Il Giorno della Memoria

 

 

Barra divis. GIF - Piccola siepe con fiorellini

 

ARBEIT MACHT FREI

(Il lavoro rende liberi)

 

ArbeitCampo d concentramento di Auschwitz

 

27  Gennaio

 

 

Per non dimenticare

 

 

shoah-anna-frankAnna Frank

 

 

Ogni anno, nel Giorno della Memoria, si ricordano gli episodi più aberranti  della Shoah,   (Olocausto), ma la riflessione su ciò che accadde nei campi di sterminio dovrebbe impegnare la nostra mente in maniera sistematica, affinché tali orrori non si ripetano più. Purtroppo atti di assoluta  disumanità continuano a perpetrarsi anche ai nostri giorni, in diversi paesi del mondo.
Il 27 gennaio 1945  i superstiti del campo di concentramento di Auschwitz furono liberati dall’Armata Rossa
La scoperta del campo di concentramento e le testimonianze dei sopravvissuti rivelarono per la prima volta al mondo l’orrore del genocidio nazista.
La data del 27 gennaio in ricordo della Shoah, lo sterminio del popolo ebraico, è indicata come data ufficiale agli stati membri dell’ONU.

 

 

**************************

 

PRIMO LEVI

 

Se questo è un uomo

 

Voi che vivete sicuri
nelle vostre tiepide case,
voi che trovate tornando a sera
il cibo caldo e visi amici:
Considerate se questo è  un uomo
che lavora nel fango
che non conosce pace
che lotta per mezzo pane
che muore per un si o per un no.
Considerate se questa è  una  donna,
senza capelli e senza nome
senza più forza di ricordare
vuoti gli occhi e freddo il grembo
come una rana d’inverno.
Meditate che questo è stato:
vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
stando in casa andando per via,
coricandovi, alzandovi.
Ripetetele ai vostri figli.
O vi si sfaccia la casa,
la malattia vi  impedisca,
i vostri nati torcano il viso da voi.

 

*******************

 

 

Barra divis. GIF - Piccola siepe con fiorellini

 

 

N.B.  –   Primo Michele Levi (Torino  1919 – Torino  1987) è stato uno scrittore,  partigiano, chimico e poeta italiano, autore di racconti, memorie, poesie  e  romanzi.
Partigiano antifascista, nel 1943 venne catturato dai nazifascisti e quindi, nel febbraio dell’anno successivo, deportato nel campo di concentramento di Auschwitz in quanto ebreo. Scampato al lager, tornò avventurosamente in Italia, dove si dedicò con forte impegno al compito di raccontare le atrocità viste e subite,  nel suoi famoso libro   “Se questo è un uomo”.

 

La Redazione del Bosco

 

images

 

 

-    NOKINA’  –  Ninna nanna che cantavano le mamme ai propri bambini, durante il tragitto  verso le camere a gas.

 

Coro Plinius –  Nokinà –  di B. de Marzi

Immagine anteprima YouTube

 

 **********************

- Il film Wunderkinder (2011), pellicola di produzione tedesca,  racconta la storia di tre bambini ebrei, accomunati da un gran talento musicale, la cui vita e amicizia sarà condizionata dall’ascesa del nazismo. (Una breve traccia della musica suonata dai bambini di cui sopra).

 

Soundtrack  Wunderkinder  –   Musica di Martin Stock

Immagine anteprima YouTube

 

 

 Barra divis. GIF - Piccola siepe con fiorellini

 

LA DOMENICA DEL BOSCO

barra div. con tondini colorati

 

 Le_nostre_ru_53938

 

 

B.D. 14

 

Giuseppe_53475

 

barra div. con tondini colorati

Oggi presentiamo una new-entry per i racconti della Domenica del Bosco: Ignazia. É iscritta in Eldy da quando ha preso dimestichezza con il PC e legge regolarmente le storie del Bosco anche se, solo saltuariamente ci onora di un suo commento. Stimolata comunque dai nostri racconti ha voluto lei stessa cimentarsi nello scrivere, raccontandoci questa sua storia che mi sembra ricca di spunti interessanti e che pubblichiamo volentieri invitando la nuova amica del Bosco ad essere più costante anche nell’esprimere il suo pensiero. Grazie!

 

Giuseppe_54882

 

barra div. con tondini colorati

 

 

Ricordi_di_u_55421

durante_la_G_55455

 

 

Ero appena un embrione di donna nel ventre di mia madre quando iniziarono i bombardamenti nella mia città: febbraio 1943. Mio padre che, per effetto degli eventi bellici, era stato richiamato sotto le armi, aveva lasciato questo regalino a mia madre prima di partire, inquadrato nelle forze di complemento della Seconda Guerra Mondiale. Le autorità comunali impartirono i comunicati che chi poteva doveva abbandonare la città verso i paesi limitrofi meno esposti alle bombe e iniziò così lo sfollamento.

