Archive for luglio, 2011

BUONA DOMENICA

domenicarossoglitterredql9

butterflies-6


Per uno spirito poetico ogni ulteriore parola potrebbe essere superflua perciò vi lascio alla purezza dei versi del nostro grande amico Ottorino e auguro buona lettura a tutti.

butterflies-6

CHI E` IL POETA?

Il poeta oggi

agli altri porge

0287

i suoi liberi versi

senza regole

con o senza rime

e il suo mondo rivela.

È lo specchio vivo

della mente

con giochi di parole

seguendo un fantastico

viaggio di una visione

interessante.

1034587khr4xxmzmtC’è sempre qualcuno

che elude, sfugge

le voci poetiche

libere o metriche,

perché inutili

le crede

fuori dal tempo.

Che ne sarà di colui0288

che la musica dell’anima

ignora?

Egli non sa che la poesia

è “autoterapia”

la poesia è vita

e avvicina gli uomini a Dio.

Ottorino Mastino

butterflies-6


Per il sorriso della domenica aggiungo e concludo con un pensiero di B. Laurence:

“Alcune donne preferiscono essere belle piuttosto che intelligenti.

Non hanno tutti i torti, alcuni uomini hanno la vista più sviluppata  del cervello”.

Giuseppe

butterflies-6

ALTA VELOCITA’ !!

gttttt

ertyyyy

Appunti sull’alta velocità


L’ho letto sul Corriere della Sera Sette del 14 luglio,  a pag. 22, questo articolo di Massimo Mucchetti.  Mi è piaciuto molto e voglio sottoporlo all’attenzione degli amici del Bosco.


Lo trascrivo, appunto, velocemente:

1“ Si può ragionare di alta velocità in Val di Susa senza scadere negli opposti estremismi di chi vede in ogni critico del progetto un complice dei Black Block e in ogni sostenitore un nemico delle Alpi? Si può, anzi si dovrebbe nell’Italia facile alla revisione delle sue chiacchiere, che boccia il nucleare dopo aver passato i primi tre anni della legislatura a usare l’atomo contro l’avversario politico senza fare nulla in realtà. Ecco dunque una traccia di discussione.

a) Le rinomate ferrovie svizzere hanno avviato il traforo del Gottardo (termine nel 2017), e devono cominciare la tratta tra 2Bellinzona e Lugano (termine 2019), senza aver ancora deciso come attraversare il lago e arrivare a Chiasso. Sulla Val di Susa abbiamo idee poco chiare? Vero. Chiariamocele senza perderci nelle autodenigrazioni retoriche. Meglio se lo faremo assieme ai francesi ancora privi di un progetto preciso per il collegamento da Saint Jean de Maurienne a Lione.


b)
Ricontrolliamo le previsioni sul traffico merci. In Francia sta crollando causa la riduzione delle tratte in perdita da parte di Sncf e il cambiamento delle cose da trasportare.
alta_velocita01c) Verifichiamo se valga sempre la pena di scavare due tunnel, uno per i passeggeri l’altro per le merci, più uno di sicurezza con la pendenza bassa e la lunghezza massima necessarie al traffico pesante o se il progetto non meriti una revisione. Finora abbiamo speso circa 300 milioni. Ne servono 36 volte tanti all’Italia e altrettanti alla Francia. E la UE dà aiuti per 671 milioni, non di più.
3d) Il corridoio 5, che collega la Spagna mediterranea all’Italia e all’Est Europa, arriva a Marsiglia e poi risale a Lione per ridiscendere a Torino e infilarsi sull’asse per Trieste. Lo vollero il Presidente Georges Pompidou e dal mondo Fiat. Resta una buona scelta o magari è meglio stare sulla costiera (dove buona parte delle opere sarebbe già pronta) e passare da Genova, prima piattaforma merci italiana, e raggiungere poi il corridoio 5 per collegarsi via Sempione e Gottardo, e senza intasare Milano, ai corridoi strategici per Amburgo e Amsterdam?
eurostar1e) Ripassiamo infine la storia locale. Come andò con l’autostrada e il traforo del Frejus e quali rapporti intercorrono tra chi guida comunità montane ed enti locali e la concessionaria? Dovessimo scoprire che l’alta velocità in Val di Susa non è più una priorità e che in Francia si arriva anche da Ventimiglia e dal Sempione, via Svizzera, credo che il Ministro Tremonti non si offenderebbe.”.


Se l’Italia fosse un paese normale si ragionerebbe invece che urlare.

Visto che nessuno lo fa vogliamo farlo noi di Eldy?

Lorenzo.rm

derrr


AUGURI FUVLIAAAAAAAAAAAAAAAA !!

