Archive for gennaio 16th, 2010

Buon Appetito !!

cucina

head

Oggi vi proponiamo  un pranzo con i fiocchi ...ahhahha ...

ACHILLE CRIS  RENZA  NADIA.RM   MILLY

suggeriscono   cosa si  potrebbe  fare per rendere un pranzo gustoso ............Buon Appetito !!

64c97d366e8e1ee5f83aa163a4c85a52

spritzLo spritz è un aperitivo alcolico. Nella sua forma originaria era ottenuto dalla semplice mescolanza fra acqua frizzante e vino (in prevalenza bianco), viene tuttora comunemente consumato a Venezia, Padova e Treviso. Negli anni vi sono state apportate varie modifiche fino a renderlo un vero e proprio un aperitivo.

Nel corso degli anni, la bevanda si è rapidamente diffusa nelle altre città del Veneto, del Friuli Venezia Giulia, del Trentino, dell’Emilia e anche nelle città dell’Istria, ultimamente si trova tranquillamente in tutti i bar da Milano alla Riviera Romagnola.

Non esiste una composizione univoca per lo spritz, ma varianti cittadine, a loro volta Aperitivointerpretate liberamente dai baristi, ognuno con una propria preparazione particolare. Un comune denominatore tra le varianti esistenti è comunque la presenza di vino bianco secco ed acqua minerale gassata o seltz (si può usare anche l’acqua tonica) che, quantitativamente, devono essere almeno al 40% e al 30%; il restante 30% viene completato dalle più svariate tipologie di bevande alcolche, a volte anche mischiati, con la regola non scritta di preservare una colorazione rossa del cocktail. La gradazione alcolica è quindi variabile, ma si può valutare mediamente sui 15°.

achille

CANTUCCI SALATI

Cantuccisalati11

Ingredienti:

260 gr farina bianca

3 uova

100 gr di pistacchi (quando non ho i pistacchi metto le olive nere)

100 gr olive verdi snocciolate

3 cucchiai di parmigiano o padano grattuggiato

1 cucchiaino di lieito per dolci

sale e pepe

Accendere il forno a 180°. Sbattere le uova. Tritare grossolanamente le olive. Versare in una ciotola o nell'impastatrice tutti gli ingredienti (sale ca. 1 cucchiaino). Con l'impastatrice ca 3 m, a mano lavorate con un cucchiaio di legno e aiutatevi con le mani finche' otterete un impasto omogeneo. Non deve risultare appicicaticcio, altrimenti aggiungete poca farina. Mettere il composto su un piano di lavoro e aggiungere i pistacchi, mescolare bene. misto_buffet2Suddividere l'impasto in 4 parti uguali. Formare 4 lunghi filoni, quanto è la lunghezza della vostra placca da forno. Adagiare sulla placca foderata di carta da forno mantenendo una distanza giusta. Infornare per ca. 25m. Togliere dal forno e tagliare i filoni in senso obliquo (tipica forma del cantuccio) e se si preferiscono un po' croccanti rimettere in forno per qualche minuto.

Molto appetitosi!

Cris

0131fa36aedc041c434cbd534e35d8d3

E' una pasta per tutto l'anno e ricetta saporita per cui può benissimo essere un piatto completo.

img_pasta_forno

Per 5 persone

melanzane 500 g di maccheroni,

450 g di pomodori,

due melanzane, un peperone,

pecorino,

una cipolla, A

besciamella,

burro,

aglio, olio evo, noce moscata, sale, pepe.

Prima di iniziare la cottura della pasta che sarà al dente, preparate un buon sugo di pomodoro con fondo di cipolla a julienne ma non passatelo. Nel senso che si dovranno vedere i pezzi di pomodoro. Preparate una besciamella densa con le proporzioni di 100/100, quindi un litro di latte, 100 g di farina e 100 g di burro. Lessate i maccheroni al dente e fateli raffreddare su una tavola pulita. Cucinate in un tegame le melanzane e il peperone con olio evo, cipolla trita e poco aglio, come un sugo, in pratica. In una coppa di vetro unite la pasta e conditela con salsa di pomodoro, la besciamella, il pecorino, il composto di melanzane e maccheroni-al-fornopeperoni; salate, pepate e spruzzate di noce moscata. Ricordatevi di lasciare abbastanza besciamella per nappare la pasta. Oltre alla besciamella spolverate con altro pecorino e aggiungete dei riccioli di burro. Passatela in forno per 20 minuti a 180° e servite.

Renza 0e028ef62199e6d415b904e3188286d6

filetto di vitello con piselli e scarola ingredienti

per 4 persone......

435278287

600g di filetto di vitello,

500g di piselli sgranati,

100g di prosciutto crudo,

80g di burro,

5 cucchiai di vino bianco secco,

1 cespo medio di scarola,sale e pepe bianco

filettomanzoeporciniPulire la scarola,lavarla con cura sotto l'acqua corrente,asciugarla e tagliarla a listelli sottili; tagliare le fette di prosciutto a striscioline e il filetto di vitello in 12  piccoli medaglioni da un centimetro circa di spessore. far fondere a fuoco dolce 40g di burro in una capace padella antiaderente,alzare il fuoco e rosolarvi la carne,salata e pepata,per 4 minuti,girandola delicatamente a meta' cottura con una paletta,quindi metterla da parte e tenerla in caldo coperta con un doppio foglio di alluminio. versare nella padella il vino e farlo ridurre della meta' a fuoco vivace;unire il prosciutto e dopo un minuto la scarola e cuocere per un minuto,continuando a mescolare. aggiungere i piselli e il burro rimasto,regolare di sale e portare a cottura; servire il filetto ben caldo con le verdure preparate

nadia 9b92c33d1a9e47d4cd298ecd9e2894f9

TORTA ALLA FRUTTA

DSC_0431

INGREDIENTI

Per l'impasto:

4 uova- 200 gr. di zucchero-

1 bustina di vanillina-

una presa di sale-

381f22b729706394f53efb230b02f4bb50 gr. di mandorle macinate finemente-

75 gr. farina bianca-

75 gr. di Frumina-

una bustina di lievito per dolci-

50 gr. di burro.