 

Bombardiere in azioneBombardiere in azione

 

Mia madre, sposa da appena sei anni e madre già di due bambini, in preda alla disperazione della solitudine, decise di trasferirsi in un paesino al centro della Sardegna che si trovava a pochi chilometri dalla caserma militare dove era stato destinato suo marito, mio padre. La caserma era una postazione strategica dislocata tra i monti e dotata di armamenti antiaereo in difesa di una grande diga di sbarramento del fiume Tirso che alloggiava una importante stazione idroelettrica. Si trattava di un punto sensibile quindi non esente dalle minacce belliche da parte delle incursioni di aerei nemici sia di ricognizione che da bombardamento.

Diga di Santa Chiara sul Fiume TirsoDiga di Santa Chiara sul Fiume Tirso

Secondo le istruzioni ricevute dal marito, non so se per lettera o, molto più probabilmente, per telegramma, mia madre raccolse l’essenziale come stoviglie, indumenti, lenzuola e qualche coperta e, infagottato il tutto, si preparò a partire insieme ad una sua coetanea che si trovava nelle stesse condizioni, anche lei con due bambini: un maschietto ed una femminuccia come mia madre. Si dovevano percorrere circa 150 km. e fu un viaggio avventuroso durato due giorni e una notte con corriera, treno e ancora corriera perché la stazione ferroviaria di Cagliari era stato il primo punto sensibile distrutto dalle bombe e quindi era inagibile. Si era costretti a raggiungere una stazione intermedia del percorso con altri mezzi, proseguire con uno dei pochi treni ancora in servizio e poi ancora con una sgangherata corriera fino alla destinazione finale. Mio padre aveva preparato una casa dove presero alloggio mia madre e i suoi due bambini, mio fratello e mia sorella. Io continuavo a crescere nel ventre materno e vidi la luce qualche mese più tardi in questo paesino sperduto tra le montagne della Sardegna.

 

Piccolo paese sardo tra le montagnePaesino sardo tra le montagne

Al termine della guerra mio padre fu congedato e si poneva il problema del rientro nella città d’origine. Occorreva verificare se la casa dove si abitava prima della guerra non fosse stata distrutta dalle bombe ed era necessario la ricerca di un lavoro. Mio padre ci lasciò al paese e fece un primo viaggio di ricognizione prima di trasferire la famiglia. In una città quasi rasa al suolo e piena di macerie, i muri della nostra casa, situata alla periferia, erano rimasti fortunatamente in piedi e conteneva ancora i principali suppellettili ma tutto il resto era stato depredato: abiti, biancheria, stoviglie… non c’era più niente.

Cagliari 1943  Viale-Regina-MargheritaCagliari – Viale Regina Margherita

Il mio papà, che di professione faceva il panettiere, ebbe a constatare che purtroppo la panetteria dove lavorava prima della guerra e del suo richiamo sotto le armi, era stata distrutta dagli eventi bellici e dei proprietari non se ne sapeva nulla. Prese accordi per il lavoro in un’altra panetteria e decise di far rientrare la famiglia, si ricominciava tutto da capo.

Di tutte queste cose ne sono venuta a conoscenza quando ho iniziato ad avere l’età della ragione mentre i miei ricordi personali risalgono a quando avevo circa 5 o 6 anni, alla fine degli anni ‘40. Sentivo dire dagli adulti che era difficile risollevarsi dalle brutture e dai disastri causati da questa inutile guerra ma io, a quell’età, non potevo capire cosa fosse la guerra, ne subivo solo le conseguenze.

 

Cagliari via Crispi-Squadra di soccorso dopo le bombe (1)Cagliari – Via Crispi e squadra  di soccorso dopo le bombe

 

I ricordi sono particolarmente legati alle emozioni vissute, soprattutto a quelle che hanno provocato delle forti paure ma quelle cerco sempre di allontanarle anche se ogni tanto ritornano a galla.

Racconterò solo qualcuno degli episodi sempre presenti nella mia mente, quelli che, in un modo o nell’altro, penso siano stati utili nella formazione nel mio affacciarmi alla vita: è pur sempre un bagaglio di esperienze.

 

Primo_giorno_55576

 

Mio padre faceva il panettiere e in casa non mancava il pane ma in una famiglia con quattro figli, perché nel frattempo era nata un’altra sorellina, c’era bisogno anche di tante altre cose, era proprio il caso di dire che non si vive di solo pane. Mia mamma ci cuciva dei vestitini e lavorava a maglia per confezionarci qualche maglioncino e delle cuffiette per proteggerci dal freddo, ma aveva però poco tempo per darci le coccole delle quali i bambini hanno bisogno e io ne sentivo particolarmente la mancanza.