……ANCHE SE IN RITARDO

VOGLIAMO FARE

GLI AUGURI AD UN AMICA……

BUON_COMPLEA_06919

FULVIABG_06865

da_tutti__07052

gli_amici_07132di_Eldy_e_07342del_Bosco__07375

torta-farfalle

BUON_COMPLEA_06919

fiori-5001

RIFATTE GLI OCCHI …….

VEDI UN PO’ CHE BELLOCCIO QUESTO !!

Immagine anteprima YouTube

Un altro lutto Italiano !!

27886

Lutto_Italia_27828

27886

Afghanistan: ucciso un paracadutista Italiano

ansa155197411004143528_big08:36 – Un soldato italiano, il caporalmaggiore David Tobini, è rimasto ucciso in uno scontro a fuoco avvenuto nella zona di Bala Murghab in Afghanistan. Nella sparatoria sono rimasti feriti altri due militari italiani, uno dei quali è in gravi condizioni, il secondo non sarebbe in pericolo di vita. I tre appartengono al corpo dei paracadutisi. Lo comunica lo Stato maggiore della Difesa. Sale a 41 il numero dei militari italiani caduti in Afghanistan.Il primo caporalmaggiore Tobini era nato a Roma il 23 luglio 1983 ed era in forza al 183ø reggimento paracadutisti “Nembo” di Pistoia. Non sono state rese note le generalità dei feriti. Le famiglie del militare deceduto e dei feriti sono state avvisate.

La valle di Bala Murghab si trova nell’ovest dell’Afghanistan. L’episodio è avvenuto durante un’operazione congiunta tra militari italiani e forze afghane nella zona a nord-ovest della valle, quando l’unità nella quale erano presenti anche i militari italiani è stata attaccata. L’attacco ai militari italiani è avvenuto durante una fase di ripiegamento al termine di un’attività di controllo e ricerche.

iuy

27886

ATTENTATO A OSLO

ATTENTATO A OSLO

“Ho agito da solo, un atto atroce ma necessario”

“Atto atroce ma necessario”

C_2_articolo_1016525_imageppAnders Behring Breivik, l’uomo arrestato per le stragi in Norvegia, ha detto alla polizia che gli attacchi sono stati un atto “atroce ma necessario”. Lo hanno riferito i suoi avvocati, aggiungendo che l’uomo aveva pianificato il duplice massacro “da diversi mesi”. Breivik spiegherà tutto in tribunale nell’udienza prevista per lunedì, quando il giudice dovrà decidere se rimetterlo in libertà o confermare la custodia in carcere.

“97 feriti, 92 vittime, ancora imprecisato numero dispersi”

I feriti nei due attacchi in Norvegia sono 97. Lo ha detto oggi il capo della polizia norvegese, Sveinung Sponheim. Il bilancio dei morti resta fermo a 92 vittime, 85 sull’isola di Utoya e sette a Oslo. Resta indeterminato il numero dei dispersi.

C_2_fotogallery_1004421__ImageGallery__imageGalleryItem_3_imageC_2_fotogallery_1004421__ImageGallery__imageGalleryItem_8_imageC_2_fotogallery_1004421__ImageGallery__imageGalleryItem_5_imageC_2_fotogallery_1004424__ImageGallery__imageGalleryItem_3_imageC_2_fotogallery_1004424__ImageGallery__imageGalleryItem_1_imageC_2_fotogallery_1004423__ImageGallery__imageGalleryItem_9_image

Trovato il memoriale di Breivik

“Io, il più grande mostro dalla Guerra Mondiale”

L’autore del duplice attentato di Oslo sta collaborando con gli inquirenti. Lo ha detto un portavoce della polizia di Oslo, Viola Bjelland. Stando al suo avvocato, Geir Lippestad, l’assassino ha parlato di un’azione “necessaria”. Breivik stava preparando gli attentati almeno dall’autunno del 2009, secondo quanto scritto su un documento di 1500 pagine che lui stesso ha pubblicato su Internet. Nel memoriale, intitolato A European Declaration of Independence – 2083, il norvegese spiega nei dettagli i preparativi della spedizione, invocando “l’uso del terrorismo come mezzo per risvegliare le masse”, e dice di aspettarsi di essere ricordato “come il più grande mostro dopo la Seconda Guerra Mondiale”. Emergono anche contatti con l’estrema destra Inglese. Intanto il numero delle vittime, oltre 90, potrebbe salire. Alcuni feriti sono infatti in fin di vita.