Per farcire e decorare:

2 buste di preparato per crema pasticcera-

500 ml. di latte-

250 gr. di ricotta-zz76c45c29

una scatola di albicocche sciroppate-

400 gr. di fragole piccole-

2 kiwi-

1 busta di Tortagel chiaro-

3-4 cucchiai di zucchero-

250 ml. di acqua. 1

cucchiaio di crema nocciola.

images_frutta2

Sbattere a schiuma i tuorli ( serbando le chiare) con 4 cucchiai di acquabollente, aggiungere gradatamente 150 gr. di p_sbattitorezucchero, vanillina, sale e sbattere fino ad ottenere una massa cremosa. Montare le chiare a neve durissima, unendovi lo zucchero rimasto. Mettere la neve e le mandorle macinate sopra i tuorli sbattuti, quindi setacciarvi sopra la farina mescolata con Frumina e, per ultimo il lievito. Incorporare delicatamente il tutto ai tuorli sbattuti, aggiungendo a piccole dosi il burro liquefatto tiepido. Foderare una lastra da forno (30x40 cm) con carta da forno, distribuirvi l'impasto e cuocere per 10-15 minuti nella parte media del forno preriscaldato (180-200°). Capovolgere il dolce su un canovaccio cosparso di zucchero, staccare la carta da forno e lasciare raffreddare. Preparare la crema pasticcera con il latte come indicato sulla confezione, unendovi la ricotta e distribuirla sul dolce. Sgocciolare le albicocche e distribuirle, un po' distanziate, sulla crema. Lavare, mondare le fragole, tagliarle a metà e disporle a mo' di petali intorno alle albicocche. Sbucciare i kiwi, tagliarli a fettine e distribuirli sul dolce a formare il prato. Preparare il Tortagel con lo zucchero e l'acqua come indicato sulla busta e distribuirlo sulla frutta. Quando il Tortagel si è solidificato, decorare il dolce con la crema alla nocciola, aiutandosi con un conetto di carta.(fare occhi e bocca).

milly

f4d137aaa6821bd5281c6f33f9453900

Un idea  per adornate un tavola , come potete vedere dei fiocchi gialli su una tovaglia blu sono un tocco di luce !!....sco

30-07-2008 9_19_41_0000

1874694280c2376ef048aab6ee9d59e55627afc9ec08ced6b417bef0733e4acc4a6babd506403ee1307f12d779601b5d

Haiti !!

Mi sembra doveroso a distanza di due giorni parlare dei nostri confratelli di sventura. Dell’isola di Haiti Purtroppo noi Italiani abbiamo una lunga esperienza di queste sventure, conosciamo anche se non direttamente la sofferenza di questo genere. In un popolo già precario bisognoso di tutto la forza incontrollabile dei terremoti gli ha messi in ginocchio.

Immagine

Geograficamente

È un isola  Haiti nel mar dei caraibi che confina con la repubblica Domenicana con capitale Santo Domingo occupa due terzi del territorio, un terzo Haiti con capitale Port-au-Prince

Dove è stato la maggiore distruzione

È il paese più povero dell’America centrale ha vissuto la colonizzazione degli spagnoli e francesi, la sua popolazione è discendente dei neri dell’Africa che schiavizzati furono.

Portati su l’isola

moto di Haiti del 2010.

Il 12 gennaio 2010 alle ore 21:53:09 GMT,[2] una prima scossa di 7.3° della Scala Richter ed altre di minore intensità ma sempre di grande potenza hanno colpito la capitale Port-au-Princee dintorni, devastando la zona. Tutti i più importanti edifici della città - compresi tre dei quattro ospedali, lacattedrale, il Palazzo presidenziale, quello del parlamento,quello dell' ONU, diversi ministeri, il "Montana" (uno dei più famosi alberghi) - sono andati distrutti o gravemente danneggiati.[3] Il bilancio provvisorio delle vittime è di 50.000 persone ma se ne prevedono addirittura 1/3 della popolazione haitiana.

Tra le vittime sicure c'è il capo della missione Onu ad Haiti Minustah Hedi Annabi[4] e l'arcivescovo diPort-au-Prince, monsignor Serge Miot[5], mentre non si hanno notizie del vicario generale, monsignor Benoit[6]. Il nunzio apostolico ad Haiti, Bernardito Auza, ha dichiarato all'agenzia Fides che la cattedrale, l'arcivescovado, tutte le grandi chiese e tutti i seminari sono ridotti a macerie[7]; stessa sorte per i ministeri, il Palazzo presidenziale, le scuole[8]. Si è avuta notizia che il presidente e la first lady sono usciti incolumi dal crollo del palazzo presidenziale.

Sono le 10:30  e queste notizie le ho prese da un’agenzia purtroppo è un bollettino di guerra. Io vorrei sperare che da una lezione che madre natura ci manda l’uomo capisca che cosa. Vuol dire solidarietà umana.

ALBA