terrore di misurarsi con se stesso, ma soprattutto con la propria compagna, allora sfugge e si rifugia in ogni tipo di trasgressione…..
    Le dichiarazioni di Marrazzo, poi, mi lasciano basita. Ma come, in una pseudo-donna,costruita col bisturi, trova tutta la femminilità alla massima potenza?…..senza considerare il piccolo particolare che sempre uomo è….. e poi tutte queste manifestazioni superlative sono ottenute a pagamento, lo vogliamo dire? Che bei sentimenti di generosità….le sue parole esprimono un egoismo folle, incomprensione verso gli altri ecc.ecc.
    Un caro saluto Lucia.

  15. il 26 agosto, 2011 Lorenzo.rm dice:

    Grazie, Lucia, del tuo commento. Sì, è molto probabile che l’uomo, indaffarato, occupato in tante direzioni, cerchi un “non rapporto” con la donna, dimenticando che uomo e donna sono nati per stare insieme, per essere il complemento l’uno dell’altra sul piano dei rapporti fondamentali dell’essere. E allora che dire? Sì, Lucia, è possibile, possibilissimo che, in questo anelito di “pace” cui aspira, egli non faccia posto alla donna. Rimane il fatto che realizza un rapporto di quiete con una donna solo apparente, che non è donna. Ripeto, lungi da me ogni voglia di giudicare, ma è certo strano che un uomo escluda la donna, parzialmente o totalmente dalla sua vita sessuale e sentimentale.

  16. il 26 agosto, 2011 Lorenzo.rm dice:

    Sì, Nicoletta, è l’uomo che deve meditare su se stesso. Di primo acchito mi verrebbe da dire che,invece di chiarirsi, egli ha compiuto intanto una scelta comoda, quella di non chiarirsi e di trarre vantaggio da una situazione che comunque lo vede predominante, dandole un’apparenza di serietà che non lo salva dalla necessità di approfondimento con se stesso che non può tardare. Lo vuole la donna e lo vuole l’uomo stesso. Le situazioni incominciano, vanno avanti, si consolidano e alla fine si accettano. Così è il mondo e così sia. Ma che vuole l’uomo davvero? Non potendo più avere la donna al suo guinzaglio la sostituisce con una donna finta? Magari dicendo che solo lei ne capisce le esigenze e i desideri?

  17. il 26 agosto, 2011 Lorenzo.rm dice:

    E per giunta la paga?

  18. il 26 agosto, 2011 Lorenzo.rm dice:

    Grazie, Giovanna.

  19. il 26 agosto, 2011 marisa8.bs dice:

    tutto vero e legittimo quello che ho letto nei commenti , ma non sarà, diventata una moda uscire dagli schemi del vivere comune, tutto per sentirsi diversi e far parlare di se,

  20. il 26 agosto, 2011 Lorenzo.rm dice:

    Certo, Marisa, è una delle ipotesi: uscire dagli schemi, fare i trasgressivi, ecc. Ci può essere anche un interesse di tipo omosessuale. La cosa non chiara è quella di un eventuale, mascherato, rapporto succedaneo uomo-donna. Questo non potrebbe essere se non su un piano mentale da parte dell’uomo. Intanto, mi sembra che ci siano due punti fermi: si tratta di un rapporto mercenario; si tratta di un rapporto fra persone dello stesso sesso.

  21. il 26 agosto, 2011 scoiattolina dice:

    LORENZO ..PERCHè??? LORENZO è VERO QUESTO FENOMENO è SEMPRE + EVIDENTE X NN DIRE CHE ORMAI è UNO STILE DI VITA DI TRASGESSIONE , PRIMA C’ERANO MA MAGARI PER NN ESSERE VISTI COME DIVERSI O MALATI O SI DIVENTAVA PRETI O CI SI SPOSAVA NASCONDENDOSI DIETRO MATRIMONIO…..ORA è COSI TROPPO ENORME LA COSA CHE MI DOMANDO STARANDO SEGUENDO UNA MODA MOLTI UOMINI GAY SI VEDONO E SONO PALESI …MA ANDARE CON UN TRANS è TRASGRESSIONE NN VEDO ALTRO UNA MODA DEL MOMENTO

  22. il 26 agosto, 2011 Lorenzo.rm dice:

    Appunto, Sabrina, è una delle ipotesi. Solo che l’uomo non può dire che sta andando con una donna ma con un altro uomo. E, se esistono i trans, cioé gli uomini-donne, ci sarà una domanda oltre che un’offerta, e, come per tutte le leggi dell’economia, il prezzo sarà quello che fa incontrare domanda e offerta. Non dovremmo parlare d’amore, in ogni caso, ma di attrazione sessuale e pure abbastanza originale perché non è semplice rapporto omosessuale: in questo caso c’è anche l’apparenza di un finto rapporto uomo-donna che assume un certo rilievo. Comunque, è certamente un fatto degli uomini, che nella loro mente costruiscono mondi fantastici.