 

Primo giorno di scuolaPrimo giorno di scuola

 

Quando avevo sei anni ricordo il primo giorno di scuola: pioveva forte, mia mamma, dopo avermi preparato con un vestitino pulito e un maglioncino nuovo, di quelli confezionati da lei, mi portò a scuola tenendomi in braccio per proteggermi dalla pioggia e non farmi bagnare il mio unico paio di scarpe dismesse da mia sorella più grande e passate a me. In quel momento sentii tutto l’amore della mia mamma che mi stringeva a lei, mi aggrappai al suo collo e non avrei mai abbandonato quell’abbraccio.

 

Il bacio alla mammaIl bacio alla mamma

 

Il distacco fu per me drammatico, arrivati all’ingresso della scuola sentii che qualcuno mi strappava a forza dalla mia mamma e mi depositava nel corridoio che conduceva alle aule. Era il mio primo allontanamento dalla mamma e scoppiai a piangere come se il mondo mi cadesse addosso, non so come riuscirono poi a calmarmi. Allora nella scuola non esisteva la psicologa per aiutare i bambini che presentavano qualche difficoltà comportamentale.  

 

Un_Cappotto__55616

 

Nel suo mestiere il mio babbo (lo chiamavamo così), lavorava la notte perché nei panifici, il pane doveva essere pronto al mattino presto per la distribuzione nei punti vendita. Rientrava a casa al mattino, si pranzava tutti insieme poi doveva riposare per riprendere il turno la notte successiva. Affinché non si dovesse disturbare il sonno del babbo costringevano anche noi bambini a metterci a letto e a stare in silenzio. Per me era un supplizio perché avrei preferito mettermi a giocare con le sorelle ma i genitori allora erano molto severi e bisognava ubbidire.

Ricordo che nella vigilia di Natale e Capodanno il babbo non rientrava per il pranzo in quanto era uso fare il pane oltre che nella notte della pre-vigilia, anche durante il giorno di vigilia per avere il pane fresco la sera per il cenone ed essere liberi dal lavoro nel giorno festivo. In questi giorni, mio fratello ed io si andava a portare il pranzo al babbo sul posto del lavoro con un pentolino od altro contenitore adatto e si tornava indietro portando a casa il pane fresco per la famiglia.

 

Il duro lavoro del fornaioIl duro lavoro del fornaio

Erano giornate di dicembre molto fredde e mentre mio fratello indossava un cappotto riciclato dal cugino più grande, io non avevo alcun soprabito ma solo i maglioncini di lana. Dissi a mio fratello che sentivo freddo e lui, sempre di grande inventiva, non si perse d’animo: sfilò il suo braccio sinistro dalla manica del cappotto, che gli stava pure un po’ largo, mi ci fece infilare il mio braccio e richiuse il cappotto, così stavamo al caldo in due, cadenzando il passo camminando abbracciati, mentre si portavano i generi di conforto al babbo sul posto di lavoro. Forse la scena poteva apparire un poco comica ma un proverbio sardo dice:

“Fazzara callenti e arriara sa genti”

Libera traduzione:

“L’importante è stare al caldo anche se la gente ride”.

Avrei tanti altri episodi ma li racconterò un’altra volta, Buona Domenica.

 

Ignazia_54861

 

barra div. con tondini colorati

 

 

E. Morricone  – Amapola

Immagine anteprima YouTube

L’Angolo del dialogo – Politica ed Economia

 

barra div. due strice lucine colorate

Le_nostre_ru_49788

 

 

LAngolo_del__48670

Politica_ed__48735

 

Lorenzo_49813

 

barra div. due strice lucine colorate

 

 

Il_feticismo_49758

 

 

E’ un articolo di Davide Giacalone pubblicato nella News letter del Legno Storto del 6 dicembre 2012. Dunque, vecchiotto. Però di spread si parla e si parlerà sempre e comunque, a proposito e a sproposito.
Penso che sia utile farci una chiacchierata sopra. Naturalmente, se siete d’accordo.

Dunque, trascrivo l’articolo.

 

barra div. due strice lucine colorate

        

Il feticismo dello spread genera mostri politici. I mostri politici generano squilibri sociali. Gli squilibri sociali rendono più deboli le democrazie e pericolante il cammino europeo, se non compensati con consolidamenti istituzionali. Se la politica non è la mera arte della propaganda, se la posta in gioco non sono solo i voti, di queste cose occorrerebbe ragionare con la dovuta serietà.
Gli spread in divaricazione, lo abbiamo sostenuto molte volte e non ci torno, segnalano una debolezza strutturale dell’euro e dell’Unione monetaria. Se si guarda il grafico degli andamenti spagnoli e italiani si vede che non ci sono meriti o colpe nazionali, semmai l’imposizione di una svalutazione interna per reggere ai vincoli esterni. Noi toccammo il dramma nell’agosto del 2011 (governante Berlusconi), quando i mercati ritennero l’Italia più a rischio della Spagna. Per ribaltare quel giudizio occorsero mesi e soldi, non bastando certo il cambio della guardia a Palazzo Chigi.

