Archive for novembre 23rd, 2009

Musei Siculi !!

italia

sicilia

musei

il continuo..........

MUSEO REGONALE DI CAMARINA (RAGUSA)

ragusa

Il museo è ubicato all'interno dell'area archeologica dell'antica città "classica" di Camarina. Il sito dista 35 Km da Ragusa ed è raggiungibile percorrendo la provinciale S. Croce-Scoglitti (Frazione del comune di Vittoria). La fondazione di Camarina, vera e propria colonia di popolamento voluta da Siracusa sulla costa meridionale della Sicilia, risale secondo Tucidide al 598 a.C. La storia arcaica della città viene funestata intorno al 552 a.C. da un forte contrasto con la madre-patria Siracusa, al quale non fù estraneo l'importante ruolo assunto nel territorio da Camarina che diviene base commerciale e sbocco sul mare del retro-terra indigeno. Il periodo di maggiore notorietà per la città è comunque quello corrispondente alla sua seconda fase di vita, quella di età classica, dagli inizi alla fine del V secolo. Dopo la distruzione ad opera dei Cartaginesi, nel 405 a.C., Camarina viene nuovamente ricostruita ad opera di Timoleonte. Questa fase della città si chiude con la distruzione romana del 258 a.C. alla quale segue una nuova ricostruzione che dà vita alla città repubblicana. La sede museale è una costruzione rurale di fine ottocento, esempio significativo di una tipologia residenziale agricola molto diffusa nella fascia costiera iblea. L'edificio, che si articola in diversi corpi di fabbrica organizzati attorno ad uno spazio centrale aperto su due lati verso la campagna, insiste nel sito dell'acropoli dove sorgeva il tempio di Athena, i cui resti sono ancora visibili all'interno di uno degli ambienti del museo. Il museo illustra la storia politica, civile ed economica della città di Kamarina, lo sviluppo urbanistico, i più importanti monumenti e la produzione materiale ed artistica. Le collezioni. Tutto il materiale archeologico esposto è frutto di ricerche archeologiche condotte dalla Soprintendenza di Siracusa che hanno interessato tanto l'area della città quanto la necropoli. L'ordinamento è cronologico, ad eccezione che per i materiali di provenienza subacquea.

CASA MUSEO GIOVANNI VERGA (CATANIA)

catania

La Casa Museo, un appartamento al secondo piano di un palazzo ottocentesco, è la dimora in cui Verga trascorse la sua infanzia e risiedette per lunghi periodi circondato dai familiari e dagli amici più cari. Dopo la morte di Giovannino Verga Patriarca, erede dello scrittore, la casa venne acquistata dalla Regione Siciliana ed aperta al pubblico dopo il restauro.

Al suo interno sono custoditi gli arredi ed i libri che appartennero a Giovanni Verga. Tra gli oltre 2600 volumi figurano opere di Giacosa, Oriani, Rod, Capuana, Di Giacomo, Deledda, Marinetti, Borgese, Villaroel, nonché di autori russi e francesi come Turgenev, Dostoevskij, Tolstoj, Gorkij, Flaubert, Maupassant, Dumas, Zola.

Dopo la scomparsa dello scrittore, alcuni decenni più tardi, in via S. Anna fu ritrovato quanto rimaneva della passione pionieristica del Verga per la fotografia.

Le lastre e le pellicole (oggi raccolte in una collezione privata) svelano un interesse documentario che, anche se casuale, certo non si discosta dall'ideologia verista.

Le fotografie ritraggono soprattutto volti familiari allo scrittore: la madre, i fratelli, gli zii, i nipoti, ma anche i contadini che lavorano per la famiglia Verga, nelle campagne di Tébidi, a Vizzini. L'interesse per la fotografia (tecnica che nella seconda metà dell'Ottocento coinvolse intellettuali della buona borghesia in un hobby, per l'epoca, decisamente d'èlite) accomunò Verga, Capuana e De Roberto, rendendoli artefici di sperimentazioni non prive di interesse.