  23. il 27 agosto, 2011 lieve dice:

    L’hai detto , lorè, rispondendo a Nicoletta: “non potendo avere la donna al suo guinzaglio, la sostituisce con ina donna finta”…. e la paga perche capisca e soddisfi i suoi desideri….
    Hai capito Lorè, chi è l’omo??
    Nonostante ciò , lo adoro, sa farsi amare , l’uomo , anche quando è mascalzone!!!

  24. il 27 agosto, 2011 roberto dice:

    l’argomento è al quanto scabroso e delicato,tutti penzano di avere una risposta,ma in realtà il fenomeno è al quanto difficile da capire.le deviazioni sessuali sono molte,ci sono i feticisti,che non riescono a far l’amore se la compagna non indossa un particolare indumento,cisono i necrofili,che ànno il gusto dell’orrido,e ci sono i pedofili che sono quelli più odiosi e schifosi di tutti.penzo che alcuni uomini vadano con i trans per provare sensazioni nuove e più eccitanti.premetto che condanno ogni forma dideviazione sessuale,ma mi sforzo di capire le loro ragioni,e ne deduco che in fondo è gente malata e quindi da curare.io amo le donne con le fumature… dovute come dice raf e spero di non avere mai problemi di questa natura.

  25. il 27 agosto, 2011 nikodireggio dice:

    buongiorno alla fine non ne veniamo a capo lo sapranno ben chi frequenta le trans facciamo loro un appello al genere maschile…………forse questi uomini si sentono trasgressivi di che? ALLA FINE LE STORIE SI RIPETONO SIN DAI TEMPI ANTICHI GIRANO COME LA MODA COSA DIRE PERCHE è UN FENOMENO IN AUMENTO NON ME LO SPIEGO……

  26. il 27 agosto, 2011 carlotta dice:

    A mio avviso, la parola è : TRASGRESSIONE
    C’è anche chi. E sono la maggior parte deglio uomini, cerca di minimizzare
    Nessuna autoanalisi spietata sul proprio orientamento sessuale. Poca voglia di guardarsi dentro. E pochissima intenzione di assumersi le proprie responsabilità di fronte a una scelta che attiene comunque alla propria sfera di libertà intima (finché non ci sono ipotesi di reato, ovviamente).
    Vado coi trans? La colpa – sostengono molti uomini – è delle mogli, che non sono abbastanza disinibite.
    Allora, per capirne qualcosa di più senza cadere nei soliti pregiudizi e giudizi dei cosidetti “normali” che tendono comunque a generalizzare e a ghettizzare aspetti e realtà riguardanti la sfera intima e sessuale delle persone cosidette “diverse” penso sia utile ascoltare la voce di chi, invece, questa realtà la vive, anche con una sorta di timori e paure:
    “È da tempo che ho fantasie sessuali sulle ragazze trans… anche passive… però non farei mai lo stesso con un ragazzo. Ho una sorta di omosessualità repressa o cose del genere? “
    “…Sono andato con un trans perché ero stanco di correre dietro alle donne, che fanno un sacco di complicazioni per “un’ora d’amore”, della moglie che non vuole più avere rapporti, delle p…e che non fingono nemmeno il desiderio. Insomma mi sono stancato delle donne e, pur essendo etero, ho voluto fare un’esperienza diversa. Come mi sono trovato? Benissimo, perchè il trans, rigorosamente brasiliano, unisce i pregi della femmina e quelli del maschio, sa davvero come far godere un uomo e non la mette giù dura.”
    “…Io sono un maschio e credo che andare con un trans sia solo una forma di trasgressione. Sono fidanzato e andare con la mia ragazza mi piace parecchio. Lo ammetto che tempo fa ho iniziato a guardare filmati porno con trans. All’inizio la cosa mi faceva un po’ senso poi dopo invece ha cominciato ad intrigarmi fino a tal punto che ci sono cascato anche io e ci sono andato veramente. (…) Ci sono andato perchè volevo vedere cosa si provava a subire invece che dare. Non le ho mai detto niente per vergogna ed orgoglio ma mi piacerebbe andarci ancora per provare ancora delle sensazioni che lei non mi puo dare. Sono etero e credo che chi va con le trans è solo per piacere”