Il Libro di Anders contro il marxismo e l’Islam

OSLO – Anders Behring Breivik, il terrorista di Oslo, venerdì scorso ha inviato il suo manifesto – un libro di 1500 pagine in cui invoca una rivoluzione europea contro il marxismo, l’islam ed il multiculturalismo – ad alcuni politici dell’estrema destra finlandese. Tra i destinatari, la parlamentare di Tampere del partito dei Veri finlandesi, Terhi Kiemunki. Lo rivela un quotidiano di Helsinki, Iltalehti, secondo il quale Breivik ha spedito il suo manifesto (intitolato ‘2083 – Dichiarazione europea di indipendenzà) alle 14.20 di venerdì scorso, ovvero appena un’ora prima dell’esplosione che ha sconvolto il centro di Oslo e tre ore prima di attaccare l’isola di Utoya dove ha massacrato oltre 80 giovani attivisti del partito laburista. Il partito dei veri finlandesi nel marzo scorso è balzato al 19% diventando la terza forza politica del Paese. Ha, tra l’altro, una linea politica decisamente antieuropeista.

LA NOSTRA SOLIDARIETA’ ALLE FAMIGLIE DELLE VITTIME

La fonte di questo articolo è : TG-COM

UNA STATUA GIUNTA DAL MARE !!

buona estate arancio

fiori

Anno 1370, nella cala prospiciente il colle di Bonaria a Cagliari una cassa veniva sballottata dalla furia del mare in tempesta. I pescatori, più volte, fino 34885_3all’esaurimento, tentarono il recupero del relitto ma senza riuscirci. Chissà per quale disegno Divino l’impresa riuscì ai frati della vicina Chiesa della Mercede che videro la cassa fermarsi sulla battigia davanti ai loro piedi mentre erano assorti ad osservare con apprensione i tentativi dei pescatori. Si racconta che i frati sollevarono la cassa senza alcuno sforzo e la portarono nella loro chiesa.  La leggenda vuole che all’apertura della cassa fu trovata la statua della Madonna che teneva in mano un cero ancora acceso.

Da qui iniziò il culto e la venerazione della Madonna di Bonaria, patrona massima della Sardegna e protettrice dei naviganti in tutto il mondo.

Passano gli anni: 1492 data storica della scoperta dell’America.

241Nel secolo successivo iniziano i primi flussi migratori dei colonizzatori europei verso il nuovo mondo e l’effige della Madonna di Bonaria accompagnò molti migranti nella lunga e travagliata traversata oceanica.

Le vicende storiche di Buenos Aires, capitale dell’Argentina,  raccontano che la città fu fondata per la prima volta il 2 febbraio 1536 dai primi insediamenti europei, in prevalenza italiani e spagnoli e una minoranza di  tedeschi, greci, portoghesi, francesi, scandinavi ecc.- Si attribuisce jsd008allo spagnolo Pedro de Mendoza l’assegnazione del nome di Ciudad del Espíritu Santo y Puerto Santa María del Buen Ayre ma certamente, nell’attribuzione del nome, grande  influenza ebbe la presenza degli italiani e dei sardi in particolare.

La seconda e definitiva fondazione fu nel 1580 col nome di Ciudad de la Santísima Trinidad y Puerto de Nuestra Señora de los Buenos Aires: è confermato che la città fu battezzata con questo nome in onore del santuario di Nostra Signora di Bonaria di Cagliari in Sardegna.

Ecco come la vicenda storica viene riportata in versi dal nostro stimato amico  poeta Ottorino Mastino.

Giuseppe3.ca

fiori

Le statue sante giunte dal mare

Nostra Signora di Bonaria

Tra nubi d’uragano

e di tempesta,

244fa87ele onde cullavano una cassa,

sino alla battigia

del Colle di Bonaria.

La cassa andava e veniva

e i pescatori non riuscivano

a prenderla.

Solo i frati Mercedari

raggiunsero lo scopo,

e afferratala senza sforzo,

la portarono alla chiesa.


Colpiti furono,

aprendo la grossa cassa,

cr0lm0tk2mwdi trovare una sublime

statua della Madonna,

con in mano ancora

il moccolo acceso.


Oggi la Vergine di Bonaria,

a tutti i sardi offre

soccorso, conforto

e protezione.


Ricordando

la Madonna di Bonaria,

i nostri emigranti

nel cammino della speranza,

oltrepassando gli oceani,

raggiunsero

i margini sconfinati9gwopc240x254

delle Pampas,

diedero origine alla Capitale

dell’Argentina:

Buenos Aires,

Con ricordo e amore grande,

per la sarda Madonna di Bonaria.

Ottorino Mastino

14t0lf6.jpg

fiori

giuseppe