GALLERIA REGIONALE DI PALAZZO BELLOMO DI SIRAGUSA

catania

La Galleria è attigua alla chiesa di S. Benedetto e si trova nel centro storico di Ortigia, a breve distanza dalla fontana Aretusa. La sede museale è un edificio sorto in età sveva, poi trasformato ed ampliato nel XV secolo dai Bellomo, famiglia tra le più potenti della Siracusa del '400, che lo elessero a loro residenza. Nel 1723 il palazzo venne venduto al monastero di S. Benedetto e collegato in un unico complesso architettonico all'attiguo Palazzo Parisio. Nel 1948 venne inaugurato come sede della Galleria, con una prima sistemazione museografica. Dopo radicali interventi di restauro, negli anni Settanta si pervenne al completamento dell'attuale allestimento. La Galleria illustra gli sviluppi della cultura figurativa a Siracusa e più in generale nell'area sud-orientale della Sicilia, con particolare riguardo alla produzione pittorica e alle arti decorative Le collezioni d'arte medioevale e moderna della Galleria (un patrimonio di opere databili dall'età bizantina al XVIII secolo) provengono dal Museo Archeologico di Siracusa, che nel 1940 le distaccò a Palazzo Bellomo con l'intento di valorizzarle. Parte ditali collezioni proveniva da chiese e conventi della Sicilia sud-orientale a seguito della soppressione degli ordini religiosi (1866); altre erano invece giunte al museo per acquisti e donazioni. L'ordinamento è concepito secondo un criterio rigorosamente cronologico. L'esposizione si svolge su due piani.

MUSEO ARCHEOLOGICO DI PALAZZO VARISANO DI ENNA

enna

La sede museale è Palazzo Varisano, un edificio costruito nel XVIII sec. sui resti di un impianto più antico cinquecentesco di cui restano ancora tracce negli ambienti del piano terreno.

L'edificio è anche ricordato nelle cronache storiche poiché in esso il 13 agosto del 1863 Giuseppe Garibaldi tenne il celebre discorso concluso dalla frase "...o Roma o morte".

Il museo illustra le fasi di età preistorica, classica e medievale dei siti archeologici nella provincia di Enna, ad esclusione dei territori di Centuripe, Aidone e Piazza Armerina, per i quali esistono o sono in fase di allestimento specifici musei.

Enna ha restituito materiali preistorici della prima età del bronzo, mentre le fasi successive sono meno documentate fino all'arrivo dei Greci. La città, che fu sotto l'influenza di Siracusa e Gela, era nota soprattutto per il culto di Demetra, alla quale fu dedicato un importante santuario.

La sua posizione strategica le ha permesso di mantenere l'identità di città, attraverso le varie fasi storiche fino ai giorni nostri.

Nel territorio dell'ennese, a Cozzo Matrice, sono stati messi in luce i resti di una stazione officina per la lavorazione della selce, databile alla prima età del rame, nonché tracce dell'età del bronzo e di un abitato indigeno ellenizzato. Inoltre la presenza di varie aree sacre a Demetra e Kore, insieme ad un grande antro che coincide con la descrizione di Diodoro, confermerebbe la localizzazione di questi luoghi con quelli del ratto di Proserpina. Altri centri ellenizzati furono Capodarso e Rossonmanno. Quest'ultima in particolare continuò ad esistere in età romana e bizantina.

Alla preistoria risalgono anche gli insediamenti e le necropoli attorno a Calascibetta, Pietraperzia, Assoro e Cerami. Agira, patria dello storico Diodoro Siculo (I secolo a.C.), fu importante città sicula poi grecizzata. Nella seconda metà del IV secolo a.C., sotto Timoleonte, raggiunse una grande prosperità e fu sede di importanti edifici, fra cui un grande teatro.

Le collezioni provengono da scavi effettuati dalla Soprintendenza, da acquisizioni da privati e trasferimenti dai Musei di Siracusa ed Agrigento.

L'ordinamento del Museo è curato secondo un criterio topografico dei comprensori, dei siti e dei contesti di provenienza. In ciascuna sala sono esposti i reperti e, attraverso supporti didattici, sono illustrati i luoghi di rinvenimento e la storia delle ricerche.

MUSEO REGIONALE “AGOSTINO PEPOLI “ DI TRAPANI

Immagine

La sede museale è il trecentesco ex convento dei Padri Carmelitani, ampiamente rimaneggiato tra il Cinquecento ed il Settecento. Esso è contiguo all'importante Santuario della SS.ma Annunziata, dove è conservata e venerata la statua in marmo della "Madonna di Trapani" opera concordemente attribuita a Nino Pisano. Il museo illustra, insieme alle collezioni di pittura e di scultura, lo svolgimento delle arti figurative nel territorio trapanese con particolare riferimento alle arti decorative ed applicate nelle quali la città di Trapani primeggiò soprattutto per quanto riguarda il settore delle opere in corallo, della maiolica, degli ori, degli argenti e della scultura presepiale. Le collezioni. Il nucleo essenziale delle raccolte è costituito dalle collezioni private del Conte Agostino Pepoli che ai primi del Novecento fu il promotore dell'istituzione. Ad esse si aggiunsero altre opere provenienti dalle soppresse corporazioni religiose della città, nonché dalla pinacoteca Fardelliana, costituita in prevalenza da dipinti di scuola napoletana che il Generale GB. Fardella aveva donato alla città natale. Tale nucleo originario fu arricchito successivamente per lasciti, depositi e donazioni con altre raccolte di antiquaria e di arti applicate tra le quali meritano di essere ricordate quelle del Conte Hernadez di Erice e dell'Ospizio Sieri Pepoli. L'ordinamento, oltre a porre nel dovuto risalto le opere di pittura e di scultura, dà ampio spazio ai settori delle arti decorative ed applicate.