 

spread 2

 

Oggi si festeggia uno spread in ribasso, con Mario Monti che indica simbolicamente il livello 287 (la metà del picco massimo, precedente al suo avvento), ma si dimentica che lo sfiorammo già nel marzo scorso, salvo poi tornare sopra 500. A fronte della speculazione contro i debiti sovrani, fin qui, l’unica cosa che ha funzionato è stato l’intervento della Banca centrale europea. Se si guarda con occhio libero quel che accade ci si accorge che non è la politica del rigore (necessaria, ma per altri motivi) che fa scendere lo spread, ma l’avere preso atto che non porta da nessuna parte.
Ridescritto il feticismo dello spread, il mostro politico consiste nel credere che la salvezza stia proprio in quel che ha fallito. Tanto è vero che quelle politiche sarebbero dovute servire a comprimere i debiti, pur mettendo nel conto spiacevoli effetti recessivi, e, invece, la recessione c’è, ma i debiti crescono. Non funziona. S’è guadagnato tempo, certamente, ma s’è perso denaro. Nel caso italiano s’è perso quello dei contribuenti che sono stati chiamati a pagare di più, salvo ritrovarsi con un debito pubblico più alto in valore assoluto e più pesante sul pil.

 

spread   6

 

Se la sinistra italiana (ma non solo, vale anche per i francesi) pensa di festeggiare gli effetti della “serietà” fantasticando di rilancio, ha sbagliato indirizzo, perché questo genere di politiche non prevede alcun rilancio. E se pensa di mascherare la mancata ripresa con altro moralismo fiscale, tanto che Bersani oramai neanche nasconde più il desiderio di una (ulteriore) patrimoniale (senza contestuali ed equivalenti abbattimenti Irpef), ciò acuirà la recessione, diminuirà la ricchezza e accrescerà gli squilibri sociali.

 

spread  10

 

Gli italiani che non arrivavano alla quarta settimana, protagonisti della propaganda che ci voleva vittime dell’iniquità, ovviamente figlia del mitico e inesistente “liberismo selvaggio”, erano più ricchi di quelli che dovrebbero festeggiare il rigore e il calo degli spread. Con l’aggravante che si aizza sempre di più la guerra interna, facendo credere che la colpa sia di chi non paga abbastanza, laddove, al contrario, non solo i benestanti onesti già pagano troppo, ma il problema è la spesa fuori controllo e un debito non abbattuto con dismissioni.

 

spread 13

 

E qui si giunge al paradosso: nel caos schiamazzante della politica nostrana è evidente che Mario Monti rappresenta un punto di stabilità, e anche un riferimento per gli interlocutori internazionali, ma la politica del suo governo ha avuto effetti negativi. Per giunta destinati a riverberarsi nel futuro prevedibile. Mettiamola così: il Monti che alza le tasse va male, ma agisce perché non ha alternative immediate; il Monti che constata l’insostenibilità dei costi sanitari (del welfare disfunzionale tutto, in verità) va bene, ma si frena perché non ha tempo e forza.

 

Spread  3

 

Se si abbraccia il primo Monti e si cancella il secondo, come farebbe la sinistra bersanian-vendoliana, spezziamo l’Italia e ne distruggiamo il sistema produttivo.
Né, del resto, sembrano più promettenti quanti sanno solo dire: Monti-Monti-Monti, con lo stesso acume di chi fa gli scongiuri. O una destra che dice… già, cosa dice? A questo aggiungete che gli sfasciacarrozze sono quotati quale secondo partito. Ciò ci dice che se non c’è ragione di credere che i pericoli esterni siano cessati, ve ne sono molte, e solide, per metterci in guardia dai pericoli interni. Cui ci si abbandona con festosa voluttà.

 

 barra div. due strice lucine colorate

 

Sono ragionamenti ancora validi. E non importa che non ci sia più Berlusconi, né Monti, né Letta, e che ora c’è Renzi, che cambierà, ecc. ecc. Il feticcio dello spread rimane. E, anche se in sottofondo, rimane come un incubo. D’altra parte, è scontato che il rapporto fra l’andamento dei nostri titoli e quelli tedeschi mostrerà sempre un divario, più o meno grande. Mah. Ragioniamoci su perché ci sono varie implicazioni. E l’articolo, a mio parere, consente di parlare di tutti i problemi dell’economia, in Italia e nel mondo.
In piena libertà.

 

Lorenzo_49039

 

 

barra div. due strice lucine colorate

Richard Clayderman  – Au bord de la rivière

 

Immagine anteprima YouTube