Archive for aprile 19th, 2011

Discutiamone ….GIUSTIZIA E’ FATTA!!!!….

image1div_001

GIUSTIZIA E’ FATTA!!!!.... DI ANGELOM

11

Una sentenza storica nel mondo del lavoro. La Corte d'Assise di Torino ha condannato a 16 anni e mezzo per omicidio volontario l'amministratore delegato della Thyssen Krupp, Harald Espenhahn, ed altri dirigenti dello stesso gruppo, accusati a vario titolo di omicidio e incendio colposo oltre che di omissione delle cautele antinfortunistiche. Ricordiamo che la notte del 6 dicembre 2007, a causa di un incendio sulla linea cinque delle acciaierie, morirono sette operai, mentre operavano nella linea di produzione. Persero la vita: Giuseppe Demasi, Angelo Laurino, Roberto Scola, Rosario Rodinò, Rocco Marzo, Bruno Santino e Antonio Schiavone.

12

La sentenza della  magistratura italiana ha stabilito che Harald Espenhahn, come sosteneva l'accusa, aveva deciso di posticipare i lavori per la messa in sicurezza dello stabilimento di Torino a una data successiva a quella della prevista chiusura e del trasferimento a Terni. E aveva deciso quindi, in modo consapevole, di tralasciare i gravi rischi a cui avrebbe sottoposto i lavoratori.

34 Al termine della lettura della sentenza il pm Guariniello ha detto:”Questa è una svolta epocale, non è mai successo che in un processo venisse riconosciuto a pieno titolo il dolo eventuale, una condanna non è mai una vittoria, né una festa, però può significare molto per la salute dei lavoratori, che da oggi potranno contare di più sulla sicurezza”. La società Thyssen Krupp Acciai Speciali Terni Spa, chiamata in causa come responsabile civile, è stata inoltre condannata al pagamento della sanzione di 1 milione di euro, all'esclusione da agevolazioni e sussidi pubblici per 6 mesi, al divieto di pubblicizzare i suoi prodotti per sei mesi, alla confisca di 800mila euro, con la pubblicazione della sentenza sui quotidiani nazionali «La Stampa», «La Repubblica» e il «Corriere della Sera». I familiari delle vittime hanno accolto questo verdetto con vera soddisfazione, consapevoli che giustizia è stata fatta. La difesa parla di verdetto con aspetti esageratamente punitivi, e farà appello.

45

Le organizzazioni sindacali, le forze politiche regionali, provinciali e comunali, umbre hanno manifestato grosse preoccupazioni per il futuro, ipotizzando la possibilità che vi siano dei pericoli di perdite molto consistenti di posti di lavoro, Infatti, Klaus Schmitz, aveva affermato che, a causa delle pene pecuniarie stabilite dalla sentenza a carico del Gruppo, sarebbe stato difficile ancora lavorare in Umbria. La  Thyssen Krupp gestisce un’azienda molto importante per Terni e l’intera regione, la “Acciai Speciali”, caratterizzata da una significativa presenza industriale fatta di investimenti tecnologici e di condizioni di sicurezza per i lavoratori, oltre ad una forte integrazione con il tessuto economico e produttivo in Italia, in Umbria e a Terni.

13 Non sappiamo se nei prossimi gradi di giudizio il reato sarà confermato, ma ci auguriamo che la sentenza dia uno stimolo a tutti gli imprenditori a dare il giusto peso alla vita dei lavoratori, troppo spesso contrapposto al profitto. ANGELOM

482f024e8146b_zoom

thyssen-pezzo

2