peppe sabry

LA SALUTE

ALBA

Oggi nasce una rubrica nuova gestita dalla nostra Alba e ci accoglie in salotto x un tè buona lettura e non perdetela di vista è una bomba pronta ad esplodere con idee che torneranno utili .........

................ben entrata ALBA  nel mondo del bosco !!

Nel salotto arredato con gusto e colmo di piante si accomodiamo Zen-salotto-moderno-libreria-noce (2)-bigLa padrona di casa domanda “Celo facciamo un tè” Tutte acconsentiamo, Ma ignare della sorpresa che ci aspetta Mentre si parla del più  o del meno ecco che arriva la padrona di casa con vassoi, ,tazzine,in porcellana con disegni di caccia vero stile brughiera Teiera ricoperta con borsa termica ,con rito da vera signora inglese inizia a decantare la provenienza del suo tè. Il tuo browser potrebbe non supportare la visualizzazione di questa immagine. Il tuo browser potrebbe non supportare la visualizzazione di questa immagine. i suoi benefici. Ci guardiamo ci intendiamo ma stiamo zitte non abbiamo il coraggio di parlare. Si sapevamo che è una amante del tè ma che ci riunisse per una conferenza non ce lo aspettavamo Inizia portandoci delle diapositive il muro bianco di casa fa da schermo Avete mai visto la pianta del tè?  Ci domanda      si solleva un coro mai! Ecco  che appare la pianta nella sua più reale dimensione Mentre guardiamo ammirate un grande fusto con fogliecamelliajaponicaalbasimplex Si sente la sua voce “la pianta del tè se lasciata allo stato brado può essere alta anche 10metri perciò per il raccolto delle foglie non la si crescere non oltre 5/6metri.dal tronco dell’albero si ricava un olio benefico antisettico impegnato in erboristeria come sciampo dei pidocchi del capo,per le ferite in generale è un antisettico. Nessuno parla e lei sembra un fiume in piena Che diversità  dal tè verde a quello nero? Più  o meno qualche idea avevamo ma lei con sapienza ci chiude il becco. Il tè  verde è ottenuto dalle foglie fresche vengono trattate a vapore e fatte essiccare ad alte temperature Avevano le tazzine quasi vuote lei prontamente versò del altro tè  tu Maria disse “che Sofri di coronarie ancora una tazzina, Gianna il cuore come và lo sai che il tè è un antiossidante, noi ormai siamo nell’età che sembriamo dei pezzi arrugginiti  “senza parlare bevemmo il tè sperando di uscire da quella casa quasi nuove. Poi andò in cucina ne usci fuori con una poltiglia che rivolgendosi a me rugosa mi disse “Eccoti la maschera di bellezza”Mi sottopose alle pena Se qualcuno vuole provare Polvere di tè verde 10g Un tuorlo d’uovo Un cucchiaio argilla (non usare contenitori metallici ) Miscelare argilla ,con tuorlo d’uovo ultimo la busta dite .posa per circa 30minuti Buon risveglio alla gioventù 1121Arrivate a questo punto le dicemmo e il tè nero ?eravamo come in tran volevamo sapere ormai Lei si sentiva sicura padrona del momento ed inizio: Il tè  nero lo fanno prima seccare poi fermentare ed infine essiccare con aria calda Ricco di flavonoidi come certe verdure tipo la cipolla Molto utile al cuore per evitare  l’arteriosclerosi che come sapete è il restringimento Delle arterie ,diuretico,ecc…..                      arrivate a questo punto ci siamo scolate tutta la teiera consapevoli de beneficio del te Di una convinzione sono sicura che se abbiamo dei problemi è sembra meglio ricorrere alla medicina ufficiale Un ecocardiogramma, una risonanza valgono 1000 tazze di te augurando ai lettori di non averne mai bisogno.

albaa

Il buongiorno di NATA !!

Buongiorno a tutti ............sono Nata  !!   Oggi cari amici eldyani  voglio augurarvi una buona giornata e dirvi grazie per l'affetto che mi dimostrate ogni  giorno !!!

ANCHE AD ENRICO E LA REDAZIONE DI ELDY