Archive for luglio 24th, 2011

ATTENTATO A OSLO

ATTENTATO A OSLO

"Ho agito da solo, un atto atroce ma necessario"

"Atto atroce ma necessario"

C_2_articolo_1016525_imageppAnders Behring Breivik, l'uomo arrestato per le stragi in Norvegia, ha detto alla polizia che gli attacchi sono stati un atto "atroce ma necessario". Lo hanno riferito i suoi avvocati, aggiungendo che l'uomo aveva pianificato il duplice massacro "da diversi mesi". Breivik spiegherà tutto in tribunale nell'udienza prevista per lunedì, quando il giudice dovrà decidere se rimetterlo in libertà o confermare la custodia in carcere.

"97 feriti, 92 vittime, ancora imprecisato numero dispersi"

I feriti nei due attacchi in Norvegia sono 97. Lo ha detto oggi il capo della polizia norvegese, Sveinung Sponheim. Il bilancio dei morti resta fermo a 92 vittime, 85 sull'isola di Utoya e sette a Oslo. Resta indeterminato il numero dei dispersi.

C_2_fotogallery_1004421__ImageGallery__imageGalleryItem_3_imageC_2_fotogallery_1004421__ImageGallery__imageGalleryItem_8_imageC_2_fotogallery_1004421__ImageGallery__imageGalleryItem_5_imageC_2_fotogallery_1004424__ImageGallery__imageGalleryItem_3_imageC_2_fotogallery_1004424__ImageGallery__imageGalleryItem_1_imageC_2_fotogallery_1004423__ImageGallery__imageGalleryItem_9_image

Trovato il memoriale di Breivik

"Io, il più grande mostro dalla Guerra Mondiale"

L'autore del duplice attentato di Oslo sta collaborando con gli inquirenti. Lo ha detto un portavoce della polizia di Oslo, Viola Bjelland. Stando al suo avvocato, Geir Lippestad, l'assassino ha parlato di un'azione "necessaria". Breivik stava preparando gli attentati almeno dall'autunno del 2009, secondo quanto scritto su un documento di 1500 pagine che lui stesso ha pubblicato su Internet. Nel memoriale, intitolato A European Declaration of Independence - 2083, il norvegese spiega nei dettagli i preparativi della spedizione, invocando "l'uso del terrorismo come mezzo per risvegliare le masse", e dice di aspettarsi di essere ricordato "come il più grande mostro dopo la Seconda Guerra Mondiale". Emergono anche contatti con l'estrema destra Inglese. Intanto il numero delle vittime, oltre 90, potrebbe salire. Alcuni feriti sono infatti in fin di vita.

Il Libro di Anders contro il marxismo e l’Islam

OSLO - Anders Behring Breivik, il terrorista di Oslo, venerdì scorso ha inviato il suo manifesto - un libro di 1500 pagine in cui invoca una rivoluzione europea contro il marxismo, l'islam ed il multiculturalismo - ad alcuni politici dell'estrema destra finlandese. Tra i destinatari, la parlamentare di Tampere del partito dei Veri finlandesi, Terhi Kiemunki. Lo rivela un quotidiano di Helsinki, Iltalehti, secondo il quale Breivik ha spedito il suo manifesto (intitolato '2083 - Dichiarazione europea di indipendenzà) alle 14.20 di venerdì scorso, ovvero appena un'ora prima dell'esplosione che ha sconvolto il centro di Oslo e tre ore prima di attaccare l'isola di Utoya dove ha massacrato oltre 80 giovani attivisti del partito laburista. Il partito dei veri finlandesi nel marzo scorso è balzato al 19% diventando la terza forza politica del Paese. Ha, tra l'altro, una linea politica decisamente antieuropeista.

LA NOSTRA SOLIDARIETA' ALLE FAMIGLIE DELLE VITTIME

La fonte di questo articolo è : TG-COM

UNA STATUA GIUNTA DAL MARE !!

buona estate arancio

fiori

Anno 1370, nella cala prospiciente il colle di Bonaria a Cagliari una cassa veniva sballottata dalla furia del mare in tempesta. I pescatori, più volte, fino 34885_3all’esaurimento, tentarono il recupero del relitto ma senza riuscirci. Chissà per quale disegno Divino l’impresa riuscì ai frati della vicina Chiesa della Mercede che videro la cassa fermarsi sulla battigia davanti ai loro piedi mentre erano assorti ad osservare con apprensione i tentativi dei pescatori. Si racconta che i frati sollevarono la cassa senza alcuno sforzo e la portarono nella loro chiesa.  La leggenda vuole che all’apertura della cassa fu trovata la statua della Madonna che teneva in mano un cero ancora acceso.

Da qui iniziò il culto e la venerazione della Madonna di Bonaria, patrona massima della Sardegna e protettrice dei naviganti in tutto il mondo.

Passano gli anni: 1492 data storica della scoperta dell’America.

241Nel secolo successivo iniziano i primi flussi migratori dei colonizzatori europei verso il nuovo mondo e l’effige della Madonna di Bonaria accompagnò molti migranti nella lunga e travagliata traversata oceanica.

Le vicende storiche di Buenos Aires, capitale dell’Argentina,  raccontano che la città fu fondata per la prima volta il 2 febbraio 1536 dai primi insediamenti europei, in prevalenza italiani e spagnoli e una minoranza di  tedeschi, greci, portoghesi, francesi, scandinavi ecc.- Si attribuisce jsd008allo spagnolo Pedro de Mendoza l’assegnazione del nome di Ciudad del Espíritu Santo y Puerto Santa María del Buen Ayre ma certamente, nell’attribuzione del nome, grande  influenza ebbe la presenza degli italiani e dei sardi in particolare.

La seconda e definitiva fondazione fu nel 1580 col nome di Ciudad de la Santísima Trinidad y Puerto de Nuestra Señora de los Buenos Aires: è confermato che la città fu battezzata con questo nome in onore del santuario di Nostra Signora di Bonaria di Cagliari in Sardegna.

Ecco come la vicenda storica viene riportata in versi dal nostro stimato amico  poeta Ottorino Mastino.

Giuseppe3.ca

fiori

Le statue sante giunte dal mare

Nostra Signora di Bonaria

Tra nubi d’uragano

e di tempesta,

244fa87ele onde cullavano una cassa,

sino alla battigia

del Colle di Bonaria.

La cassa andava e veniva

e i pescatori non riuscivano

a prenderla.

Solo i frati Mercedari

raggiunsero lo scopo,

e afferratala senza sforzo,

la portarono alla chiesa.

Colpiti furono,

aprendo la grossa cassa,

cr0lm0tk2mwdi trovare una sublime

statua della Madonna,

con in mano ancora

il moccolo acceso.

Oggi la Vergine di Bonaria,

a tutti i sardi offre

soccorso, conforto

e protezione.

Ricordando

la Madonna di Bonaria,

i nostri emigranti

nel cammino della speranza,

oltrepassando gli oceani,

raggiunsero

i margini sconfinati9gwopc240x254

delle Pampas,

diedero origine alla Capitale

dell’Argentina:

Buenos Aires,

Con ricordo e amore grande,

per la sarda Madonna di Bonaria.

Ottorino Mastino

14t0lf6.jpg

fiori

giuseppe