    (testimonianze estrapolate da un forum su Facebook)

    Spiegava una transgender intervistata a L’Infedele :
    “Gli uomini vengono da noi anche per parlare dei loro problemi, in famiglia o sul lavoro. Certo che ci facciamo pagare, ma nessuna prostituta sa ascoltare come facciamo noi. Perché le trans li capiscono davvero, i loro clienti maschi”.

    Ce n’è ben donde su cui riflettere, non vi pare?

  27. il 27 agosto, 2011 Lorenzo.rm dice:

    Lieve, ti ricordi che in Italia c’è stato un famoso film: “Gli uomini che mascalzoni”? Ma lo sono davvero, questi uomini, che, non potendo più dominare una donna vera, se ne sono costruita una finta al loro completo servizio?

  28. il 27 agosto, 2011 Lorenzo.rm dice:

    Roberto, grazie del tuo pensiero. Hai visto che, in considerazione della delicatezza dell’argomento, non abbiamo espresso giudizi. Certo, nel campo delle “trasgressioni” sessuali, se ne vedono di tanti tipi, ma ritengo che la costruzione di un modello “donna finta” con il quale realizzarle,le trasgressioni, sia il non plus ultra della fantasia degli uomini. Che simpatici!

  29. il 27 agosto, 2011 Lorenzo.rm dice:

    Nicoletta, perché il fenomeno sia in aumento non me lo spiego neanche io, ma è così, e se esso fa parte delle trasgressioni (perversioni), non siamo messi bene. Ciò vorrebbe dire che è sempre l’uomo a dominare il sesso e che, non essendo capace di coinvolgere la donna in termini soddisfacenti e “paritari”, l’ha sostituita col modello “non donna con l’apparenza di donna”.

  30. il 27 agosto, 2011 Lorenzo.rm dice:

    Grazie, Carlotta, del tuo intervento, così informato e riflessivo. Quindi, questo dei trans non è un argomento da scherzarci su ed è quello che abbiamo pensato nel proporre l’articolo della De Paoli. Non è uno scherzo perché, volente o nolente, per le ragioni che Carlotta stessa enuclea, il rapporto uomo-trans è in realtà un rapporto dell’uomo con se stesso (vedete tutti gli esempi che Carlotta enuclea)e non un rapporto uomo-donna, che viene accantonato, nel caso migliore, o addirittura rifiutato, e sostituito con un “alter ego” maschile travestito da donna. E’ qui che il gioco non lo è più: direi, in parole povere, all’uomo: ma se hai il diritto di fare tutte le esperienze di sesso che vuoi, in definitiva di natura omosessuale, dovevi proprio mettere di mezzo la donna per rifiutarne l’intima natura, sostenendo addirittura che si “sta meglio”, per un motivo o per l’altro, con la trans o, per meglio dire, con “il trans”, visto che egli continua ad avere quell’ingombro di cui ho parlato al posto di quell’altro più caratteristico tipico della donna? Ma di che cosa stiamo parlando, signori? Forse di un arretramento mentale degli uomini? E se il fenomeno è in aumento dove si va?

  31. il 28 agosto, 2011 bonollo giosuè vi dice:

    x me la colpa è anche delle donne di nuova generazione che non soddisfano piu’ i giovani ,POI i trans si sono inventati un lavoro x conbattere le prostitute ,e poi guadagnano molto, a me piace sempre la donna con la gonna è mom farei mai l’eperienza di un trans neanche se mi pagano a peso d’oro www viva le vere donne con le gonne, ,

  32. il 28 agosto, 2011 Lorenzo.rm dice:

    Giosué, la tua simpatia è fuori di ogni discussione. Ripeto con te: evviva le donne con le gonne!

  33. il 29 agosto, 2011 rosa.bs dice:

    io penso solo che l’uomo ce l’ha incollata sempre sulla fronte,,la maggior parte pensa solo alle sue soddisfazioni, non pensa alla donna!!!!! in quanto vada sia a prostitute che con i trans, a me viene il vomito solo a pensarci,,,non sarebbe più il mio uomo.ed è una discriminazione x la donna.ciao lorenzo e scusa x il mio sfogo.

  34. il 29 agosto, 2011 Lorenzo.rm dice:

    Rosa, nessuna scusa, ti prego. Noi abbiamo cercato di sviscerare un problema senza prendere posizione, come è ovvio, tanto più in una situazione che coinvolge la libertà di ognuno. Quanto ai rapporti fra partner, i tuoi sentimenti sono legittimi e “puliti”. Tante grazie, Rosa: il tuo è un richiamo meraviglioso alle leggi, scritte e non scritte, dell’amore.

  35. il 30 agosto, 2011 bonollo giosuè vi dice:

    qualche colpa di tutti questi trane,force la colpa principale è della donna che ha voluto la parità, é ha perso la vera femminilita’ ????

  36. il 30 agosto, 2011 Lorenzo.rm dice:

    Giosué, tutto può essere ma io non tratterei il problema in termini di colpa. Non potrebbe essere anche colpa dell’uomo che sta perdendo la sua mascolinità?

  37. il 01 settembre, 2011 lieve dice:

    … e te pareva che la colpa nn era nostra??
    Caro Giosuè, guardatevi dentro e ingoiate il rospo, perchè in voi c’è anche una componente femminile,anche se non vi va di ammetterlo…Giosuè, il maschio sessualmente non è risolto!
    Noi siamo più avanti di voi, ameno in questo…vedi lo stalking, e la pedofilia, non sono fenomeni maschili??
    e non dite che la persona che va coi trans sia etero completamente, (come dice Marrazzo)…chi ci va , prima o poi diventa passivo, perchè vuole trasgredire,e gli piace provare cose nuove… Prendetevi le vostre sesponsabilità uomini , è l’ora!!!

  38. il 01 settembre, 2011 Lorenzo.rm dice:

    Sì, ognuno si prenda le sue responsabilità e sia chiaro/a con se stesso/a. E ciò vale per uomini e donne.

  39. il 01 settembre, 2011 lieve dice:

    Lorèèèèèèèèè!!!!!!! tu mi stuzzichi…. Nun me fa di…..

  40. il 01 settembre, 2011 bonollo giosuè vi dice:

    lieve allora tu non hai mai conosciuto i veri gentil’uomini è poi ci sono anche le donnelesbiche che fi fanno tanto onore ,che ne dici lieve ciao non arrabiartid

  41. il 01 settembre, 2011 Lorenzo.rm dice:

    Non arrabbiamoci e chiacchieriamo sempre come buoni amici.

  42. il 01 settembre, 2011 lieve dice:

    Giosuè, le percentuali …. guarda le percentuali!!!
    Ti dico che è un vostro problema,risolvetelo, e accettate di essere quello che siete,coi vostri limiti, e non pensate di essere migliori di noi, non lo siete…
    Con affetto!

  43. il 01 settembre, 2011 lieve dice:

    Smakk Lorè non potrei mai arrabbiarmi con te

  44. il 01 settembre, 2011 Lorenzo.rm dice:

    Amici miei, non sembra quasi vero, ma abbiamo ragionato, scherzato, dissentito l’un l’altro senza litigare in merito ad un problema difficile. Così dovrebbe essere sempre. O no?

  45. il 05 dicembre, 2012 ale dice:

    Ho 30anni, sono etero , la verità una volta hai 18,19 anni dopo una notte di festa, avevo voglia di sesso e non avendo una ragazza mi son fermato in una zona di prostituzione.
    Una volta entrata in macchina la prostituta ci siamo appartati li mi son dato conto che non era una donna sennò un trans, son rimasto stupito non ne avevo mai visto uno,
    (dopo tutti questi anni non ricordo la faccia ma per averla fatta salire in macchina sicuro l’avevo presa per una donna)
    La mia reazione è stata di dirgli di scendere dalla macchina, e lei o lui mi domandava perchè allora l’avevo fatta entrare, così gli spiegai che pensavo fosse una prostituta, così mi domandò que volevo fare con una prostituta e che lei non poteva farmi, così dopo un pò ho ceduto e mi ha fatto un orale.
    Son passati 11 anni d’allora, non ho mai ripetuto con un trans, però questa storia mi ha fatto imparare una cosa a controllare sempre, prima di far entrare una prostituta in macchina.
    Parlando se mi è piaciuto o no (la esperienza l’orale), che posso dire nessuna donna lo farà mai come lo fa un trans, come sicuramente un orale lo sa fare meglio una ragazza lesbica ad una donna che un uomo.
    Dopo tanti anni finalmente mi son sistemato, zero feste quindi vuol dire anni senza bere fumare.. non vado a prostitute da anni.
    (Prima ci andavo per necessità fisica, per esempio quando non si ha una fidanzata).
    Son passati anni oramai ho trovato una ragazza ke mi ama, a lei gli ho raccontato tutto pure la esperienza con il trans.
    Non so si dice che l’uomo ha il punto g nell’ano, vabene, e perchè allora se non si a voglia di stimulare questa zona non lo si chiede alle proprie mogli o fidanzate? Vendono tanga con vibratore come se fosse un pene, lo usano abitualmente le coppie lesbiche per fare sesso però lo può pure usare una moglie con suo marito. Sempre che le piaccia
    Per il tema di questi ultimi giorni con i trans sono INCAZZATISSIMO.
    Oramai si dice che tutti gli uomini infondo son gay, ma se ci son tanti gay che si fanno passare per etero perchè bisogna dire che tutti gli uomini son gay , che non siamo più il sesso forte, io mi sento offeso.
    Dicono che il 40% degli uomini preferiscono i trans alle donne? un altro 10% son gay allora perchè dire ke il restante 50% è nel fondo gay,
    (lo dicevo già anni fa scherzando “tutta questa libertà porterà l’uomo e la donna in una nuova scala evolutiva: tutti hermafroditi”, guarda caso alla prima parte della trasformazione si sta parlando ultimamente con tutti i gay nascosti che vanno a trans)
    Io come uomo mi sento umiliato per come ultimamente i media e le donne pensano di noi uomini, per colpa di tanti gay sentirmi dire che nel fondo lo sono anche io mi da tanta rabbia e mi sento impotente,Mi piacciono le donne e il giorno che voglio provare gusto nel mio punto g lo chiederò a la mia ragazza o senò al esame della prostata, ma poi perchè non si parla allora di scandalo se poi anche la maggior parte delle donne sono lesbiche o hanno avuto rapporti almeno una volta nella vita con un altra donna.
    Io vivo fuori d’Italia qui pure è pieno pieno di gay, lesbiche e di transessuali, e ne conosco tante di lesbiche. Credo veramente che ogni volta ci sono sempre più gay e lesbiche perchè l’uomo non trova nella donna qualcosa, qualcosa che non c’è più, e le donne lesbiche? lo stesso viceversa nel uomo non trovano qualcosa che invece può darli una donna, questo è il fine del sesso uomini che non reggono, sopportano più le donne, e le donne che non reggono più gli uomini. Quando ero piccolo e guardavo la tele non c’erano tutti sti gay e pu****e,sullo schermo, è normale che oggi giorno la gente o i bambini peggio ancora non ci capiscono più niente. c’è una attrice porno in politica un travesti e un gay (sembra una barzelletta ma son politici veri italiani no?), matrimoni gay, serie televisive con gay presentatori gay già e risaputo che la maggiopparte della gente crede più nella tele che in quello che vede, questa è la educazione che riceviamo o insegnamo hai bambini.
    Chiedo scusa se son sembrato maschilista o omofobo, ma ultimamente la donna non è che ha perso la sua femminilità, anzi a preso il peggio della masculinità dal uomo e questo credo che la converte in femminista, e magari tanti uomini per evitare lotte si rifugiano tra le braccia di qualche trans ke lo vedono come donna, femminile ma no feminista.
    Una ultima cosa ma se tanti sono gay perchè vanno con trans che è simile ad una donna invece di andare con un uomo?
    Io come dicevo prima l’avevo caricata in macchina per errore, poi si è vero mi son lasciato fare un orale ma è stata l’unica esperienza e non ci trovo niente di gay non trovo atrazione in un uomo e manco in sogno mi farei fare un orale da un uomo.
    Con questo vi lascio, quello che volevo dire è che sono INCAZZATISSIMO e che non tutti gli uomini siamo gay
    ciao

  46. il 24 novembre, 2014 lara dice:

    ho letto tutto e sono colpita dall’argomento. lorenzo di cosa ti occupi nella vita?sono molto attratta dal tuo modo di porti…